India e Cina giocheranno ruoli critici nel determinare la traiettoria dell'aumento della temperatura: agenzie di intelligence statunitensi

0
63

La maggior parte dei paesi dovrà affrontare scelte economiche difficili e probabilmente conterà su innovazioni tecnologiche per ridurre rapidamente le proprie emissioni nette in un secondo momento. (Immagine rappresentativa)

In vista della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, una valutazione delle agenzie di intelligence statunitensi ha affermato che India e Cina svolgeranno un ruolo fondamentale nel determinare la traiettoria dell'aumento della temperatura.

Il National Intelligence Council americano, nel suo ultimo rapporto di stima dell'intelligence nazionale di giovedì, ha osservato che è probabile che le tensioni geopolitiche crescano mentre i paesi discutono sempre più su come accelerare le riduzioni delle emissioni nette di gas serra necessarie per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi sul clima .

Il dibattito sarà incentrato su chi ha maggiori responsabilità nell'agire e nel pagare, e quanto velocemente, e i paesi competeranno per controllare le risorse e dominare le nuove tecnologie necessarie per la transizione verso l'energia pulita.

https: //images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La maggior parte dei paesi dovrà affrontare scelte economiche difficili e probabilmente conterà su scoperte tecnologiche per ridurre rapidamente le proprie emissioni nette in un secondo momento.

“Cina e India giocheranno un ruolo fondamentale nel determinare la traiettoria dell'aumento della temperatura,” ha affermato il rapporto pubblicato dal National Intelligence Council in vista della 26a Conferenza delle parti sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (COP26) a Glasgow.

Il rapporto afferma che Cina e India sono la prima e la quarta più grande rispettivamente, ed entrambi stanno aumentando le loro emissioni totali e pro capite, mentre gli Stati Uniti e l'UE, al secondo e terzo posto, stanno diminuendo.

“Sia la Cina che l'India stanno incorporando più fonti energetiche rinnovabili e a basse emissioni di carbonio, ma diversi fattori limiteranno il loro spostamento di carbone.

“Hanno bisogno di modernizzare le loro reti, hanno costi affondati che rendono relativamente più economico l'uso del carbone rispetto ad altre fonti energetiche, vogliono ridurre al minimo la dipendenza dalle importazioni di carburante per motivi di sicurezza nazionale e stanno cercando di placare i collegi elettorali nazionali che si affidano all'industria del carbone per i posti di lavoro,” diceva il rapporto.

La Cina rappresenta circa il 30% delle emissioni globali e si è impegnata a raggiungere il picco prima del 2030, ma i modesti obiettivi di riduzione delle emissioni nel suo 14° piano quinquennale (2021-2025) nel 2021 lo mettono in discussione.

&# 8220; la Cina non ha pubblicamente articolato piani dettagliati per raggiungere il suo obiettivo di zero emissioni nette per il 2060; per farlo, riteniamo che Pechino dovrebbe mantenere l'impegno del presidente Xi Jinping al vertice sul clima degli Stati Uniti di aprile di eliminare gradualmente il consumo di carbone.

“L'India quasi certamente aumenterà le sue emissioni man mano che si sviluppa economicamente. I funzionari indiani non si sono impegnati a una data obiettivo zero e hanno invece invitato i paesi con economie più grandi a ridurre le emissioni,” afferma il rapporto.

Il Consiglio ha ritenuto che le tensioni transfrontaliere probabilmente aumenteranno su bacini idrici condivisi di superficie e sotterranei poiché l'aumento della variabilità meteorologica esacerba le condizioni preesistenti o innesca una nuova insicurezza idrica in molte parti del mondo.

Gli effetti dei cambiamenti climatici sul clima locale e regionale, compresa la perdita di ghiacciai e siccità e inondazioni più frequenti ed estreme, renderanno la gestione dell'acqua, l'allocazione delle risorse e la fornitura di servizi più complesse e difficili, e probabilmente più controverse.

& #8220;Sebbene le previsioni scientifiche non siano sufficientemente precise per individuare probabili punti di infiammabilità, valutiamo che diverse aree sono ad alto rischio,” ha detto.

“Per gran parte della sua irrigazione, il Pakistan fa affidamento sull'acqua di superficie a valle dei fiumi fortemente alimentati dai ghiacciai originari dell'India e richiede dati frequenti dall'India sugli scarichi fluviali per fornire un preavviso per evacuare i villaggi e prepararsi alle inondazioni,&#8221 ; afferma il rapporto.

Il bacino del fiume Mekong è già un'area di crescente controversia sulla costruzione di dighe, in gran parte da parte della Cina, che minaccia il flusso regolare dell'acqua per l'agricoltura e la pesca su cui fanno molto affidamento altri paesi, in particolare la Cambogia e Vietnam, diceva.

Secondo il rapporto, la comunità dell'intelligence statunitense ha identificato 11 paesi e due regioni di grande preoccupazione per la minaccia del cambiamento climatico.

Questi paesi preoccupanti sono altamente vulnerabili agli effetti fisici e non hanno la capacità di adattarsi, suggerendo che costruire la resilienza ai cambiamenti climatici in questi paesi sarebbe particolarmente utile per mitigare i rischi futuri per gli interessi degli Stati Uniti.

“Cinque degli 11 paesi si trovano nell'Asia meridionale e orientale — Afghanistan, Birmania (Myanmar), India, Pakistan e Corea del Nord; quattro paesi sono in America centrale e nei Caraibi — Guatemala, Haiti, Honduras e Nicaragua; Colombia e Iraq completano la lista,” ha aggiunto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.