L'India e Israele possono aiutare a guidare la cooperazione in Medio Oriente?

0
47

L'India sta lavorando alla creazione di partnership con paesi come gli Emirati Arabi Uniti e Israele. (AP)

I migliori diplomatici di India, Stati Uniti, Israele ed Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno tenuto lunedì una riunione ministeriale virtuale, che è stata lodata come un primo passo verso l'espansione della cooperazione quadrilatera in Medio Oriente e Asia.

Il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar, i ministri degli Esteri Yair Lapid di Israele e lo sceicco Abdullah bin Zayed degli Emirati Arabi Uniti sono stati raggiunti dal Segretario di Stato americano Antony Blinken per discutere di lavorare insieme più da vicino sulla crescita economica e le questioni globali ,” e ha concordato un ” follow-up rapido,” Jaishankar ha twittato dopo l'incontro.

Jaishankar è arrivato in Israele domenica ed è apparso fianco a fianco con Lapid durante l'incontro virtuale.

https://images.indianexpress.com/2020/08 /1×1.png

A una tavola rotonda di affari insieme a funzionari governativi e amministratori delegati domenica a Gerusalemme, Jaishankar ha affermato che Israele era per molti versi il partner più affidabile e innovativo dell'India,” lo riporta il sito web di notizie del Times of Israel.

“Il grado di fiducia tra di noi è molto alto,” ha detto Jaishankar.

Dopo la riunione di lunedì, Israel’s Lapid ha elogiato l’insieme unico di capacità, conoscenze ed esperienze del gruppo che possono essere utilizzate per creare il rete che tutti noi vorremmo vedere creata.”

“La chiave del successo è la rapidità con cui possiamo passare da ‘governo a governo’ a ‘business-to-business’? Quanto velocemente possiamo trasformare questo in un processo di lavoro che metterà le basi per il terreno, cambiando le infrastrutture in tutto il mondo,” ha affermato il ministro degli Esteri.

Dopo l'incontro, c'è stato un accordo sulla formazione di un gruppo di lavoro congiunto per elaborare idee per la cooperazione in materia di economia, tecnologia, trasporti e sicurezza, secondo quanto riportato dal quotidiano indiano Economic Times. .

I colloqui si basano sugli accordi di Abraham

L'incontro virtuale si svolge circa un anno dopo la firma degli Accordi di Abraham a Washington, che ha avviato il processo di normalizzazione delle relazioni tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti.

Gli accordi hanno poi aperto parti del Golfo a Israele e viceversa. -versa, segnando la fine di decenni di sfiducia.

Da allora, Israele ha aperto ambasciate negli Emirati Arabi Uniti e in Bahrain, 130.000 turisti israeliani senza precedenti hanno visitato gli Emirati Arabi Uniti ed è stato istituito il Consiglio d'affari UAE-Israele.

I funzionari hanno mostrato entusiasmo per continuare lo slancio sulla scia degli accordi di Abraham.

Una dichiarazione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti rilasciata dopo il vertice virtuale ha affermato che il segretario Blinken ha ribadito il sostegno degli Stati Uniti agli accordi di Abraham e ha discusso delle future opportunità di collaborazione nella regione e nel mondo. con gli altri diplomatici.

Ciò include l'espansione della cooperazione economica e politica in Medio Oriente e in Asia, anche attraverso il commercio, la lotta ai cambiamenti climatici, la cooperazione energetica e l'aumento della sicurezza marittima.

< strong>Un nuovo tipo di ‘Quad’ per il Medio Oriente?

L'India fa già parte del cosiddetto Quadrilatero Security Dialogue (Quad) con Stati Uniti, Australia e Giappone per garantire un “Indo-Pacifico libero, aperto e basato su regole” sullo sfondo di una Cina in ascesa.

Tuttavia, è probabile che qualsiasi cooperazione quadrilatera simile in Medio Oriente si concentri maggiormente sulla promozione dei legami economici, tecnologici e di sviluppo, piuttosto che sul dialogo orientato alla sicurezza rivolto all'Indo -Pacifico.

Tuttavia, la cooperazione India-Israele in materia di antiterrorismo e difesa si è ampliata negli ultimi anni. Israele è stato uno dei maggiori fornitori di hardware militare all'India, con un commercio di difesa tra i due paesi del valore di circa 1 miliardo di dollari all'anno.

Anche i legami energetici ed economici tra l'India e gli Emirati Arabi Uniti si sono ampliati in modo significativo.

Gli esperti affermano che la cooperazione con Israele, gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti può consentire all'India di approfondire l'impegno con Israele senza danneggiare le sue relazioni con altri stati arabi nel Golfo Persico.

“Le possibilità per Nuova Delhi sono immense,” Lakshmi Priya, analista del Manohar Parrikar Institute of Defense Studies and Analyses, ha detto a DW.

Ha detto che l'India potrebbe trarre vantaggio dallo sviluppo guidato dalla tecnologia israeliana e dagli investimenti degli Emirati Arabi Uniti, contribuendo con risorse umane e un ampio mercato di consumo.< /p>

“È un esempio dell’estensione dei legami dell’India con i paesi del Golfo mentre va oltre l’energia, il commercio e le rimesse,” ha aggiunto.

L'ex diplomatico indiano, Deepa Gopalan Wadhwa ha detto a DW che il quadro istituzionale di un potenziale “Quad” mediorientale potrebbe seguire l'evoluzione della versione indo-pacifica.

“Gli ambiti di cooperazione sono simili, anche se le sfide geopolitiche differiscono.”

L'India 8217; la politica estera sta cambiando?

Mentre l'India si muove verso la costruzione di partenariati, gli esperti affermano che Nuova Delhi cerca equilibrio e stabilità nella regione perseguendo approcci più multilaterali per spostare le sfide geopolitiche.

Raja Mohan, direttore dell'Institute of South Asian Studies di Singapore, ha scritto di recente sul quotidiano Indian Express che Nuova Delhi è ora pronta a passare dalle relazioni bilaterali condotte in silos separati verso una politica regionale integrata

& #8220;È improbabile che il nuovo Quad in Medio Oriente sia l'unica nuova coalizione indiana nella regione,” Egli ha detto. “Fornisce un modello ragionevole per perseguire un'ampia gamma di ‘minilateral’ partnership nella regione.”

La politica estera indiana in Medio Oriente ha a lungo definito gli Stati Uniti un fattore destabilizzante. New Delhi ha quindi mantenuto una ragionevole distanza politica dalla politica strategica di Washington nella regione.

Approfondendo la cooperazione con il Quad nell'Indo-Pacifico, e ora avviandosi verso la costruzione di migliori legami con i paesi del ovest, gli esperti dicono che l'India sta spostando le sue priorità di politica estera.

< /p>

Un Quad del Medio Oriente, “proietterà l'immagine di Nuova Delhi come una potenza dell'Asia meridionale più vicina a Washington che a Mosca e certamente ostile a Pechino,” ha affermato l'analista Priya.

“A differenza di altri gruppi di cui l'India è membro, questo sarebbe orientato ai risultati,” P R Kumaraswamy, professore di studi mediorientali contemporanei presso la Jawaharlal Nehru University, ha detto a DW.

“Gli altri tre paesi sono più desiderosi di risultati e quindi il loro approccio costringerà l'India ad andare oltre le parole,” ha aggiunto.

“Anche se non diventerà un'organizzazione strutturata, il mini-Quad costringerà l'India ad abbandonare il suo perenne problema di non parlare,” ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.