L'apostrofo mancante nel post di Facebook porta l'uomo in tribunale per diffamazione

0
42

Sebbene la contestazione nel caso del post su Facebook dell'agente immobiliare si trasformi in un apostrofo mancante, per altri, abusare della punteggiatura equivale, di fatto, a reato. (Foto d'archivio)

Scritto da Livia Albeck-Ripka

Un apostrofo mancante in un post di Facebook potrebbe costare a un agente immobiliare in Australia decine di migliaia di dollari dopo un tribunale ha stabilito che un caso di diffamazione contro di lui potrebbe procedere.

Nel post dell'anno scorso, Anthony Zadravic, l'agente, sembra accusare Stuart Gan, il suo ex datore di lavoro presso un'agenzia immobiliare, di non pagare i fondi pensione a tutti i dipendenti dell'agenzia.

https://images.indianexpress. com/2020/08/1×1.png

In discussione c'è la parola “dipendenti” nel post, che diceva: “Oh Stuart Gan!! Vendendo case multimilionarie a Pearl Beach ma non può pagare la pensione ai suoi dipendenti”, riferendosi al sistema pensionistico australiano, in cui il denaro viene versato dai datori di lavoro in conti super per i dipendenti. “Vergognati Stuart!!! 2 anni e sto ancora aspettando!!!”

Meno di 12 ore dopo la pubblicazione del post, il 22 ottobre, Zadravic, che vive sulla costa centrale nel Nuovo Galles del Sud, lo ha cancellato. Ma era troppo tardi. Gan è venuto a conoscenza del messaggio e ha presentato una denuncia per diffamazione contro Zadravic.

Giovedì, un giudice del New South Wales ha stabilito che la mancanza di un apostrofo sulla parola “dipendenti” potrebbe essere letta per suggerire un ” sistematico di condotta” dell'agenzia di Gan piuttosto che un'accusa che coinvolge un dipendente. Quindi ha permesso che il caso continuasse.

Né gli avvocati di Zadravic né Gan hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

In materia di punteggiatura, i social media sono il selvaggio West. In alcuni angoli di Internet, la grammatica negligente è altamente tollerata, persino un distintivo d'onore. Nelle questioni legali, tuttavia, la punteggiatura contestata può costare milioni.

Leggi anche |Facebook è disposto ad aprire algoritmi ai regolatori, afferma Clegg

Un caso recente a Portland, nel Maine, che ha coinvolto gli straordinari per i camionisti dipendeva dalla mancanza di una virgola di Oxford – la virgola finale spesso saltata in una serie come “A, B e C” – nella legge statale. Il caso, risolto nel 2018 per $ 5 milioni, ha guadagnato notorietà internazionale quando la 1st US Circuit Court of Appeals ha stabilito che la virgola mancante creava abbastanza incertezza da schierarsi con i conducenti. Ha dato agli ossessivi della grammatica e a coloro che adorano la virgola di Oxford la possibilità di gioire per la vittoria.

La lotta per un segno di punteggiatura non più grande di una capocchia di spillo arriva in un paese che si è guadagnato la reputazione di capitale mondiale della diffamazione. Gli esperti legali affermano che il caso dell'apostrofo mancante è tutt'altro che sorprendente in Australia, che ha una complessa rete di leggi sulla diffamazione e una storia di premiare i querelanti ingenti somme di denaro.

Nel 2019, ad esempio, l'attore premio Oscar Geoffrey Rush ha ricevuto più di 2 milioni di dollari nella sua causa per diffamazione contro il Nationwide News di Rupert Murdoch, il più grande pagamento di questo tipo all'epoca a una sola persona nella storia australiana. Nello stesso anno, un uomo d'affari miliardario vinse una causa per diffamazione contro un'agenzia di stampa che sosteneva di averlo erroneamente collegato a un caso di corruzione.

I documenti del tribunale suggeriscono che Zadravic sembrava avesse intenzione di aggiungere un apostrofo. Dopotutto, chi non ha storpiato la grammatica sparando un post sui social media per ripicca?

Ma il giudice, Judith Gibson, ha scritto nella sua dichiarazione: “La difficoltà per l'attore è l'uso della parola “dipendenti” al plurale. Non riuscire a pagare il diritto alla pensione di un dipendente potrebbe essere considerato un peccato; non pagare alcuni o tutti sembra deliberato.”

Gibson ha osservato che il processo potrebbe costare a Zadravic più di 180.000 dollari e ha citato casi simili, incluso quello di un veterinario australiano che ha ricevuto più di 18.000 dollari dopo un ex cliente ha pubblicato recensioni diffamatorie online. Nell'ultimo caso, non è stato immediatamente chiaro quale tipo di ricorso Gan avesse richiesto alla corte.

I casi di diffamazione di alto profilo rappresentano solo una piccola parte dei ricorsi presentati dinanzi ai tribunali australiani ogni anno.

“I tribunali sono inondati di reclami”, ha affermato Barrie Goldsmith, un consulente speciale di Rostron Carlyle Rojas Lawyers.< /p> Da non perdere |Funzione di test di Instagram per informare gli utenti di interruzioni o problemi all'interno dell'app

Un avvocato con sede a Sydney che ha lavorato su casi di diffamazione per più di tre decenni, ha aggiunto che tali affermazioni non avrebbero essere fattibile negli Stati Uniti, dove il Primo Emendamento protegge la libertà di parola.

Le notoriamente severe leggi sulla diffamazione dell'Australia sono state criticate dai membri dei media locali. Un sondaggio del 2018 condotto dal sindacato dei giornalisti australiani ha rilevato che quasi un quarto degli intervistati ha dichiarato di aver ricevuto un picco di un articolo quell'anno a causa dei timori di accuse di diffamazione.

Sebbene la controversia nel caso di Facebook il post dell'agente immobiliare si trasforma in un apostrofo mancante, per altri, l'uso improprio della punteggiatura equivale, infatti, a un reato.

Secondo Lynne Truss nel suo libro “Eats, Shoots & Lascia”: “Non importa che tu abbia un dottorato di ricerca. e ho letto tutto Henry James due volte. Se persisti ancora a scrivere “Buon cibo al suo meglio”, meriti di essere colpito da un fulmine, fatto a pezzi sul posto e sepolto in una tomba anonima.”

Questo articolo è apparso originariamente su The New York Times.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.