In tribunale giapponese, 5 chiedono alla Corea del Nord di pagare per le loro sofferenze

0
57

I querelanti e i loro sostenitori camminano verso il tribunale distrettuale di Tokyo giovedì 14 ottobre 2021, a Tokyo. La corte sta ascoltando cinque residenti di etnia coreana in Giappone e un cittadino giapponese che chiedono al governo nordcoreano di pagare un risarcimento per le loro violazioni dei diritti umani in quel paese dopo aver aderito a un programma di reinsediamento che prometteva un “paradiso sulla Terra”, ma senza la presenza di un imputato – il leader del Nord. Lo striscione recita: “Oct. 14 Tribunale distrettuale di Tokyo la Corea del Nord "Paradiso sulla Terra" prima prova della campagna (Foto AP)

Cinque persone che affermano di essere state promesse “il paradiso terrestre” in Corea del Nord, ma ha subito violazioni dei diritti umani, ha invece dichiarato giovedì a un tribunale giapponese di essere stati ingannati e rapiti in quel paese e che ora vogliono che il suo leader Kim Jong Un li risarcisca.

L'udienza è diventata possibile dopo che il tribunale distrettuale di Tokyo ad agosto ha accettato di convocare Kim a parlare, secondo Kenji Fukuda, un avvocato che rappresenta i querelanti. Non si aspettano che Kim compaia o che li risarcisca se il tribunale lo ordina. Ma Fukuda spera che il caso possa costituire un precedente per il governo giapponese per negoziare in futuro con la Corea del Nord per cercare la responsabilità del Nord e normalizzare i rapporti diplomatici.

Centinaia di migliaia di coreani sono venuti in Giappone , molti con la forza, a lavorare nelle miniere e nelle fabbriche durante la colonizzazione giapponese della penisola coreana — un passato che ancora mette a dura prova i rapporti tra il Giappone e le Coree.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Nel 1959, la Corea del Nord iniziò un massiccio programma di reinsediamento per riportare a casa i coreani d'oltremare e per compensare i lavoratori uccisi nella guerra di Corea. Il programma ha continuato a cercare reclute, molte delle quali originarie della Corea del Sud, fino al 1984.

La Corea del Nord aveva promesso assistenza sanitaria gratuita, istruzione, lavoro e altri benefici, ma nessuno era disponibile e i rimpatriati sono stati per lo più assegnati lavoro manuale in miniere, foreste o fattorie, ha dichiarato il mese scorso uno dei querelanti, Eiko Kawasaki, 79 anni, coreana nata e cresciuta in Giappone.

Un gruppo di querelanti e avvocati si riunisce prima di recarsi al tribunale distrettuale di Tokyo giovedì 14 ottobre 2021 a Tokyo. Il tribunale distrettuale di Tokyo tiene l'udienza per cinque residenti di etnia coreana in Giappone che chiedono al governo nordcoreano di pagare i danni per le violazioni dei diritti umani subite nel nord dopo aver aderito a un programma di reinsediamento che prometteva un “paradiso sulla Terra”. Il banner recita: “Corea del Nord’s ‘Paradiso sulla Terra’ campagna è un omicidio di massa.” (AP Photo/Eugene Hoshiko)

“In Corea del Nord, ho vissuto nello shock, nel dolore e nella paura per 43 anni,” Kawasaki ha detto ai giornalisti dopo l'udienza. Kawasaki, nata e cresciuta a Kyoto, aveva 17 anni quando ha preso una nave per il Nord nel 1960 ed è stata confinata lì fino a disertare nel 2003, lasciando i suoi figli adulti.

“Credo che sia stato un miracolo poter tornare in Giappone vivo,” ha detto Kawasaki, aggiungendo di essere contenta che il suo calvario sia ascoltato dal tribunale.

“Ma questo non è l'obiettivo. Questo è l'inizio della nostra lotta contro la Corea del Nord,” ha detto Kawasaki. “Continueremo a combattere fino al giorno in cui tutti coloro che sono andati in Corea del Nord sulla nave di rimpatrio potranno tornare in Giappone e vedere le loro famiglie.”

I querelanti chiedono 100 milioni di yen (900.000 dollari) ciascuno a titolo di risarcimento dalla Corea del Nord.

Fukuda ha affermato che l'obiettivo dell'udienza di giovedì era che tutti e cinque i querelanti mostrassero come la Corea del Nord li attirasse illegalmente e sistematicamente con l'inganno e stabilisse basi legali prima di chiedere al governo giapponese di risolvere diplomaticamente il problema.

La sentenza è attesa per marzo.

Il governo giapponese, vedendo i coreani come estranei, ha anche accolto favorevolmente il programma di reinsediamento e ha aiutato a organizzare il viaggio dei partecipanti in Corea del Nord. Circa 93.000 residenti di etnia coreana in Giappone e i loro familiari sono andati in Corea del Nord.

< /p>

Oggi circa mezzo milione di coreani etnici vivono in Giappone e continuano a subire discriminazioni a scuola, sul lavoro e nella vita quotidiana.

Il caso giudiziario è stato avviato nel 2018 da cinque partecipanti che alla fine hanno disertato in Giappone — quattro coreani di etnia e una donna giapponese che hanno aderito al programma con il marito coreano e la loro figlia.

I querelanti ora sono preoccupati per le loro famiglie ancora bloccate nel nord. Kawasaki afferma di aver perso i contatti con loro da novembre 2019, apparentemente a causa della pandemia. Non può inviare loro denaro e tutti i pacchi che aveva inviato sono tornati indietro.

“Non so nemmeno se sono vivi,” ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.