L'India ha bisogno di 5.630 GW di capacità solare entro il 2070 per zero emissioni nette: studio

0
40

In una prima valutazione di diversi scenari per raggiungere emissioni nette pari a zero, CEEW ha affermato che anche l'India dovrebbe sviluppare le capacità di riciclaggio necessarie per gestire i rifiuti solari fotovoltaici generati.

La capacità totale di energia solare installata in India dovrà aumentare a 5630 gigawatt (GW) entro il 2070 per raggiungere emissioni nette pari a zero, secondo un nuovo rapporto pubblicato martedì dal think tank indipendente Council on Energy, Environment and Water (CEEW).

Di conseguenza, il fabbisogno totale di terreno corrispondente per le risorse di generazione di energia dell'India, in particolare il solare, sarebbe di circa il 4,6 per cento, afferma il rapporto, intitolato “Implicazioni di un obiettivo zero netto per le transizioni energetiche settoriali e la politica climatica dell'India”.

In una prima valutazione di diversi scenari per raggiungere emissioni nette pari a zero, CEEW ha affermato che anche l'India avrebbe bisogno di sviluppare le capacità di riciclaggio necessarie per gestire i rifiuti solari fotovoltaici generati. Al momento, l'India ha 100 GW di capacità installata di energia rinnovabile, di cui 40 GW solari, e mira a portare la capacità RE a 450 GW entro il 2030.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il rapporto ha inoltre evidenziato che per raggiungere lo zero netto entro il 2070, l'utilizzo del carbone, in particolare per la produzione di energia, dovrebbe raggiungere il picco entro il 2040 e diminuire del 99% tra il 2040 e il 2060. Inoltre, il consumo di petrolio greggio, in tutti i settori, dovrebbe raggiungere il picco entro il 2050 e diminuire sostanzialmente del 90% tra il 2050 e il 2070. L'idrogeno verde potrebbe contribuire al 19% del fabbisogno energetico totale del settore industriale. Queste intuizioni presumono che l'idrogeno svolgerà un ruolo fondamentale in questa transizione, mentre la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) svolgerebbe un ruolo trascurabile.

Il recente rapporto IPCC pubblicato all'inizio di quest'anno ha sottolineato l'importanza di raggiungere lo zero netto a livello globale per limitare l'aumento totale delle temperature a 1,5-2 gradi nei prossimi decenni.

Inoltre, se l'India dovesse raggiungere il netto -zero emissioni entro il 2070, quindi il costo economico della transizione potrebbe aggirarsi intorno al 4,1% del PIL nell'anno netto zero. Ma, se l'India dovesse anticipare la timeline al 2050, il costo economico sarebbe molto più alto, circa il 7% in quel particolare anno.

“Per i paesi in via di sviluppo vasti e diversificati come l'India, sarebbe fondamentale un divario di almeno trent'anni tra il picco e l'anno zero netto. Ciò garantirà una transizione agevole, dando ai responsabili delle politiche e ad altre parti interessate tempo sufficiente per pianificare e adattarsi a un nuovo sistema energetico. Inoltre, mentre ci muoviamo verso un futuro a zero, i prezzi dell'energia potrebbero aumentare nel breve periodo e i lavoratori che fanno parte dell'economia dei combustibili fossili potrebbero perdere posti di lavoro. Pertanto, i paesi sviluppati dovrebbero offrire un generoso supporto finanziario e tecnologico a quelli in via di sviluppo per aiutarli a fissare obiettivi ambiziosi in materia di riduzione delle emissioni, garantendo al contempo una transizione giusta”, ha affermato l'autore e collega CEEW, Vaibhav Chaturvedi.

Il dott. Arunabha Ghosh, CEO, CEEW, ha dichiarato: “L'equità deve essere al centro del dibattito sul net-zero. Le economie sviluppate dovrebbero avanzare in modo significativo il loro obiettivo di raggiungere lo zero netto e non aspettare fino al 2050. Questo darà ai paesi in via di sviluppo lo spazio per perseguire una transizione energetica giusta e sostenibile. In futuro, l'India dovrebbe anche co-investire e co-sviluppare nuove tecnologie verdi in collaborazione con altri paesi per creare nuovi posti di lavoro e mercati. L'idrogeno verde è una di queste tecnologie che potrebbe sostituire il carbone nel settore industriale. L'India dovrebbe investire in ricerca e sviluppo e diventare un hub di esportazione per idrogeno verde ed elettrolizzatori nei prossimi anni.”

Secondo lo studio CEEW, nel 2070, i veicoli passeggeri elettrici o a batteria rappresenterebbero l'84% di tutte le auto vendute nel paese. Inoltre, il 79% di tutti i camion funzionerebbe con la tecnologia elettrica a batteria e riposerebbe sull'idrogeno. Anche le famiglie di tutto il paese dovrebbero utilizzare l'elettricità come combustibile principale per cucinare. La quota di energia eolica e nucleare nel mix di generazione di elettricità dell'India dovrebbe aumentare rispettivamente a 1792 GW e 225 GW.

Più di 125 paesi hanno espresso la volontà di realizzare un futuro a zero. Anche se l'India deve ancora impegnarsi per un obiettivo di azzeramento netto, è l'unico paese del G20 a rispettare gli impegni di riduzione delle emissioni presi nell'accordo di Parigi. È anche un partner leader nell'International Solar Alliance e ha recentemente annunciato la National Hydrogen Mission per promuovere l'innovazione, la produzione, lo stoccaggio e l'utilizzo dell'idrogeno verde.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd