La crescita mondiale si raffredda e il divario tra ricchi e poveri si allarga

0
71

Una strada di San Paolo, Brasile. La povertà in molte nazioni è in aumento. (Mauricio Lima/The New York Times)

Scritto da Patricia Cohen e Alan Rappeport

Mentre l'economia mondiale fatica a trovare le sue basi, la ripresa del coronavirus e dell'offerta le strozzature a catena minacciano di frenare lo slancio della ripresa globale, secondo un rapporto attentamente monitorato martedì.

Il tasso di crescita complessivo rimarrà vicino al 6% quest'anno, un livello storicamente elevato dopo una recessione, ma l'espansione riflette una vasta divergenza nelle sorti dei paesi ricchi e poveri, ha affermato il Fondo monetario internazionale nel suo ultimo rapporto World Economic Outlook.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La povertà mondiale, la fame e il debito ingestibile sono tutti in aumento. L'occupazione è diminuita, soprattutto per le donne, annullando molti dei guadagni realizzati negli ultimi anni.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

L'accesso irregolare ai vaccini e all'assistenza sanitaria è al centro delle disparità economiche. Anche se le vaccinazioni di richiamo stanno diventando disponibili in alcune nazioni più ricche, uno sbalorditivo 96% delle persone nei paesi a basso reddito non è ancora vaccinato.

“I recenti sviluppi hanno reso abbondantemente chiaro che siamo tutti insieme in questo e il la pandemia non è finita da nessuna parte finché non è finita ovunque”, ha scritto nel rapporto Gita Gopinath, capo economista del FMI.

Anche le prospettive per gli Stati Uniti, l'Europa e le altre economie avanzate sono peggiorate. Le fabbriche ostacolate dalle restrizioni legate alla pandemia e dai colli di bottiglia nei principali porti di tutto il mondo hanno causato gravi carenze di approvvigionamento. La mancanza di lavoratori in molti settori sta contribuendo agli zoccoli. Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha riferito martedì che un record di 4,3 milioni di lavoratori ha lasciato il lavoro ad agosto, per accettare o cercare nuovi posti di lavoro o per lasciare la forza lavoro.

Negli Stati Uniti, l'indebolimento dei consumi e il forte calo delle scorte hanno indotto il FMI a ridurre le sue proiezioni di crescita al 6% dal 7% stimato a luglio. In Germania, la produzione manifatturiera ha subito un duro colpo perché le materie prime chiave sono difficili da trovare. E le misure di blocco durante l'estate hanno frenato la crescita in Giappone.

Cresce il timore di un aumento dell'inflazione, anche se probabilmente temporaneo. I prezzi stanno salendo per cibo, medicine e petrolio, così come per auto e camion. Le preoccupazioni sull'inflazione potrebbero anche limitare la capacità dei governi di stimolare l'economia se il rallentamento peggiora. Così com'è, l'insolita infusione di sostegno pubblico negli Stati Uniti e in Europa si sta esaurendo.

“Nel complesso, i rischi per le prospettive economiche sono aumentati e i compromessi politici sono diventati più complessi”, ha affermato Gopinath. .

Il FMI ha abbassato le sue previsioni di crescita globale per il 2021 al 5,9%, in calo rispetto al 6% previsto a luglio. Per il 2022, la stima è del 4,9%.

La chiave per comprendere l'economia globale è che i recuperi nei diversi paesi non sono sincronizzati, ha affermato Gregory Daco, capo economista degli Stati Uniti presso Oxford Economics. “Ogni economia soffre o beneficia dei propri fattori idiosincratici”, ha affermato.

Per paesi come Cina, Vietnam e Corea del Sud, le cui economie hanno grandi settori manifatturieri, “l'inflazione li colpisce dove fa male di più”, ha affermato Daco, aumentando i costi delle materie prime che si riverberano attraverso il processo di produzione.

La pandemia ha sottolineato come il successo o il fallimento economico in un paese possa diffondersi in tutto il mondo. Le inondazioni nello Shanxi, la regione mineraria della Cina, e i monsoni negli stati produttori di carbone dell'India contribuiscono all'aumento dei prezzi dell'energia. Un focolaio di COVID a Ho Chi Minh City che chiude le fabbriche significa che i proprietari di negozi a Hoboken, nel New Jersey, non avranno scarpe e maglioni da vendere.

