Cosa sono i file e le cartelle del computer?

0
63
Stokkete/Shutterstock.com

File e cartelle sono una metafora comune per memorizzare dati su un computer. Anche un dispositivo moderno che ti nasconde i file il più possibile li utilizza ancora sotto il cofano. Ecco cosa sono i file e le cartelle e in che modo i computer sono arrivati ​​in questo modo.

Cos'è un file?< /h2>

Quando si tratta di computer, un file è un'idea astratta. È un oggetto concettuale — più precisamente, un gruppo di record informatici correlati trattati come una singola unità. Il metodo con cui i sistemi operativi dei computer archiviano e recuperano i file dal disco è chiamato file system.

RELATEDChe cos'è un file system e perché ce ne sono così tanti?

I file tengono insieme i dati correlati in modo che non vengano persi o disorganizzati e che tu possa trovarli quando devi leggerli o elaborarli. Di solito, ogni file rappresenta un singolo documento (come una relazione su un libro), un foglio di calcolo, un'immagine digitale, un video, una canzone o altro. Un file può anche essere un programma che dice a un computer cosa fare.

Le applicazioni utilizzano molti file per funzionare, inclusi file di programma eseguibili (che contengono le istruzioni necessarie per eseguire il programma), file di configurazione (che dicono il programma come eseguire) e file di dati che potrebbero memorizzare informazioni aggiuntive richieste in modo modulare.

Oggi, grazie alle icone grafiche del sistema operativo, molte persone pensano che un file sia equivalente a un documento come un pezzo di carta, o forse una stampa fotografica. È interessante notare che il termine “file del computer” ha avuto origine negli anni '50 da una metafora diversa (ma correlata).

Le origini della metafora dei file

In un ufficio cartaceo, un “file” è un insieme di documenti conservati insieme in un contenitore o in un cassetto, come in uno schedario. Un file può anche essere il nome del cabinet stesso. Agli albori dell'informatica, molti computer utilizzavano schede perforate per memorizzare i dati. Ogni scheda non conteneva molte informazioni, quindi un programma o un insieme di record in genere si estendeva su una pila di schede perforate. Quando non erano in uso, queste pile di schede venivano spesso conservate in un file (una raccolta di schede correlate raggruppate insieme) all'interno di uno speciale schedario o in grandi vasche chiamate “schede da vasca.”

< figure style="width: 650px" class="wp-caption alignnone">Gli operai estraggono le schede perforate da un archivio della vasca, circa 1960. IBM/Museo di storia del computer

Quando arrivava il momento di caricare i dati nel computer, qualcuno recuperava un “file di schede perforate” e caricarlo in una macchina per la lettura. Quindi, a quel tempo, un file informatico era solo una raccolta fisica di documenti archiviati su carta. Più tardi, quando il nastro magnetico è entrato in uso nel computer, “file” erano ancora tipicamente associati al supporto fisico stesso (come un “file nastro”), poiché i dati erano archiviati in modo lineare e associati ad altri record in base alla loro posizione su uno spool di nastro fisico.

Secondo l'Encyclopedia of Computer Science di Anthony Ralston (1976), quando i dischi magnetici ad accesso casuale sono apparsi sulla scena, il concetto di “file di computer” cominciò a liberarsi dai suoi vincoli fisici. Quando i dischi rigidi diventano abbastanza grandi, un file di computer (una raccolta di record correlati, ricorda) potrebbe improvvisamente vivere ovunque sul disco, anche spezzato in pezzi–cioè, non necessariamente archiviato in modo fisicamente contiguo sul disco’ superficie di s. A quel punto, un file informatico è diventato un concetto logico: una raccolta di dati definita da un indice digitale piuttosto che una raccolta di dati fisicamente raggruppati. Questa definizione persiste oggi.

Cos'è una cartella?

Una cartella è una raccolta di file. Nei moderni sistemi operativi, ogni cartella può contenere in genere file, altre cartelle o entrambe. Le cartelle sono un ottimo modo per organizzare i file in gruppi che hanno senso per un successivo recupero.

Un aspetto potenzialmente confuso delle cartelle è che a volte vengono chiamate anche “directory.” Questo perché una “directory” era un termine precedente di un elenco di file su un disco. Quando i sistemi operativi per PC hanno iniziato a supportare le sottodirectory (directory all'interno delle directory) su dischi più grandi negli anni '80, le persone usavano le directory per raggruppare i file correlati nello stesso modo in cui usiamo le cartelle oggi.

Mega Pixel/Shutterstock.com

Il concetto moderno di “cartella” su un computer nato nel 1981 con il sistema operativo Xerox Star, che rappresentava directory con icone che sembravano cartelle di file manila usate con la carta in un ambiente d'ufficio. In seguito, l'Apple Macintosh rese popolare questo concetto di cartella-come-directory e anche Windows lo adottò.

