Opposizione venezuelana, Norvegia esorta il governo Maduro a riprendere i colloqui

0
55

Il presidente venezeulano Nicolás Maduro.

Il presidente della squadra negoziale dell'opposizione venezuelana durante i colloqui con il governo ha esortato domenica l'amministrazione del presidente Nicolas Maduro a riprendere il dialogo il prima possibile, dopo che il governo ha sospeso la sua partecipazione questo fine settimana.

Il governo di Maduro, che ha deriso l'invito a riprendere i colloqui, ha messo le conversazioni in sospeso dopo che l'uomo d'affari colombiano Alex Saab, un inviato venezuelano, è stato estradato negli Stati Uniti da Capo Verde sabato per essere accusato di corruzione.

Leggi |Il Venezuela interrompe i colloqui dopo l'estradizione dell'alleato di Maduro negli Stati Uniti

È stata l'ultima battuta d'arresto nei colloqui sponsorizzati dalla Norvegia tra le due parti, che devono ancora fare progressi concreti verso la fine della lunga crisi sociale ed economica del Venezuela. La maggior parte dei venezuelani vive in povertà, soffrendo per mancanza di benzina e frequenti blackout elettrici. Milioni di persone sono emigrate in cerca di lavoro e migliori condizioni di vita.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Esortiamo la nostra controparte a riavviare quanto prima la sessione in Messico per produrre gli accordi necessari,” ha detto il negoziatore dell'opposizione Gerardo Blyde, parlando da Città del Messico. La Norvegia ha fatto eco a quella chiamata su Twitter, dicendo che i negoziati sono l'unica soluzione.

“Continueremo a lavorare affinché le parti, quanto prima, continuino il loro importante sforzo al tavolo dei negoziati,” ha twittato il ministero degli Esteri norvegese. Sabato, il legislatore del partito socialista Jorge Rodriguez, a capo della squadra negoziale del governo, ha annunciato la sospensione.

Il governo venezuelano a settembre ha chiamato Saab – che è stato arrestato nel giugno 2020 quando il suo aereo si è fermato a Capo Verde per fare rifornimento – come negoziatore. La sua inclusione nella squadra negoziale è stata ampiamente vista dai critici di Maduro come un tentativo di ritardare la sua estradizione.

“Il governo degli Stati Uniti sapeva che rapendo Alex Saab avrebbe fatalmente pugnalato il dialogo e i negoziati in Messico e ha agito,” Maduro ha detto domenica sera alla tv di stato. “Non vogliono il dialogo.

“Il Venezuela denuncerà le accuse contro Saab alle Nazioni Unite, ha detto Maduro, aggiungendo che arriveranno altre risposte all'estradizione. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato Saab nel 2019 in relazione a uno schema di corruzione per sfruttare il tasso di cambio controllato dallo stato del Venezuela.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

Gli Stati Uniti gli hanno anche imposto sanzioni per aver presumibilmente orchestrato una rete di corruzione che secondo Washington ha permesso a Saab e Maduro di trarre profitto da un programma di sussidi alimentari gestito dallo stato. Gli avvocati di Saab hanno definito le accuse statunitensi “motivate politicamente”.

“Dozzine di sostenitori hanno sventolato cartelli per sollecitare il rilascio di Saab durante un raduno a Caracas alla presenza di sua moglie, Camilla Fabri.”Ciò che più preoccupa gli Stati Uniti è che mio marito, Alex Saab, non arrendersi mai,” Ha detto Fabri, leggendo anche una lettera di Saab in cui afferma di non poter collaborare con gli Stati Uniti perché non ha commesso alcun crimine. Saab dovrebbe fare la sua prima apparizione in tribunale lunedì.

Poche ore dopo l'estradizione di Saab, il Venezuela ha revocato gli arresti domiciliari a sei ex dirigenti della raffineria Citgo, una sussidiaria statunitense della compagnia petrolifera statale PDVSA.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.