Spara mortali sulle rocce Beirut mentre scoppiano le tensioni sulla sonda esplosiva

0
86

Il vetro in frantumi viene visto mentre i soldati dell'esercito vengono schierati dopo che gli spari sono scoppiati vicino al luogo di una protesta che era in corso contro il giudice Tarek Bitar, che sta indagando sull'esplosione del porto dell'anno scorso, in Beirut, Libano, 14 ottobre 2021. (Reuters)

Sei sciiti sono stati uccisi a Beirut giovedì, in un attacco contro i sostenitori di Hezbollah e un partito alleato libanese che si stavano radunando per chiedere la rimozione del giudice indagando sulla devastante esplosione portuale dello scorso anno.

La sparatoria, avvenuta sul fronte della guerra civile libanese del 1975-90 e che ha evocato scene che ricordano il conflitto, segna la violenza civile più mortale a Beirut dal 2008.

Evidenzia anche una crisi sempre più profonda sull'indagine sull'esplosione dell'agosto 2020 che sta minando gli sforzi del governo per affrontare uno dei crolli economici più drammatici della sua storia.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Hezbollah sostenuto dall'Iran e il suo alleato, il movimento sciita Amal, ha accusato le Forze Libanesi (LF), un partito cristiano che ha stretti legami con l'Arabia Saudita, di aver organizzato l'attacco.

Un soldato dell'esercito prende posizione dopo che gli spari sono scoppiati in un sito vicino a una protesta in corso contro il giudice Tarek Bitar, che sta indagando sull'esplosione del porto dello scorso anno, a Beirut, in Libano, ottobre 14, 2021. (Reuters)

Il ministro degli Interni Bassam Mawlawi ha affermato che i cecchini hanno aperto il fuoco e hanno mirato alle teste delle persone.

L'LF ha negato qualsiasi coinvolgimento e ha condannato la violenza, che ha attribuito a Hezbollah “incitamento” contro il giudice Tarek Bitar, l'investigatore capo dell'esplosione al porto, che ha ucciso 200 persone, ferito migliaia e devastato aree di Beirut.

Dopo i ripetuti avvertimenti di Hezbollah e dei suoi alleati che continuavano le indagini di Bitar spaccherebbe il paese, la violenza potrebbe creare un pretesto per chiudere o accantonare ulteriori indagini sull'esplosione.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

Il presidente Michel Aoun ha promesso che i responsabili degli spari di giovedì sarebbero stati ritenuti responsabili, affermando in un discorso televisivo che era “inaccettabile che le armi siano ancora una volta il mezzo di comunicazione tra i rivali libanesi”.

L'ex primo ministro Saad al-Hariri ha affermato che la violenza ricorda la guerra civile e “inaccettabile a tutti i livelli”.

Il leader del LF Samir Geagea, il cui gruppo aveva un potente milizia in guerra, ha affermato in precedenza che la sparatoria era il risultato di armi incontrollate nella società, dicendo che la pace civile deve essere preservata.

Vetri in frantumi e detriti sono stati visti dopo che gli spari sono scoppiati in un sito vicino a una protesta in corso contro il giudice Tarek Bitar , che sta indagando sull'esplosione del porto dello scorso anno, a Beirut, Libano, 14 ottobre 2021. (Reuters)

Durante l'attacco, le stazioni televisive locali hanno trasmesso filmati di proiettili che rimbalzano sugli edifici e persone che corrono ai ripari. Una delle vittime era una donna che è stata colpita da un proiettile mentre si trovava a casa sua, ha detto una fonte militare.

In una scuola vicina, gli insegnanti hanno ordinato ai bambini neonati di sdraiarsi a faccia in giù con le mani sulla testa, ha detto un testimone di Reuters. Un corpo senza vita è stato trascinato fuori dalla strada dai passanti in un filmato trasmesso da al-Jadeed TV.

