Investire riserve forex in azioni può ottenere rendimenti più elevati: rapporto RBI

0
73

Un certo numero di banche centrali sta investendo in azioni in una forma o nell'altra.

L'investimento delle crescenti riserve valutarie dell'India in fondi azionari, in particolare fondi indicizzati, può ottenere rendimenti più elevati poiché i tassi di interesse che hanno registrato una traiettoria discendente negli ultimi quattro decenni nelle economie avanzate, hanno toccato i loro minimi storici, una banca di riserva of India (RBI) ha detto.

“L'investimento in azioni è considerato rischioso, soprattutto per una banca centrale, che è responsabile della salvaguardia delle riserve. Tuttavia, l'investimento di una piccola parte delle riserve in un fondo indicizzato ha il potenziale per aumentare il rendimento del portafoglio”, afferma un rapporto della RBI su “L'ambiente a basso rendimento e la gestione delle riserve Forex”. L'8 ottobre 2021 le riserve valutarie totali erano di 639,51 miliardi di dollari. 30 anni sarebbero stati rispettivamente 13,3 per cento, 11,1 per cento, 7,3 per cento, 5,4 per cento, 7,4 per cento e 8,5 per cento.

“Ciò implica che se detenuto per un periodo di tempo da lungo a molto lungo, nonostante la volatilità nel frattempo, può non solo preservare il capitale, ma anche ottenere un rendimento molto più elevato rispetto alla maggior parte degli investimenti”, afferma il rapporto. Per inciso, a maggio, la RBI aveva alzato bandiera rossa sulla questione di una “bolla” nei mercati azionari. “Questo ordine di inflazione dei prezzi delle attività nel contesto della stimata contrazione dell'8% del PIL nel 2020-21 pone il rischio di una bolla”, ha affermato la RBI nella sua relazione annuale per il 2020-21. Il 22 agosto 2020, il governatore della RBI Shaktikanta Das ha dichiarato che c'era una chiara disconnessione tra la forte impennata dei mercati e lo stato dell'economia reale, poiché l'eccesso di liquidità globale stava facendo salire i prezzi delle attività in tutto il mondo.

https://images. indianexpress.com/2020/08/1×1.png

In una recente interazione con The Indian Express e Financial Times, Das aveva affermato: “A livello globale, c'è una liquidità in eccesso e i prezzi delle azioni sono molto alti e stanno esplodendo in quasi tutti i mercati, inclusa l'India… Ma volevo menzionare è che non ci sono prove di alti prezzi delle attività, vale a dire gli alti prezzi delle azioni, che alimentano l'inflazione generale o i prezzi generali.”

“Non ci sono prove che dimostrino che l'elevata liquidità si sta alimentando nei prezzi generali”, ha affermato Das. Martedì il Sensex ha raggiunto nuovi picchi e ha superato il livello di 62.000 nel trading intraday. I mercati azionari delle EME (economie di mercato emergenti) sono stati colpiti ad agosto dal giro di vite regolamentare della Cina e hanno continuato a scendere a settembre a causa delle preoccupazioni relative alla Cina e del cambiamento nell'orientamento della politica monetaria di diversi AE. I mercati azionari nelle EME come India e Russia, tuttavia, hanno raggiunto i massimi storici a settembre e hanno continuato a salire a ottobre.

Alla fine di marzo 2021, su un totale di attività in valuta estera di $ 536,69 miliardi, $ 359,88 miliardi sono stati investiti in titoli, $ 153,39 miliardi sono stati depositati presso altre banche centrali e la BRI e il saldo $ 23,43 miliardi comprendeva depositi presso banche commerciali estere. Tutte queste strade portano tassi di interesse molto bassi. Le riserve auree valevano 38 miliardi di dollari.

“Il rendimento dei fondi dell'indice azionario S&P 500 è paragonabile a quello dell'oro per un lungo periodo di tempo”, ha affermato. Un certo numero di banche centrali sta investendo sempre di più in azioni in una forma o nell'altra. La Banca nazionale svizzera, ad esempio, ha un investimento del 20% delle sue riserve in azioni. Inoltre, i governi regionali delle principali economie avanzate emettono obbligazioni che, in molti paesi, portano la garanzia implicita del sovrano, afferma il rapporto della RBI.

“Hanno anche rendimenti migliori rispetto ai sovrani. I gestori delle riserve potrebbero investire una piccola percentuale delle loro riserve in tali titoli di debito subnazionali nei paesi sviluppati come Germania, Australia, Canada, ecc. e obbligazioni delle agenzie statunitensi”, ha affermato. Allo stesso modo, nella maggior parte dei casi, anche le agenzie sovranazionali più quotate rendono meglio di quelle sovrane. Se i gestori delle riserve possono scendere ulteriormente lungo la curva del credito, possono ottenere rendimenti ancora più elevati.

I gestori delle riserve di solito investono in titoli sovrani con rating elevato come i paesi del G10 poiché hanno mercati obbligazionari profondi e soddisfano i criteri di sicurezza e liquidità dei gestori delle riserve. Tuttavia, ci sono alcuni paesi che sono relativamente stabili finanziariamente, hanno un rating elevato e offrono rendimenti migliori rispetto ad alcuni paesi del G7, afferma il rapporto della RBI.

📣 L'indiano Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie economiche, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd