Spiegazione: chi sono i Nihang, la setta sikh sotto i riflettori dopo il linciaggio di Singhu?

0
95

Nihang Sikh con le loro armi nel sito di protesta degli agricoltori al confine di Singhu a Nuova Delhi. (Express Photo/File)

Un anno e mezzo dopo che uno dei loro gruppi ha tagliato la mano a un vice ispettore della polizia del Punjab a Patiala dopo essere stato intercettato per mostrare un pass per il coprifuoco durante il blocco del Covid, i sikh di Nihang sono di nuovo sotto i riflettori – per il primo venerdì mattina brutale linciaggio di un uomo hanno accusato di aver mancato di rispetto alla Sacra Scrittura nel sito di protesta di Singhu, con un gruppo di loro che ha rivendicato la responsabilità in diversi video che sono diventati virali sui social media. Ecco uno sguardo agli incidenti passati che li hanno coinvolti, la loro storia e lo stato attuale.

Best of Explained

Clicca qui per saperne di più

Chi è un Nihang?

Nihang è un ordine di guerrieri Sikh, caratterizzato da vesti blu, armi antiquate come spade e lance e turbanti decorati sormontati da ciondoli d'acciaio. Secondo lo storico sikh Dr Balwant Singh Dhillon, “Etimologicamente la parola Nihang in persiano significa alligatore, spada e penna, ma le caratteristiche di Nihang sembrano derivare più dalla parola sanscrita nihshank che significa senza paura, senza macchia, puro, spensierato e indifferente a guadagni mondani e comodità”. Lo storico del XIX secolo Rattan Singh Bhangu descrive i Nihang come “non affetti da dolore o conforto”, “dediti alla meditazione, alla penitenza e alla carità” e “completi guerrieri”.

Quando è stato formato l'ordine?< /strong>

Dhillon afferma che l'ordine può essere fatto risalire alla creazione del Khalsa da parte di Guru Gobind Singh nel 1699. La parola Nihang, aggiunge, ricorre anche in un inno del Guru Granth Sahib, dove allude a una persona senza paura e sfrenata. “Tuttavia, ci sono alcune fonti che fanno risalire la loro origine al figlio minore di Guru Gobind Singh, Fateh Singh (1699-1705), che una volta apparve alla presenza del Guru vestito con una chola blu… e un turbante blu con una dumala (pezzo di stoffa che formava un pennacchio). Vedendo suo figlio apparire così maestoso, il Guru ha osservato che sarà l'abito dei Nihang, i soldati spericolati del Khalsa”, dice Dhillon.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png Leggi anche |Linciaggio come religione, caste sobbollire; i leader politici diffidenti tacciono

In che modo i Nihang erano diversi dagli altri Sikh e dagli altri guerrieri Sikh?

Secondo un resoconto del colonnello James Skinner (1778-1841) della Compagnia delle Indie Orientali, i Khalsa Sikh erano divisi in due gruppi: “Coloro che indossavano abiti blu che Guru Gobind Singh indossava al momento della battaglia” e quelli che ” non seguono alcuna restrizione sul colore del loro vestito” sebbene entrambi “seguano la professione di soldato e sono coraggiosi senza pari nell'arte della moschetteria e del chakarbazi e nell'uso dei quoits”. Dhillon afferma: “I Nihang osservano il codice di condotta Khalsa nel suo senso più stretto. Non professano alcuna fedeltà a un padrone terreno. Invece dello zafferano issano un Nishan Sahib (bandiera) blu in cima ai loro santuari”. I nihang usano gli slogan “chhardi kala” (per sempre di buon umore) e “tiar bar tiar” (stato di sempre pronto) per eventi imprevisti. “I Nihang amano una bevanda popolare chiamata shardai o sharbati degh (bevanda sacramentale) che contiene mandorle tritate, semi di cardamomo, semi di papavero, pepe nero, petali di rosa e semi di melone. Quando viene aggiunta una piccola quantità di cannabis, si parla di sukhnidhan (tesoro di conforto). Una dose maggiore di cannabis era conosciuta come shaheedi deg, sacramento del martirio. È stata scattata (mentre) combatteva i nemici”, racconta il dottor Dhillon.

Qual ​​è il loro ruolo nella storia dei sikh?