L'esercito ha affermato in un comunicato che gli spari avevano preso di mira i manifestanti mentre attraversavano la rotatoria di Teyouneh situata in un'area< br /> che divide i quartieri cristiani e musulmani sciiti.

I soldati dell'esercito aiutano i civili in fuga dopo gli spari scoppiati a Beirut, in Libano, il 14 ottobre 2021. (Reuters)

La sparatoria è iniziata nel quartiere cristiano di Ain el-Remmaneh, da dove i civili la guerra è iniziata, prima di sfociare in uno scontro a fuoco, ha detto una fonte militare.

Il ministro dell'Interno Mawlawi ha detto che tutti i morti provenivano da una parte, cioè sciiti.

Hezbollah e il movimento Amal hanno affermato che i gruppi hanno sparato ai manifestanti dai tetti, mirando alle loro teste in un attacco che, secondo loro, mirava a trascinare il Libano in un conflitto.

Quando il primo ministro Najib Mikati ha invitato alla calma, l'esercito si è schierato pesantemente nell'area intorno a Teyouneh e ha detto che avrebbe aperto il fuoco contro qualsiasi persona armata sulla strada.

Per ore si sono sentite raffiche di arma da fuoco.

USA, FRANCIA CHIEDONO SONDA IMPARZIALE

Gli Stati Uniti e la Francia hanno affermato che la magistratura libanese deve poter indagare sull'esplosione al porto in modo indipendente e imparziale. Lo stato del Golfo del Kuwait ha esortato i suoi cittadini ad andarsene.

“Il popolo libanese non merita di meno e le vittime e le famiglie delle vittime dell'esplosione al porto non meritano di meno,” Lo ha detto il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland durante una visita a Beirut.

“La violenza inaccettabile di oggi rende chiaro quale sia la posta in gioco,” ha detto Nuland, nei commenti echeggiati dal ministero degli Esteri francese.

Il giudice Bitar ha cercato di interrogare un certo numero di alti politici e funzionari della sicurezza, compresi gli alleati di Hezbollah, sospettati di negligenza che ha portato all'esplosione del porto, causata da un'enorme quantità di nitrato di ammonio e da una delle più grandi esplosioni non nucleari mai registrate. /p>

Tutti hanno negato di aver commesso illeciti.

Hezbollah ha chiesto la rimozione di Bitar, accusandolo di parzialità.

Mercoledì, Geagea ha respinto quella che ha descritto come qualsiasi sottomissione a “intimidazione” da Hezbollah su Bitar, invitando i libanesi a essere pronti per un'azione pacifica di sciopero se l'”altra parte” ha cercato di imporre la sua volontà con la forza.

Lo stallo sull'indagine di Bitar sta distogliendo l'attenzione del governo appena formato dall'affrontare una crisi economica sempre più profonda, che ha fatto precipitare più di tre quarti dei libanesi in povertà.

Sebbene nessuno dei suoi membri sia stato preso di mira dall'indagine, Hezbollah ha accusato Bitar di condurre un'indagine politicizzata focalizzata solo su alcune persone.

Questi includono alcuni dei suoi più stretti alleati, tra cui figure di spicco dello Shi's 8217;ite Amal Movement che occupava incarichi ministeriali, incluso l'ex ministro delle finanze Ali Hassan Khalil che questa settimana ha detto ad al-Mayadeen TV che il percorso dell'indagine ha minacciato di spingere il Libano “verso la guerra civile”.

< p>Un tribunale in precedenza ha respinto una denuncia legale contro Bitar, i documenti hanno mostrato, permettendogli di riprendere le sue indagini.

La violenza è la peggiore dal 2008, quando i seguaci del governo a guida sunnita hanno combattuto battaglie a Beirut con uomini armati fedeli a Hezbollah. Hezbollah è sceso in piazza fino a quando il governo non ha annullato le decisioni che interessavano il gruppo, comprese le misure contro una rete di telecomunicazioni che gestiva.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.