Lo scandalo politico austriaco lascia i conservatori europei bisognosi di un nuovo percorso

0
131

FILE — Sebastian Kurz, cancelliere austriaco e presidente del Partito popolare conservatore, nel suo ufficio a Vienna, 5 luglio 2018. (Gordon Welters/The New York Times)

Scritto da Katrin Bennhold

Quando Sebastian Kurz divenne per la prima volta cancelliere dell'Austria, l'intera Europa si mise a sedere. A soli 31 anni, aveva ribaltato le sorti del suo sofferente partito conservatore e da un giorno all'altro è diventato un modello per i leader in difficoltà del centrodestra in altre parti del continente.

Quattro anni dopo, Kurz è stato costretto a dimettersi nel corso di un'indagine penale sulle accuse di aver usato denaro pubblico per manipolare i sondaggi di opinione e di aver pagato un giornale scandalistico per una copertura favorevole.

https://images.indianexpress.com /2020/08/1×1.png

La sua caduta è unica per l'Austria, ma potrebbe ripercuotersi in tutta Europa.

Arriva in un momento in cui il panorama politico europeo appare sempre più frammentato e un tempo potente i partiti tradizionali del centrosinistra e del centrodestra hanno perso terreno a favore di una miriade di nuovi attori politici, non ultimi agli estremi.

Giovane e esperto di media, Kurz si è autodefinito qualcuno che aveva una formula per preservare un centro capiente in mezzo alla distruzione. Ha adottato il linguaggio anti-immigrati di un'estrema destra in ascesa e ha rimodellato il suo tradizionale Partito popolare in un movimento politico che ha attratto centinaia di migliaia di nuovi sostenitori.

Top News Right Now

Clicca qui per ulteriori informazioni

“Perché don non abbiamo qualcuno così?” si è lamentato il tabloid tedesco Bild nell'ottobre 2017.

Ma le recenti accuse contro di lui e una serie di prove che sono già state rilasciate suggeriscono che la stessa strategia di comunicazione che gli ha fatto guadagnare voti conservatori in patria e ammirazione nei circoli conservatori all'estero era nel migliore dei casi “profondamente immorale” e nel peggiore dei casi illegale, ha affermato Thomas Hofer. , osservatore di lunga data della politica europea e consulente politico indipendente a Vienna.

“Quello che stiamo vedendo in Austria è il crollo di una nuova narrativa per i partiti conservatori in Europa”, ha affermato Hofer. “A livello internazionale, il modello Kurz era qualcosa che altri guardavano molto da vicino come una possibile risposta ai populisti di estrema destra”.

In tutta Europa, i tradizionali partiti di centrodestra in difficoltà hanno lottato per reinventarsi, a volte flirtando con la tentazione di virare ulteriormente a destra.

Nella vicina Germania, i democristiani della cancelliera Angela Merkel, che hanno governato il paese 52 degli ultimi 72 anni, compresi gli ultimi 16, hanno perso in modo spettacolare nelle elezioni del mese scorso. È stato il loro peggior risultato elettorale di sempre.

In Francia, dove cinque degli otto presidenti dall'inizio della Quinta Repubblica nel 1958 sono stati conservatori, il tradizionale centrodestra non vince nessuna elezione nazionale dal 2007 .

E in Italia, la Democrazia Cristiana ha co-governato per quasi mezzo secolo dopo la seconda guerra mondiale, ma negli ultimi due decenni la destra politica si è sempre più radicalizzata e frammentata.

Uno dei pochi leader di centrodestra di successo in Europa occidentale è rimasto il primo ministro Boris Johnson in Gran Bretagna e lui, proprio come Kurz, ha cooptato non solo la retorica nazionalista anti-immigrazione dei populisti, ma anche la loro relazione aggressivamente simbiotica con i tabloid.

Alcuni analisti affermano che i recenti eventi in Austria suggeriscono che la strategia politica di Kurz non è una strategia praticabile a lungo termine per rilanciare il conservatorismo centrista.

“Kurz è qualcuno che ha preso un partito tradizionale di centrodestra, trascinandolo in modalità populista ed è ora in grossi guai”, ha affermato Timothy Garton Ash, professore di storia europea all'Università di Oxford.

Una lezione, ha detto Garton Ash, è che il declino dei tradizionali partiti catchall sia a destra che a la sinistra è strutturale — e probabilmente irreversibile.

“I grandi partiti di centro-destra e centro-sinistra che hanno dominato l'Europa occidentale dopo il 1945 non sono più quello che erano e difficilmente torneranno mai più a essere quello che erano”, ha detto.

In tutta Europa, le elezioni hanno rivelato una società più frammentata, che sfida sempre più le tradizionali etichette politiche.

Per gran parte del dopoguerra, i paesi europei tendevano ad avere un grande partito di centrosinistra e un grande partito di centrodestra. I partiti di centrosinistra sostenevano una classe operaia organizzata in potenti sindacati, mentre il centrodestra raccoglieva una vasta gamma di elettori della classe media e alta, dai fedeli conservatori agli imprenditori del libero mercato. Non era insolito che un campo ottenesse il 40% dei voti.