Il FMI ha avvertito che se il coronavirus, o le sue varianti, ha continuato a suonare la campana in tutto il mondo, potrebbe ridurre la produzione mondiale stimata di 5,3 trilioni di dollari nei prossimi cinque anni.

L'impennata mondiale dei prezzi dell'energia minaccia di imporre ulteriori difficoltà poiché ostacola la ripresa. Questa settimana, i prezzi del petrolio hanno toccato il massimo da sette anni negli Stati Uniti. Con l'avvicinarsi dell'inverno, gli europei temono che i costi di riscaldamento aumenteranno quando le temperature scendono. In altri punti, la carenza si è ulteriormente accentuata, causando blackout in alcuni luoghi che hanno paralizzato i trasporti, chiuso le fabbriche e minacciato le forniture di cibo.

In Cina l'elettricità viene razionata in molte province e molte aziende operano a meno della metà della loro capacità, contribuendo a un già significativo rallentamento della crescita. Le riserve di carbone dell'India sono scese a livelli pericolosamente bassi.

E durante il fine settimana, i 6 milioni di abitanti del Libano sono rimasti senza elettricità per più di 24 ore dopo che la carenza di carburante ha spento le centrali elettriche della nazione. L'interruzione è solo l'ultima di una serie di disastri. La sua crisi economica e finanziaria è stata una delle peggiori al mondo in 150 anni.

Ultimamente i produttori di petrolio in Medio Oriente e altrove stanno beneficiando del balzo dei prezzi. Ma molte nazioni della regione e del Nord Africa stanno ancora cercando di rianimare le loro economie martoriate dalla pandemia. Secondo i rapporti recentemente aggiornati della Banca Mondiale, 13 dei 16 paesi in quella regione avranno standard di vita inferiori quest'anno rispetto a prima della pandemia, in gran parte a causa di “sistemi sanitari sottofinanziati, squilibrati e mal preparati”.

Altri paesi erano così oberati di debiti anche prima della pandemia che i governi sono stati costretti a limitare la spesa per l'assistenza sanitaria per rimborsare i prestatori stranieri.

In America Latina e nei Caraibi, si teme un secondo decennio perso di crescita come quello sperimentato dopo il 2010. In Sudafrica, oltre un terzo della popolazione è senza lavoro.

E in Asia orientale e nel Pacifico, un aggiornamento della Banca Mondiale ha avvertito che “il COVID-19 minaccia di creare una combinazione di crescita lenta e crescente disuguaglianza per la prima volta in questo secolo”. Le aziende in Indonesia, Mongolia e Filippine hanno perso in media il 40% o più delle loro vendite mensili tipiche. Si prevede che la Thailandia e molte economie insulari del Pacifico avranno una produzione inferiore nel 2023 rispetto a prima della pandemia.

Alcune economie in via di sviluppo stanno andando meglio dell'anno scorso, in parte a causa dell'aumento dei prezzi di materie prime come il petrolio e metalli che producono. Le proiezioni di crescita sono aumentate leggermente al 6,4% nel 2021 rispetto al 6,3% stimato a luglio.

“La ripresa è stata incredibilmente irregolare” e questo è un problema per tutti, ha affermato Carl Tannenbaum, capo economista del Northern Trust. “I paesi in via di sviluppo sono essenziali per la funzione economica globale”.

Le prospettive sono offuscate dall'incertezza. Decisioni politiche irregolari, come il ritardo del Congresso nell'eliminare il tetto del debito, possono ulteriormente rallentare la ripresa, ha avvertito l'FMI.

Ma il rischio più grande è l'emergere di una variante del coronavirus più infettiva e mortale.

< /p>

Gopinath presso l'FMI ha esortato i produttori di vaccini a sostenere l'espansione della produzione di vaccini nei paesi in via di sviluppo.

All'inizio di quest'anno, il FMI ha approvato riserve valutarie di emergenza per un valore di 650 miliardi di dollari che sono state distribuite ai paesi di tutto il mondo. In questo ultimo rapporto, ha nuovamente invitato i paesi ricchi a contribuire a garantire che questi fondi vengano utilizzati a beneficio dei paesi poveri che hanno lottato maggiormente con le ricadute del virus.

“Stiamo assistendo a ciò che ho chiamano tragiche inversioni dello sviluppo in molte dimensioni”, ha affermato David Malpass, presidente della Banca mondiale. “I progressi nella riduzione della povertà estrema sono stati rallentati di anni, per alcuni di un decennio.”

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.