Due giornalisti hanno iniziato una discussione a Boston nel 1979, non è ancora finita.

0
68

Tom Palmer, ex redattore e giornalista del Boston Globe, che ha affermato che gli argomenti contro l'obiettività giornalistica “erano completamente sbagliati allora e credo che lo siano ancora di più oggi”, in Natick, Mass., 9 ottobre 2021. Nel 1979, due giornalisti hanno avuto una discussione – più di quattro decenni dopo, non l'hanno risolta. (Kayana Szymczak/The New York Times)

Scritto da Ben Smith

Nel 1979, due giornalisti litigarono. Più di quattro decenni dopo, non l'hanno risolto.

L'oggetto del loro disaccordo era l'”oggettività” giornalistica, una nozione che risale almeno agli anni '20, quando alcuni dei giornali e delle riviste più nobili cercavano di distinguersi dai fogli e dalle pubblicazioni scandalistiche guidate da partigiani e talvolta guerrafondai editori.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

In un angolo, Alan Berger. Nel 1979, era un giornalista di 41 anni per il Real Paper, un settimanale alternativo che era emerso da una spaccatura al suo predecessore, Boston Phoenix. Prima di iniziare a sorvegliare la stampa, Berger era cresciuto nel Bronx, aveva frequentato l'Università di Harvard e tenuto un corso al Massachusetts Institute of Technology, in francese, sul poeta Charles Baudelaire.

Il suo bersaglio nel dibattito sull'obiettività – che è tornato ruggendo alla vita nella burrasca politica degli ultimi anni – era Tom Palmer. All'epoca, Palmer era un assistente redattore nazionale di 31 anni del The Boston Globe, il che significava che apparteneva all'establishment ed era quindi un bersaglio maturo per il Real Paper. Palmer era cresciuto in una famiglia di giornali a Kansas City, ma sognava di fare l'agricoltore prima di lottare con la chimica organica e finire nel commercio di suo padre.

L'argomento particolare della rubrica di Berger, che andò in onda il 21 aprile 1979, con un teaser in prima pagina del Real Paper, era come i media stavano coprendo l'incidente nucleare a Three Mile Island. L'argomento di fondo era qualcosa di più ampio: il dibattito, all'interno dell'industria dei media, su quando e se i giornalisti dovrebbero dire ai lettori cosa pensano veramente dei problemi e degli eventi di cui stanno scrivendo. Per chiarire il suo punto, Berger si è rivolto a Palmer per nome, descrivendolo come “premuroso, onesto e del tutto convenzionale”.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per saperne di più

Berger ha scritto di essere rimasto particolarmente colpito da qualcosa che l'editore del Globe gli aveva detto in difesa della copertura del giornale su Three Mile Island: che era suo compito “non far sembrare la situazione peggiore di quanto non fosse”.

In una recente intervista, Berger ha ricordato che la sua visione della questione è stata influenzata dalla copertura deferente dei media sulla guerra del Vietnam. L'”eccessiva fedeltà alle proprie tradizionali nozioni di equilibrio e obiettività”, scrisse nella sua rubrica, aveva effettivamente distorto la realtà – e la sincera dedizione di Palmer ai vecchi valori, scrisse Berger, era esattamente ciò che era così pericoloso in lui.

“Entro la fine di questo millennio, l'obiettività di alcune persone molto perbene nei media farà sembrare anche loro dei fanatici irresponsabili”, ha scritto l'editorialista di Palmer e di altri come lui.

I particolari sono cambiati nei decenni successivi, ma gran parte della colonna di Berger avrebbe potuto essere scritta ieri. (E i settimanali alternativi hanno prefigurato lo stile e il tono del giornalismo online.) L'ascesa di Donald Trump e la crescente consapevolezza dei media che una neutralità studiata spesso nasconde un'unica prospettiva dominante ha scosso molti dei presupposti tradizionali del settore.