I partiti socialdemocratici hanno perso questo status qualche tempo fa. Con il calo delle iscrizioni sindacali e l'abbandono del centrosinistra da parte del tradizionale collegio elettorale della classe operaia, la sua quota di voti si è ridotta dall'inizio degli anni 2000.

Se la crisi della socialdemocrazia è stata un tema familiare nell'ultimo decennio, la crisi del conservatorismo è ora in piena mostra. Tuttavia, anche se i vecchi partiti conservatori si sono ridotti, molte delle loro politiche rimangono dominanti in Europa, sottolineano gli analisti.

“Se guardi alla Germania, alla Francia o all'Italia, non sono i classici conservatori di centrodestra che hanno vinto le elezioni o sono al potere, ma le politiche in atto sono tradizionalmente di centrodestra”, ha affermato Dominique Moïsi, politologo e consigliere Institut Montaigne con sede a Parigi.

In Francia, il presidente Emmanuel Macron ha fatto esplodere il sistema partitico francese vincendo le elezioni con il suo movimento En Marche, ma il liberale di mercato europeista, una volta considerato di centrosinistra, ha recentemente aderito bruscamente a destra.

Mario Draghi, il primo ministro italiano, non ha affiliazioni di partito, ma come ex presidente della Banca centrale europea è visto come un centrista.

Anche in Germania, dove un socialdemocratico ha vinto per poco le recenti elezioni, il candidato cancelliere del partito, Olaf Scholz, è stato ministro delle finanze della Merkel ed è per certi versi più associato al suo governo uscente che al suo stesso partito.

< p>“La netta divisione tra sinistra e destra che ha dominato la politica europea è stata offuscata e non si applica più veramente”, ha detto Moïsi. “L'estrema destra è molto più estrema. Il centrodestra si sta spostando ancora di più verso il centro, e la sinistra classica o è completamente implosa come in Francia o lotta per la sopravvivenza con i Verdi. E quindi hai un panorama politico che è molto più frammentato di un tempo.”

Ciò non ha impedito ad alcuni politici di primo piano di cercare modi per resuscitare il passato e di guardare a Kurz come modello.

“Puoi vedere in Austria che Sebastian Kurz riesce come un giovane politico conservatore ad essere il numero 1 con i giovani”, ha detto Tilman Kuban, leader dell'ala giovanile dei conservatori tedeschi, giorni dopo il devastante sconfitta elettorale.

Anche Christoph Ploss, capo della Democrazia Cristiana ad Amburgo, ha indicato l'Austria come un “buon esempio” di come far rivivere il conservatorismo. “Laggiù”, ha detto, “il partito partner è tornato con una chiara direzione”.

Entrambi gli uomini hanno rifiutato di commentare quando gli è stato chiesto la scorsa settimana se le accuse contro Kurz avessero cambiato opinione.

Cosa significhino esattamente le dimissioni di Kurz è difficile da dire. Si è dimesso da cancelliere sabato dopo che i suoi partner della coalizione, i Verdi, hanno dichiarato di non poter continuare a governare con lui alla luce delle attuali accuse e hanno minacciato un voto di sfiducia. Ma rimane leader del partito e legislatore in Parlamento.

Alcuni prevedono che anche dopo che il suo consacrato successore e fedele alleato, il ministro degli Esteri Alexander Schallenberg, avrà prestato giuramento come cancelliere lunedì, Kurz terrà ancora le redini e potrebbe persino organizzare un ritorno ad un certo punto.

Non sarebbe la prima volta che si reinventa.

Un tempo leader giovanile conservatore, che distribuiva preservativi di marca come bavaglio elettorale e alla fine si guadagnava la reputazione di ministro dell'integrazione liberale, Kurz virò bruscamente a destra, vincendo le elezioni ed entrando in una coalizione con il Partito della Libertà di estrema destra.

Dopo l'implosione del suo primo governo due anni fa, ha vinto la rielezione e ha aumentato ancora di più la quota di voti del suo partito. Poi è entrato in un'improbabile coalizione con il partito dei Verdi, molto più piccolo.

< /p>

Per molti versi, Kurz è meno rappresentativo del conservatorismo tradizionale e più tipico dell'opportunismo politico associato a un nuovo ceppo di politica di destra che si è evoluto in Europa nello spazio tra il centrodestra antico e una serie di rumorosi partiti di estrema destra all'estremo.

“La nuova politica di destra che riguarda l'immigrazione e l'identità, quella politica di destra che si vede in tutta Europa”, ha affermato Garton Ash.< /p>

È improbabile che la tentazione di muoversi a destra svanisca del tutto, anche dopo gli scandali che hanno travolto l'Austria, ha detto.

“Probabilmente i populisti più pericolosi sono quelli che sembrano meno populisti”, ha detto Garton Ash . “Questo è vero per Johnson, e così è stato per Kurz.”

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.