RELAZIONATO: Sistema Macintosh 1: cos'era il Mac di Apple OS 1.0 Like?

Cartelle vs. directory—e gerarchia di directory

Nella maggior parte dei sistemi operativi, le cartelle e le directory sono fondamentalmente la stessa cosa, anche se a volte le cartelle possono essere contenitori speciali per cose diverse dai file, come gruppi di impostazioni o opzioni in alcune versioni di Windows.

Pubblicità

Ciò che è importante sapere è che le directory sono in genere gerarchiche. Cioè, ogni directory può contenere altre directory, contenenti a loro volta file o directory. Se mappi visivamente il nido di directory risultante, assomiglierà ai rami di un albero che escono da un tronco principale, con il tronco che rappresenta la directory principale (o radice).

Un esempio illustrato di un albero di directory. Martial Red/Shutterstock.com

I file system gerarchici sono nati con Multics negli anni '60 e i primi sistemi operativi per PC spesso non supportavano la gerarchia di directory (MS-DOS 1.0 o il sistema operativo originale Mac, ad esempio ) fino a quando i dischi rigidi (in grado di memorizzare molti floppy di dati) sono diventati più comuni a metà degli anni '80.

RELAZIONATO: 40 anni dopo: com'era usare un PC IBM nel 1981?

Che cos'è un percorso di file?

Un riferimento alla posizione di un file all'interno della gerarchia di directory è chiamato percorso. Un percorso è un po' come un indirizzo che dice a te (oa un programma) come individuare un file. Su Windows, il percorso di un file, una volta scritto, sarà in genere simile a questo:

C:UsersBenjDesktopPhotosPhoto.jpg

Se visualizzato graficamente in Esplora file come icone, vedrai questo percorso come cartelle nidificate contenute l'una nell'altra. Oppure potresti vedere un breadcrumb che dice “[Nome utente] > Desktop > Foto” durante la visualizzazione della posizione corrente di “Photo.jpg.” Ma sulla riga di comando, Windows utilizza il carattere barra rovesciata (“”) per separare le directory in un percorso invece di finestre e icone.

RELATEDCome copiare il percorso completo di un file su Windows 10

Durante la lettura del percorso di Windows, la gerarchia va da sinistra a destra, con le cartelle che le contengono scritte a sinistra di quelle all'interno. Quindi, per prima cosa, vedi “C:,” che è il nome dell'unità disco (“C:”) associata alla directory principale (“”), quindi “Utenti,” che è una directory fuori da “C:,” poi il “Benj” directory, che si trova all'interno della directory “Utenti” cartella e così via. Alla fine, si arriva a “Photo.jpg,” che è il file in questione e sai esattamente dove si trova sull'unità.

Annuncio

Su un Mac, un percorso sulla riga di comando potrebbe essere simile a questo:< /p>

/Users/Benj/Documents/Photos/Photo.jpg

Come con Windows, leggi il percorso da sinistra a destra, aumentando in profondità gerarchica man mano che ti sposti verso destra. Invece della barra rovesciata in Windows (“”), macOS e altri sistemi operativi simili a Unix utilizzano una barra (“/”) per separare le directory in un percorso.

Durante la navigazione nelle cartelle nel Finder di macOS, vedrai il percorso corrente come breadcrumb nella parte inferiore della finestra, ad esempio “Macintosh HD > Utenti > [Nome utente] > Documenti > Foto” se hai “Mostra barra del percorso” abilitato (premi Opzione+Comando+P o seleziona Visualizza > Mostra barra del percorso nella barra dei menu). In tal caso, ogni parentesi angolare (“>”) rappresenta un altro livello nella gerarchia delle cartelle simile a una barra (“/”).

Cosa sono i formati di file?

Un formato di file descrive come vengono archiviati i dati all'interno di un file. Programmi diversi gestiscono i dati in modo diverso e, affinché il programma possa comprendere i dati in un file, tali dati devono essere formattati in un certo modo. Diversi formati di file e i metadati ad essi associati consentono ai sistemi operativi (e alle applicazioni) di distinguere tra diversi tipi di file.

RELATEDChe cos'è un'estensione di file?

I formati di file sono spesso etichettati con estensioni di file, che in genere sono abbreviazioni di tre o quattro lettere che si trovano alla fine del nome di un file dietro un punto.

Pubblicità

Esempi di formati di file e relative estensioni includono “.JPG” per i file di immagine JPEG, “.MP3” per file audio MP3, o .HTML per file di pagine web HTML. Esistono migliaia di formati di file diversi e comprenderli è una delle maggiori sfide nei computer odierni, soprattutto quando si tratta di leggere formati creati da software obsoleti.

Trovare la posizione di un file

Quindi stai cercando un file. Come lo trovi–e come trovi la sua posizione (percorso)? Dipende dal sistema operativo che stai utilizzando.

  • Windows 10:Premi Windows+s sulla tastiera e digita il nome del file che desideri trovare. Nei risultati, fai clic con il pulsante destro del mouse sul file e seleziona “Apri posizione file.” File Explorer aprirà la posizione del file in una finestra e potrai trovare il suo percorso nella barra degli indirizzi breadcrumb nella parte superiore della finestra. Oppure puoi fare clic con il pulsante destro del mouse sul file in Esplora file e selezionare “Copia come percorso,” quindi incolla il percorso dove ti serve.
  • Windows 11:Come con Windows 10, premi Windows+s sulla tastiera e digita il nome del file che desideri trovare. Nei risultati, vedrai il percorso elencato nella finestra delle informazioni in “Posizione.” Puoi anche fare clic con il pulsante destro del mouse sul file nei risultati e selezionare “Copia come percorso” per ottenere il percorso di sistema completo del file, che puoi quindi incollare in qualsiasi app o documento.
  • macOS:Per eseguire una ricerca rapida, usa Spotlight: premi Comando+Barra spaziatrice o fai clic sulla piccola icona della lente di ingrandimento nella barra dei menu nella parte superiore dello schermo. Digita il nome del file che stai cercando, quindi fai clic su “Mostra tutto nel Finder” in fondo all'elenco dei risultati. Una volta nel Finder, fai clic con il pulsante destro del mouse sul file e seleziona “Mostra nella cartella di inclusione.” Quando il percorso del file si apre in una finestra, mostra la barra del percorso premendo Opzione+Comando+P  (o selezionando Visualizza > Mostra barra del percorso nella barra dei menu) e vedrai il percorso in briciole di pane in basso della finestra. Se fai clic con il pulsante destro del mouse sul file nel percorso breadcrumb, puoi selezionare “Copia come percorso,” quindi incolla il percorso in quello che desideri.
  • iPhone/iPad:Su queste piattaforme, non vedrai mai il percorso di sistema non elaborato di alcun file perché è nascosto all'utente. Ma puoi cercare app e documenti scorrendo verso il basso con un dito sulla schermata principale e digitando un nome. Inoltre, se hai scaricato un file, di solito puoi individuarlo nella cartella “Download” directory all'interno dell'app File. All'interno dell'app File, puoi toccare la barra di ricerca, digitare un nome di file, quindi premere a lungo e selezionare “Ottieni informazioni.” Se scorri verso il basso, vedrai il suo percorso all'interno di File nella finestra “Dove” sezione.
  • Android:Come iOS, in genere non vedi il percorso di sistema non elaborato dei file in Android durante l'utilizzo delle app, ma è possibile durante l'utilizzo di un File Manager (come Files by Google). In File di Google, ad esempio, tocca l'icona della lente di ingrandimento e digita il nome del file da cercare. Nell'elenco dei risultati, tocca il pulsante con tre puntini sul file e seleziona “Info file.” Nel popup che si apre, vedrai elencato il percorso completo del sistema.
  • ChomeOS:Simile ad Android, ChromeOS su Chomebook generalmente cerca di nascondere il file system agli utenti, sebbene tu possa gestire i file nell'app File. Per trovare il percorso di un file, avvia l'app File, quindi fai clic sull'icona della lente di ingrandimento nella barra degli strumenti. Digita un nome file e, nell'elenco dei risultati, fai clic con il pulsante destro del mouse su un file e seleziona “Ottieni informazioni.” Vedrai il percorso del file nella casella delle informazioni che compare in “Posizione file.”

The Verge ha recentemente segnalato che a causa di l'aumento dei sistemi operativi che per lo più nascondono il file system agli utenti (come iOS su iPhone), alcuni studenti universitari hanno difficoltà con il concetto di archiviazione o individuazione di file in un particolare percorso o posizione di file. Ma ora sai che anche se un sistema operativo ti nasconde i concetti di percorso di file o gerarchia di directory, c'è sempre un percorso da qualche parte se guardi dietro le quinte. Buona fortuna!

RELAZIONATO: 3 modi per visualizzare il percorso della cartella corrente su Mac

LEGGI SUCCESSIVO

  • › Ricevi notifiche email di Outlook in Chrome con questa estensione
  • › I migliori televisori 4K per le vacanze 2021: qualcosa per tutti
  • › Che cos'è l'E-Ink e come funziona?
  • › In che modo le frequenze di aggiornamento influiscono sul gioco?
  • › Come fare dolcetto o scherzetto in ‘Animal Crossing: New Horizons’ per Halloween