Tom Palmer, ex redattore e giornalista del The Boston Globe, che ha affermato che gli argomenti contro l'obiettività giornalistica “erano completamente sbagliati allora e credo lo siano ancora di più oggi”, a Natick, Massachusetts, 9 ottobre 2021. ( Kayana Szymczak/The New York Times)

Una nuova generazione diversificata di giornalisti ha cercato di smantellare il vecchio ordine, e gran parte del conflitto si è svolto, negli ultimi anni, al Washington Post, il cui caporedattore all'epoca, Martin Baron, aveva vinto Pulitzer e sfidato i presidenti facendo utilizzo degli strumenti tradizionali del giornalismo giornalistico. Ma Baron ha anche imbrigliato i suoi dipendenti esprimendo opinioni su Twitter sugli argomenti trattati.

Il suo ex protetto, il corrispondente nazionale Wesley Lowery, ha sostenuto in un saggio di opinione del New York Times ampiamente diffuso che l'obiettività rispecchiava la visione del mondo dei giornalisti e degli editori bianchi, le cui “verità selettive sono state calibrate per evitare di offendere la sensibilità dei lettori bianchi”. Lowery, che ha finito per lasciare The Post per CBS News, ha suggerito che le organizzazioni giornalistiche “abbandonino l'apparenza dell'obiettività come standard giornalistico ambizioso e che i giornalisti si concentrino invece sull'essere onesti e sul dire la verità, nel miglior modo possibile, basandosi su il contesto dato e i fatti disponibili.”

Quello stesso argomento ha trovato accoglienza anche in alcune delle principali scuole di giornalismo americane.

“Ci concentriamo sull'equità, sul controllo dei fatti e sull'accuratezza, e non cerchiamo di suggerire ai nostri studenti che le opinioni che hanno dovrebbero essere nascoste”, ha affermato Sarah Bartlett, preside della Craig Newmark Graduate School of the City University di New York. Giornalismo. “Abbracciamo la trasparenza.”

Steve Coll, la sua controparte alla Columbia Journalism School, che ha annunciato giovedì che si sarebbe dimesso a giugno dopo nove anni come preside, ha affermato che la Columbia cerca di insegnare l'equità e l'onestà intellettuale, aggiungendo che il vecchio modo di pensare si è trasformato in qualcosa di nuovo. “La chiesa non c'è più e non c'è più ortodossia”, ha detto. “Ci sono molti giornalismo, e questo è un po' liberatorio.”

Gran parte del cambiamento ha a che fare con la natura mutevole del business delle notizie e il declino dei giornali locali, la cui attività spesso dipendeva dall'acquisizione di un'istituzione posizione. Internet ha anche offuscato per i lettori i confini tra notizie e opinioni, che erano chiari in un giornale cartaceo.

La pagina di opinione liberale del Globe, infatti, assunse Berger nel 1982, pochi anni dopo aver sgridato Palmer. I due uomini a volte si sedevano a pranzo insieme nella caffetteria all'ultimo piano del Globe. La stanza aveva una vista sul centro e, in quei giorni di gloria dei giornali, era il luogo frequente di dibattiti olimpici sul ruolo della stampa, ha ricordato un'altra collega, l'editorialista Ellen Goodman.

Entrambi gli uomini hanno avuto il tipo di carriera lunga e variegata che era comune nei grandi giornali della metropolitana. Berger ha scritto editoriali sulla politica estera e una rubrica sui media stranieri prima di ritirarsi nel 2011. Palmer ha alternato tra editing e reportage, coprendo la caduta del muro di Berlino (ne ha riportato una parte per Goodman) e il famigerato progetto di traffico di Boston noto come il Big Dig prima che un nuovo editore, Baron, lo spostasse nel suo ultimo periodo, il settore immobiliare. Ha lasciato The Globe nel 2008 e si è dedicato alle pubbliche relazioni.

Anche Palmer non ha mai lasciato andare la discussione. Si è autoproclamato una specie di geniale cane da guardia dell'industria, noto alla fine per le sue e-mail persistenti a giornalisti ed editori che pensava avessero permesso alle loro opinioni liberali di infiltrarsi nella loro copia. Manda ancora molte email, anche a me. Quando mi ha inviato la vecchia colonna di Berger, mi è rimasta impressa, perché sembrava così assolutamente contemporanea.

Inutile dire che Palmer rimane persuaso dagli argomenti contro il suo caro ideale. “All'epoca si sbagliavano di grosso”, mi ha inviato un'e-mail, “e credo che lo siano ancora di più oggi”.

