Che cos'è l'E-Ink e come funziona?

0
75
A. Aleksandravicius/Shutterstock.com

Se stai leggendo libri fisici da un po' e stai cercando di passare alle copie digitali, potresti provare un dispositivo E-Ink. Continua a leggere per saperne di più su E-Ink, i suoi vantaggi e dove sta andando la tecnologia.

E-Ink e come funziona

E-ink, noto anche come “inchiostro elettronico” o “carta elettronica,” è un tipo di tecnologia di visualizzazione nota per il suo basso consumo energetico e la somiglianza visiva con l'inchiostro su carta. Queste caratteristiche lo rendono perfetto per molti e-reader, come i dispositivi Amazon Kindle e Kobo.

A differenza dei dispositivi di visualizzazione tradizionali come LED e TN, che spesso comprendono singoli pixel che visualizzano ciascuno un colore, i dispositivi e-ink fanno molto più affidamento su una chimica affascinante. I display E-Ink sono costituiti da un film sottile sopra milioni di piccole capsule riempite con un mucchio di particelle che galleggiano in un fluido trasparente. Queste particelle sono tutte colorate con un pigmento specifico: nei display in scala di grigi, quei pigmenti saranno neri o bianchi.

E Ink

Queste particelle sono destinate a muoversi a seconda del tipo di carica elettrica che ricevono. Ad esempio, il nero aumenterà se esposto a una carica negativa e il bianco aumenterà se esposto a una carica positiva. Pertanto, un display E-Ink funziona inviando questi piccoli segnali elettrici a tutte queste capsule. Se si suppone che un punto particolare sia nero, il dispositivo invierà una carica negativa per spostare il nero verso l'alto. Se vuoi saperne di più su questo processo, dai un'occhiata a questa utile guida su Visionect.

Questo è il motivo per cui i dispositivi dotati di questi display tendono ad avere una durata della batteria fenomenale. A differenza di un display a LED, che utilizza una luce colorata sempre accesa, i display E-Ink consumano energia solo quando è necessario modificare la disposizione dei colori sul display. Il display non consuma praticamente energia quando stai semplicemente leggendo le parole sullo schermo.

Una rapida cronologia su E-Ink

Anche se è diventato il nome generico utilizzato per questi display, E-Ink è una tecnologia commerciale di proprietà della E-Ink Corporation. Un gruppo di scienziati e ingegneri del Media Lab del Massachusetts Institute of Technology (MIT) lo ha sviluppato nel 1996. Nel 1997, questi ricercatori hanno fondato l'azienda che possiede il brevetto per l'e-ink. Alla fine sono stati inseriti nella National Inventors Hall of Fame nel 2016.

Pubblicità

E-Ink in seguito è entrato nell'adozione mainstream grazie all'ascesa degli e-book, in particolare con le grandi librerie digitali come Amazon, Kobo e Barnes & Nobile. Queste aziende hanno rilasciato i loro lettori e-ink, o eReader, per accompagnare i libri digitali che vendono. E-Ink ha anche alcune utilità in altri dispositivi, come tablet digitali, telefoni cellulari e notebook.

E-Ink ha visto molte iterazioni dal lancio della sua prima generazione E-Ink Vizplex nel 2007. Nel 2010, l'E-ink Pearl è diventato il primo display e-ink a raggiungere un'adozione diffusa nel mercato. Molti degli eReader più utilizzati oggi utilizzano ancora questa tecnologia. Da allora, ci sono state molte iterazioni come l'E-Ink Carta, che utilizzava un display ad alto contrasto e ad alta risoluzione, e l'E-Ink Kaleido, che utilizza un filtro colorato per visualizzare una gamma di colori.

Più facile per gli occhi?

Abbiamo discusso alcuni dei vantaggi di E-Ink in passato, confrontando E-Ink con Tecnologia LCD. A parte l'enorme differenza nel consumo energetico, dove gli eReader possono spesso andare per settimane senza caricarsi, ci sono altre differenze significative.

E-Ink è infinitamente migliore se stai leggendo alla luce diretta del giorno perché non c'è abbagliamento sui display. Ottieni anche parte del valore estetico nel leggere qualcosa che assomigli alla carta, che potrebbe essere interessante per le persone che stanno passando dalla lettura tradizionale. Infine, c'è il prezzo: i dispositivi E-Ink tendono ad essere tra i più convenienti sul mercato a causa delle loro specifiche poco impegnative e perché i loro produttori alla fine guadagneranno dalla vendita di libri.

CORRELATO: E Ink vs LCD: quale schermo è il migliore per la lettura?

Dispositivi E-Ink in futuro

reMarkable

Uno degli usi alternativi più interessanti dell'e-ink è prendere appunti. Sebbene il display non sia interamente costruito per supportarlo, offre comunque un'esperienza di prendere appunti completamente diversa da qualsiasi tablet tradizionale. Ecco perché alcune aziende si sono avventurate a sperimentarlo come touchscreen principale.

Pubblicità

Nel 2020, una società norvegese chiamata reMarkable ha rilasciato la sua seconda iterazione di un tablet e-ink appositamente concepito per prendere appunti. Il reMarkable aveva specifiche piuttosto modeste, un corpo piccolo e una versione personalizzata di Linux. Includeva anche una penna per prendere appunti. Sebbene gli appassionati di tecnologia considerassero le sue prestazioni piuttosto mediocri per il prezzo, offriva comunque uno sguardo affascinante su come sarebbe stato l'utilizzo della tecnologia e-ink come dispositivo di input.

Per ora, sembra che l'e-ink sia qui per restare. Gli e-book continuano a crescere nell'adozione e gli e-reader di aziende come Amazon e Kobo continuano ad avere prezzi più interessanti. Inoltre, la società dietro e-ink si impegna a migliorare continuamente la sua tecnologia, con nuove versioni che escono ogni pochi anni.

Se sei interessato a ottenere un eReader con display e-ink, potresti voler dare un'occhiata a uno dei tablet che abbiamo presentato nella nostra carrellata dei migliori eReader.

RELAZIONATO: I migliori eReader per le vacanze 2021 per leggere sempre e ovunque

LEGGI AVANTI

  • › Come attivare la modalità oscura in Google Maps su iPhone e iPad
  • › Ritardato: il controllo universale non è stato lanciato con macOS Monterey
  • › Il tuo Mac riceverà macOS Monterey il 25 ottobre 2021
  • › Come fare in modo che il tuo PC Windows 11 non vada mai a dormire
  • › Qual è la differenza tra M1, M1 Pro e M1 Max di Apple?