Come il Premio Nobel per la Pace ha messo a nudo lo scisma nell'opposizione della Russia

0
63

Dmitri A. Muratov, a sinistra, nell'ufficio del suo giornale, Novaya Gazeta, che ha co-fondato nel 1993 con il finanziamento di Mikhail S. Gorbachev, l'ultimo leader sovietico , a Mosca, 12 ottobre 2021. Muratov, un nuovo premio Nobel, si impegna con il Cremlino, mentre Aleksei A. Navalny, il critico di Putin di più alto profilo, resiste a ogni compromesso. Il Cremlino capitalizza sulla linea di faglia. (Immagine/NYT)

Scritto da Anton Troianovski

Se vivessi nella Russia di Putin, quali compromessi faresti?

Dmitry Muratov, editore di un giornale moscovita, ha fatto la sua scelta. Accetta donazioni da un magnate con legami con il Cremlino, si rifiuta di pubblicare articoli sulla vita personale dell'élite russa e ha presentato una petizione al presidente Vladimir Putin per aiutare i bambini che hanno bisogno di farmaci costosi.

https://images.indianexpress. com/2020/08/1×1.png

Al contrario, Alexei Navalny, il più importante leader dell'opposizione russa, ha scritto una lettera ai suoi sostenitori pubblicata mercoledì esortandoli a resistere a qualsiasi forma di compromesso: “Non negoziamo con i terroristi che prendere ostaggi.”

Navalny è al nono mese di una pena detentiva lunga un anno, mentre Muratov ha condiviso il premio Nobel per la pace la scorsa settimana con la giornalista Maria Ressa delle Filippine per i loro “sforzi per salvaguardare la libertà di espressione”. Molti dei fan di Navalny, che speravano che il politico incarcerato ottenesse il premio, hanno reagito con indignazione, deridendo Muratov per la sua volontà di impegnarsi con le autorità che, secondo loro, avrebbero solo rafforzato il potere di Putin.

Leggi | Spiegazione: Primo Nobel per scienze del clima

È stato un momento che ha cristallizzato una delle tante linee di frattura che dividono i diversi critici del Cremlino: l'approccio migliore per coloro che desiderano il cambiamento è quello di una resistenza di principio e inflessibile, o di lavorare per miglioramenti all'interno del sistema esistente?

“Guarda, vivi una vita sulla Terra”, ha detto Muratov in un'intervista questa settimana, difendendo quest'ultimo approccio contro l'ondata di furore che si è fatta strada dai colleghi russi su Facebook e Twitter. “Scriverai questi commenti online o cercherai di migliorare la vita delle persone?”

Dmitri A. Muratov nell'ufficio commemorativo di Anna Politkovskaya, giornalista uccisa nel 2006, a Mosca, 12 ottobre 2021. (Immagine/NYT)

La rabbia ha mostrato come l'opposizione russa sia atomizzata e indebolita, tanto più che le autorità intensificano la repressione del dissenso, costringendo i gruppi di attivisti e le agenzie di stampa a chiudere e sempre più dissidenti e giornalisti all'esilio. Al Cremlino, vedere la guerra intestina di parole nell'opposizione sul premio Muratov deve aver scatenato “euforia”, ha affermato Tatiana Stanovaya, fondatrice di R.Politik, una società di analisi politica.

“Quando vivi sotto la canna di una pistola, questi tempi portano alle divisioni”, ha detto Stanovaya. “Le autorità fanno un ottimo lavoro capitalizzando su questo”.

In effetti, il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, si è congratulato con Muratov, definendolo talentuoso e coraggioso.

Navalny, in prigione, non è stato in grado di offrire una reazione istantanea, anche se uno dei suoi colleghi in esilio ha criticato il comitato del Nobel per aver pronunciato “discorsi pretenziosi e ipocriti”. Lunedì, Navalny si è congratulato con Muratov. Ha notato che gli omicidi passati di giornalisti per il quotidiano Novaya Gazeta di Muratov sono un promemoria di “che prezzo alto devono pagare coloro che si rifiutano di servire le autorità”.

Quixplained |Quixplained: Chi ha vinto i Premi Nobel 2021 per la scienza , e per cosa?

Muratov ha co-fondato la Novaya Gazeta nel 1993, con il finanziamento di Mikhail Gorbachev, l'ultimo leader sovietico. Sei giornalisti che lavoravano per Novaya sono stati assassinati; i loro ritratti in bianco e nero in cornici nere sono appesi in fila in un angolo di una sala conferenze presso la sede del giornale a Mosca.

Mentre altri media hanno chiuso sotto pressione o sono stati cooptati dalle autorità, Novaya ha mantenuto la sua indipendenza e spesso ha criticato Putin. Il rapporto del 2017 sulle torture e le uccisioni di uomini gay nella repubblica cecena del Caucaso ha suscitato un'ondata di indignazione globale. Dopo una denuncia di Novaya l'anno scorso su una fuoriuscita di petrolio nell'Artico, un tribunale russo ha ordinato al gigante minerario Norilsk Nickel, gestito da uno degli uomini più ricchi del paese, di pagare una multa di 2 miliardi di dollari.

Ma Muratov ha riconosciuto di trattenere quello che è diventato un tipo di giornalismo investigativo particolarmente esplosivo nella Russia di oggi: esplorare la ricchezza nascosta di Putin e della sua cerchia ristretta. Gran parte di quella ricchezza, hanno scoperto i giornalisti di altre pubblicazioni, è detenuta da familiari o presunti partner extraconiugali e dai loro figli. Muratov ha affermato che sebbene i suoi giornalisti perseguano anche indagini sulla corruzione, “non entriamo nella vita privata delle persone”.

“Quando si tratta di bambini e donne, mi fermo”, ha detto.

I notiziari online che hanno pubblicato quelle indagini più aggressive sono stati messi fuori legge o dichiarati “agenti stranieri” negli ultimi mesi, con molti dei loro redattori e giornalisti costretti all'esilio. Novaya è riuscita a continuare a operare, nonostante la diffusa speculazione secondo cui avrebbe dovuto affrontare anche un giro di vite.

“Siamo un giornale influente, il che significa che dobbiamo essere in grado di avere un dialogo”, ha affermato Muratov. “Non appena inizi a offendere le persone, che siano o meno al potere, perdi influenza. La gente non ti parla più.”

Muratov ha usato la sua influenza e le sue connessioni per cause al di là della libertà di stampa, in particolare per aiutare i bambini con atrofia muscolare spinale, o SMA, un raro disturbo da deperimento muscolare per il quale i trattamenti più efficaci sono straordinariamente costosi. Ha detto che è stato coinvolto – e ha iniziato a raccogliere fondi per i pazienti – dopo che uno dei suoi giornalisti gli ha parlato all'inizio dello scorso anno delle difficoltà delle famiglie alle prese con la malattia.

Andrey Kostin, presidente di VTB, la seconda banca russa, ha donato 1 milione di dollari alla causa. È stato tra le persone a cui gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni nel 2018 per aver svolto “un ruolo chiave nel portare avanti le attività maligne della Russia”.

E lo scorso febbraio, in cerca di ulteriori aiuti, Muratov ha portato un elenco di nomi di giovani che necessitano di cure costose a un incontro segreto tra Putin e il caporedattore russo. Due settimane dopo, Peskov, il portavoce del Cremlino, chiamò e disse a Muratov che “è stata data una direttiva” per aiutare.

“Puoi dire: 'È un complice del regime', ma dillo a i genitori di bambini malati di SMA”, ha detto Muratov. “Dì loro che i banchieri che lavorano per lo stato hanno dato soldi e tu non puoi prendere i soldi, e il bambino morirà.”

Un altro finanziere ben collegato, Sergey Adonev, è venuto in soccorso di Muratov nel 2014 per un motivo diverso. Secondo Muratov, il giornale di Muratov stava vacillando finanziariamente e Adonev, un imprenditore delle telecomunicazioni che aveva collaborato a lungo con una società statale russa, ha iniziato a fare donazioni, secondo Muratov.

Leggi anche | Il giornalista filippino Ressa e il giornalista russo Muratov hanno vinto il Nobel per la pace 2021 Premio

Tuttavia, dopo un anno in cui la repressione russa del dissenso ha raggiunto una nuova intensità, non vi è alcuna garanzia che Novaya sopravviverà. Putin stesso lo ha detto mercoledì quando un presentatore della CNBC, Hadley Gamble, gli ha chiesto di Muratov sul palco di una conferenza sull'energia a Mosca.

“Se inizia a usare il premio Nobel come scudo per violare la legge russa, significa che lo sta facendo consapevolmente per attirare l'attenzione o per altri motivi”, ha detto Putin, evitando le congratulazioni. “Non importa i suoi successi, ogni persona deve capire chiaramente e chiaramente: le leggi russe devono essere seguite.”

Muratov ha detto che non manterrà nessuno dei circa $ 500.000 in premi in denaro che guadagnerà dal Nobel. Contribuirà circa la metà a un fondo medico per i dipendenti della Novaya e circa $ 20.000 per dotare un premio giornalistico intitolato ad Anna Politkovskaya, una giornalista della Novaya uccisa nel 2006.

Il resto andrà in beneficenza, lui ha detto, anche a una fondazione chiamata Circle of Good che aiuta i bambini con malattie rare. Putin ha firmato un ordine creandolo a gennaio.

Andrei Kolesnikov, un membro anziano del think tank del Carnegie Moscow Center che in precedenza ha lavorato come caporedattore di Novaya, ha affermato che il tumulto della scorsa settimana ha evidenziato una debolezza del movimento di Navalny: che si concentra su di lui come leader e una riluttanza a considerare le opinioni degli altri, gli stava impedendo di cementare una coalizione più ampia.

Il vetriolo è stato mostrato anche prima delle elezioni parlamentari russe del mese scorso, quando alcuni liberali, tra cui Muratov, si sono accaniti agli appelli del campo di Navalny di unirsi attorno ai candidati comunisti come un rimprovero coordinato a Putin.

“Purtroppo, questa intolleranza e l'aggressività”, ha detto Kolesnikov, “sta dividendo le persone orientate democraticamente”.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.