I nihang hanno avuto un ruolo importante nella difesa del panth sikh dopo la caduta del primo dominio sikh (1710-15) quando i governatori Mughal stavano uccidendo i sikh e durante l'assalto dell'invasore afghano Ahmed Shah Durrani (1748-65). Quando l'esercito Khalsa fu diviso in cinque battaglioni nel 1734, un battaglione Nihang o Akali era guidato da Baba Deep Singh Shahid. Nihangs prese anche il controllo degli affari religiosi dei Sikh ad Akal Bunga (ora noto come Akal Takht) ad Amritsar. Non si consideravano subordinati a nessun capo sikh e quindi mantennero la loro esistenza indipendente. Ad Akal Takht, tennero il gran consiglio (Sarbat Khalsa) dei sikh e dichiararono che la risoluzione (Gurmata) era passata. La loro influenza ebbe fine dopo la caduta dell'Impero Sikh nel 1849, quando le autorità britanniche del Punjab nominarono un manager (sarbrah) per l'amministrazione del Tempio d'Oro nel 1859. “Nel recente passato, il capo Nihang, Baba Santa Singh, su richiesta del governo indiano si era scontrato con i principali sikh mentre continuava a ricostruire l'Akal Takht che è stato danneggiato durante l'operazione Bluestar nel giugno 1984. Alcuni Nihang, vale a dire Ajit Singh Poohla, hanno collaborato con la polizia del Punjab per eliminare i militanti sikh, ” osserva il dottor Dhillon.

Venerdì al confine di Singhu. (Express Photo: Amit Mehra)

In Punjab, quali sono gli altri incidenti importanti del recente passato che hanno coinvolto i sikh di Nihang?

Nell'aprile dello scorso anno, un gruppo di sikh di Nihang ha attaccato i poliziotti a Patiala e ha tagliato la mano a un vice ispettore della polizia del Punjab dopo che erano stati intercettati e avevano chiesto loro di mostrare il coprifuoco durante il blocco della pandemia di Covid. Nihangs ha fatto schiantare il loro veicolo contro una barricata della polizia ed è uscito dal veicolo brandendo armi affilate. Poi hanno inseguito i poliziotti e li hanno aggrediti. L'ASI Harjeet Singh ha dovuto subire un intervento chirurgico di sette ore presso la PGI Chandigarh per suturare la mano mozzata. Più tardi, la polizia ha arrestato 11 Nihang, tra cui una donna, di un complesso di dera nel villaggio di Balbera, che ospita anche un gurdwara. Nel luglio di quest'anno, due sikh di Nihang hanno dato fuoco a una statua del primo ministro ucciso Rajiv Gandhi a Ludhiana e hanno caricato un video sui social media rivendicando la responsabilità dell'atto. Entrambi sono stati arrestati.

Anche in Explained |Sillong's Dalit Sikhs, una vecchia disputa sulla terra e un trasferimento proposto e contrastato

Qual ​​è il loro stato attuale?

I Nihang oggi costituiscono una piccola comunità. Circa una dozzina di bande, ciascuna guidata da un jathedar (capo), stanno ancora portando avanti l'ordine tradizionale. Tra questi spiccano Budha Dal, Taruna Dal e le loro fazioni. In assenza di un comando centralizzato, i Nihang sono organizzati in modo lasco. Per tutto l'anno rimangono di stanza nei rispettivi deras (centri) ma intraprendono il loro pellegrinaggio annuale di Anandpur Sahib, Damdama Sahib Talwandi Sabo e Amritsar, prendono parte a eventi religiosi ed esibiscono le loro abilità marziali e l'equitazione. Nella protesta agricola in corso, gruppi di Nihang si sono recati a Singhu per esprimere solidarietà ai contadini che protestavano.

Secondo il dott. Gurmeet Singh Sidhu, professore incaricato della Guru Gobind Singh Chair presso la Punjabi University, Patiala, “Con l'avvento della modernità, l'equilibrio tra Bani (Guru Granth Sahib) e Bana (forma esterna) si è rotto, causando problemi e azioni non etiche. In precedenza, i Nihang non avrebbero mai attaccato una persona disarmata.”

Chi può diventare un Nihang?

Secondo un leader sikh di Nihang di alto livello, indipendentemente dalla casta, dal credo o dalla religione che ha i capelli non rasati e segue le tradizioni sikh e che ricorda cinque banis, esegue le abluzioni quotidiane svegliandosi all'una di notte ed esegue le preghiere del mattino e della sera possono essere inclusi nella setta. Al battezzato Sikh desideroso di diventare un Nihang e di soddisfare le condizioni vengono date vesti e armi simili a quelle portate da Guru Gobind Singh quando fondò il Khalsa.

Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie spiegate, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.