“I giornalisti semplicemente non sono abbastanza intelligenti e istruiti per cambiare il mondo”, ha continuato. “Dovrebbero semplicemente informare il pubblico al meglio delle loro capacità e lasciare che sia il pubblico a decidere.”

Ha anche detto, mestamente, che credeva che la sua parte stesse perdendo. La nozione di obiettività “era in declino prima di Trump, e quell'era l'ha rimossa completamente dal tavolo”, ha scritto. “Dubito che tornerà mai più”.

Berger, in un'intervista, ha ammesso di aver vinto “in una certa misura” la discussione. La posizione convenzionale di Palmer, nell'era Trump, “comincia a sembrare una visione radicale”, ha detto.

Alan Berger, che scrisse una rubrica sui limiti dell'”oggettività” giornalistica quando era editorialista dei media per il Real Paper a Boston nel 1979, a Cambridge, Massachusetts, 8 ottobre 2021. (Kayana Szymczak/The New York Times)

Questo argomento decennale non si adatta perfettamente ad alcune delle domande più importanti del momento, quelle affrontate dai giornalisti che hanno vinto il Premio Nobel per la pace la scorsa settimana, Maria Ressa delle Filippine e Dmitry Muratov della Russia. Sono stati perseguitati, in fondo, non perché ai loro governi non piaccia il loro stile di giornalismo, ma perché i loro governi non tollereranno la nozione di giornalismo indipendente e alla ricerca della verità.

L'idea originale intorno alla tanto abusata nozione di obiettività, quando fu introdotta negli anni '20, aveva a che fare con il rendere il giornalismo “scientifico”, cioè con l'idea che i giornalisti potessero testare ipotesi contro la realtà e dimostrare che le loro affermazioni erano giuste. Nell'interpretazione più generosa, si trattava di stabilire uno spazio pubblico condiviso in cui i fatti potessero essere arbitrati e sapendo che si poteva anche sbagliare.

In effetti, uno dei modi più semplici per sapere se ci si può fidare di un giornalista, l'ho sempre scoperto, è verificare se la persona è in grado di ammettere di aver sbagliato, cosa che si applica ai direttori di giornali giusti e editorialisti moralizzatori allo stesso modo. La gente ama prendere in giro le correzioni, ma in realtà sono un segno di integrità.

Il che mi riporta alla rubrica di Berger del 1979. Il suo titolo, che sarebbe andato bene su Twitter se fosse esistito allora, era “Come la stampa ha fatto esplodere Three Mile Island”. La sua spinta era che i giornalisti – “privatamente anti-nuke”, scrisse – stavano nascondendo ai loro lettori la loro opinione secondo cui l'energia nucleare era troppo pericolosa da usare.

Ha citato Palmer dicendo che “non è ancora chiaro chi abbia ragione” sulle grandi questioni politiche sull'energia nucleare.

“Se non ora, quando?” chiese Berger. “Deve esserci un conteggio delle vittime anche in questa guerra?” Quella linea, subito dopo il Vietnam, ha fatto male.

Le discussioni sull'obiettività giornalistica non saranno risolte in tempi brevi e puoi aspettarti la mia rubrica finale nel 2061 con Baron (107) e Lowery (71). Ma negli anni '70 e '80, la parte di Berger ha vinto la battaglia per l'energia nucleare. L'industria nucleare americana non si è mai ripresa da Three Mile Island, poiché i fattori politici hanno rallentato e poi fermato in gran parte la costruzione di nuovi reattori. È stato un trionfo liberale degli anni '70 che oggi è in gran parte dimenticato.

Eppure: Berger ora crede di essersi sbagliato su questo. La sinistra americana di quell'epoca non aveva compreso i rischi delle emissioni di carbonio.

“Devi rivalutare tutti i valori, perché devi vedere tutte le domande particolari alla luce del pericolo di un drastico cambiamento climatico”, mi ha detto. L'energia nucleare, qualunque siano i suoi pericoli, non emette carbonio.

E i giornalisti, a qualunque setta apparteniamo, dovrebbero tenere a mente il nostro potenziale per sbagliare.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.