La collezione d'arte di Air India: cosa contiene e dove va a finire?

0
168

AA Raiba, Hill Women, uno dei dipinti della collezione di Air India. (Twitter/@airindiain)

Il gruppo Tata ha rivendicato Air India, ma l'inestimabile collezione d'arte di Air India non fa parte dell'accordo ed è probabile che rimanga con il governo. Uno sguardo a cosa c'è nella collezione e perché è importante:

La collezione

La “collezione Maharajah”, come viene chiamata, ha oltre 4.000 opere, tra cui Jatin Das, Anjolie Ela Menon, M F Husain e V S Gaitonde. Questi erano in mostra negli uffici di Air India e sui suoi calendari, poster e menu. Ci sono poster del fumettista Mario Miranda e pubblicità progettate dal fumettista del New Yorker Peter Arno, oltre a dipinti, tessuti, sculture e opere d'arte tradizionali in legno e bronzo. Non esiste una stima ufficiale del valore dell'intera collezione. Man mano che la compagnia aerea si espandeva, aumentava anche la raccolta. Ma quando è arrivata la prenotazione computerizzata, alcuni degli uffici di prenotazione internazionali sono stati chiusi/snelliti e le opere d'arte sono state rispedite a Mumbai o conservate altrove. La storica dell'arte e architetto della conservazione di Mumbai, Meera Dass, che sta lavorando a un libro sull'archivio, ha dichiarato: “La compagnia aerea ha sempre avuto la cultura di essere rappresentativa della nazione… La collezione è servita a questo scopo: presentare l'India come un'antica civiltà, ma con una prospettiva moderna”.

Anche in Spiegato | Tatas e il loro bambino: il gruppo recupera ciò che è stato strappato sei decenni fa

Il collezionista

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1. png

Air India ha acquistato la sua prima serie di sei dipinti per Rs 87,50 nel 1956, da un neolaureato della scuola d'arte, B Prabha. La collezione è stata costruita più di sei decenni dopo l'indipendenza, guidata dalla filosofia di JRD Tata di “mettere un po' di India” negli uffici di prenotazione delle ex Tata Airlines.

“Lui (JRD Tata) era un grande nazionalista e ha usato gli uffici di prenotazione della compagnia aerea al di fuori dell'India per esporre l'arte e gli artisti del paese al mondo”, ha detto Dass.

Mentre alcune delle opere sono state commissionate dalla compagnia aerea e alcune sono state acquistate a partire da Rs 50-500, altre sono state barattate con biglietti aerei ad artisti che viaggiano all'estero. In un'intervista, M F Husain aveva detto: “Loro (Air India) avrebbero preso i dipinti e in cambio avrebbero dato biglietti aerei gratuiti. Di conseguenza, gli artisti potevano viaggiare in Cecoslovacchia, Hong Kong, Parigi. Ho fatto circa quattro o cinque viaggi.”

C'erano altri modi interessanti per remunerare gli artisti. Un posacenere – un guscio di porcellana circondato da un serpente e sostenuto da un elefante e un cigno – è stato commissionato a Salvador Dalì, da regalare ai passeggeri di prima classe. In cambio, Dalì ha chiesto un elefantino, che è stato debitamente procurato dallo zoo di Bangalore e inviato a lui.

B Prabha, Banjara Woman; Arpana Caur, Notte (Twitter/@airindiain)

Stato dell'arte

Le opere non sono state aperte per decenni e si ritiene che alcune di esse siano state perse, rubate o danneggiate. Nel giugno 2017, Jatin Das ha appreso che il suo dipinto ad olio Flying Apsara del 1991, acquisito da Air India, era in vendita sul mercato aperto per Rs 25 lakh. A seguito delle indagini, è stata presentata una denuncia contro un ex dirigente di Air India per furto di proprietà del governo. Successivamente, è stato riferito che la compagnia aerea stava “esaminando quanti altri ex funzionari o in servizio di Air India potessero essere in possesso di tali dipinti”.

L'anno scorso, poco prima che la pandemia colpisse, Air India ha organizzato un quattro mostra di un giorno di 7.000 manufatti e cimeli a Mumbai.

Dass ha affermato che dal 2016 ci sono stati seri sforzi per creare un inventario dettagliato di tutte le opere d'arte di proprietà di Air India. Mentre la maggior parte della collezione si trova a Mumbai, alcune opere si trovano anche negli ex uffici di Air India a New York, Washington, Perth, Roma, Tokyo, Parigi e Londra. Lo sforzo ora è recuperarli, un processo noioso dato che sono stati spediti da 30 a 40 anni fa.

Non ci sono, tuttavia, piani per utilizzare le opere d'arte per raccogliere fondi. I ministeri dell'Aviazione Civile e della Cultura stanno elaborando un accordo per trasferire la collezione a Delhi ed esporla in un importante museo.

“Anche se la nazione non poteva permettersi la compagnia aerea, possiamo sicuramente creare un museo dedicato per mostrare questa collezione storica, che svela la storia dell'India, fetta per fetta”, ha detto Dass.

Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori del giorno nella tua casella di posta

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie spiegate, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd