G20 spaccato sul carbone, limite climatico di 1,5 gradi in vista del vertice di Roma – fonti

0
56

Un manifestante alza un cartello mentre partecipa allo sciopero per il clima del Fridays for Future a Milano, in Italia, prima della riunione della COP26 di Glasgow. La foto è stata scattata il 1° ottobre 2021. (REUTERS)

Il Gruppo dei 20 paesi ricchi è diviso sull'eliminazione graduale del carbone e si impegna a limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius mentre si preparano per un vertice cruciale a Roma la prossima settimana, fonti familiari con le trattative detto.

La necessità di ridurre le emissioni sarà in cima all'agenda della riunione del G20 di Roma del 30-31 ottobre, vista come un trampolino di lancio chiave immediatamente prima dei più ampi colloqui sul clima delle Nazioni Unite, chiamati COP 26, che si terranno a Glasgow, in Scozia.

Leggi anche |Cosa c'è in gioco alla COP26?

Finora grandi inquinatori come la Cina e l'India hanno puntato i piedi e sono stati fatti pochi progressi da quando i ministri dell'Energia e dell'Ambiente del G20 si sono incontrati a Napoli a luglio, hanno affermato tre fonti, chiedendo di non essere nominate a causa della sensibilità del parla.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“I paesi non si stanno muovendo, al momento si stanno ancora solo assicurando che le loro posizioni siano ascoltate forte e chiaro,” ha detto una delle fonti.

Tuttavia ha aggiunto che tale intransigenza era normale in questa fase ed è improbabile che qualsiasi concessione arrivasse prima che gli sherpa del clima del G20 si incontrassero faccia a faccia giovedì e venerdì prossimi, immediatamente prima che i loro leader e #8217; riunione del fine settimana.

“Dove vedo il problema è nell'impegno a 1,5 gradi e nella graduale eliminazione del carbone e dei combustibili fossili da parte di Cina, India e Russia,” ha affermato un'altra fonte, un ministro del G20.

A Napoli, i ministri dell'Energia e dell'Ambiente hanno riconosciuto l'opportunità di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi, ma non hanno espresso un chiaro impegno per raggiungere l'obiettivo.

Inoltre, non sono riusciti a raggiungere un accordo unanime sulla fissazione delle date per porre fine ai sussidi ai combustibili fossili, fermare il finanziamento internazionale dei progetti sul carbone e eliminare gradualmente l'energia a carbone, chiedendo ai leader di colmare le lacune al prossimo vertice di Roma.

Top News Right Now< ul class="pdsc-related-list">

  • 'L'infrastruttura giudiziaria dei tribunali è sempre un ripensamento': CJI solleva preoccupazioni in presenza del ministro della Legge
  • Amit Shah a Srinagar, incontra la famiglia dell'ispettore ucciso da terroristi
  • Kerala: tre anni e le devastazioni del cambiamento climatico
  • Clicca qui per ulteriori informazioni

    I BIG HITTER STAI A CASA

    < p>Almeno quattro leader del G20 non dovrebbero venire a Roma, tra cui il cinese Xi Jinping, alla guida del più grande emettitore di gas serra del mondo, e il russo Vladimir Putin, capo del più grande produttore di energia.

    Una fonte ha affermato che mentre tali assenze non erano “un grande segnale politico,” non impedirebbero necessariamente il progresso.

    Né la Russia, né la Cina né l'India si sono impegnate a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, considerato un obiettivo vitale per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. non promettendo zero emissioni nette entro il 2050, ha affermato una delle fonti.

    Cina e India sono anche tra un gruppo di paesi che non hanno ancora presentato nuovi piani nazionali, noti come contributi determinati a livello nazionale (NDC) in vista della COP 26, su come contribuiranno a frenare il cambiamento climatico.

    La COP26 presidente, il britannico Alok Sharma, ha detto in un discorso di questo mese che il G20, che rappresenta l'80% delle emissioni globali, sarebbe “creare o distruggere” per aver raggiunto il successo a Glasgow.

    Tuttavia, una delle fonti ha affermato che le scoperte erano più probabili a Glasgow che a Roma. Grandi emettitori come Cina, India e Russia tendono a sentirsi sotto pressione e perseguitati dai paesi occidentali al G20, ha detto, mettendoli sulla difensiva e riluttanti a cedere terreno.

    Il forum delle Nazioni Unite molto più ampio era più “neutrale” e favorevole al compromesso, ha affermato.

    Il G20 di Roma si concentrerà anche sulla pandemia di coronavirus e su come favorire la ripresa economica globale, ha detto mercoledì il primo ministro italiano Mario Draghi, che presiederà l'incontro.< /p>

    📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

    Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

    • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.