I paesi sviluppati dovrebbero fare un Net-Minus per liberare lo spazio di carbonio nel 2050 affinché i paesi in via di sviluppo possano crescere: India

0
115

Il rappresentante permanente dell'India presso l'Ambasciatore delle Nazioni Unite TS Tirumurti interviene all'Assemblea generale delle Nazioni Unite Dibattito generale del secondo comitato su crisi, resilienza e ripresa – Accelerare i progressi verso l'Agenda 2030'. (Twitter/TS Tirumurti)

L'India ha sottolineato che l'obiettivo di azzerare le emissioni nette entro il 2050 dovrebbe essere basato sul principio di equità, con i paesi in via di sviluppo che raggiungeranno un picco più tardi dati i rispettivi percorsi di sviluppo sostenibile mentre i paesi sviluppati dovrebbero fare un e #8220;Meno netto”.

Le emissioni nette zero significano che il mondo non sta aggiungendo nuove emissioni nell'atmosfera.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha sottolineato che le emissioni devono dimezzarsi entro il 2030 e raggiungere le emissioni nette zero no entro il 2050 per raggiungere l'obiettivo di 1,5 gradi Celsius dell'Accordo di Parigi.

Top News Right Ora

Fare clic qui per ulteriori informazioni

“Mentre si discute sul concetto di Net-Zero, è importante comprenderne le implicazioni. Un Net-Zero globale dovrebbe essere basato sul principio della responsabilità comune ma differenziata e dell'equità, dove i paesi in via di sviluppo raggiungeranno il picco più tardi dati i loro rispettivi percorsi di sviluppo sostenibile,” Lo ha detto venerdì il rappresentante permanente dell'India presso l'ambasciatore delle Nazioni Unite T S Tirumurti.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite Dibattito generale del Secondo comitato su ‘Crisi, resilienza e ripresa — Accelerare i progressi verso l'Agenda 2030, ha affermato, “di conseguenza, per liberare lo spazio di carbonio nel 2050 affinché i paesi in via di sviluppo possano crescere, i paesi sviluppati dovrebbero, infatti, fare un Net-Minus”. ;

“Se i paesi sviluppati stanno facendo solo Net-Zero individuali, di fatto ci stiamo allontanando sempre più dal raggiungimento degli obiettivi di Parigi. Allo stesso modo, i paesi sviluppati dovrebbero prima aver bisogno di dimostrare di essere sulla buona strada per raggiungere i loro impegni per il 2030, prima di discutere del 2050,” ha detto.

Ha spiegato |Il peso del cambiamento climatico sui bambini nati oggi

L'India ha anche sottolineato la necessità di desistere dalla “raccolta delle ciliegie” dalla struttura inclusiva e globale costruita attorno alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), che tutti gli Stati membri hanno negoziato e sottoscritto.

“Alcuni non dovrebbero decidere per tutti. L'India non favorirà alcun tentativo che vada contro un processo guidato dagli Stati membri e non sia nell'interesse dei paesi in via di sviluppo,” disse.

In una dichiarazione video al Dialogo ad alto livello delle Nazioni Unite sull'energia 2021 tenutosi a margine della 76a sessione dell'Assemblea generale il mese scorso, il ministro per l'energia e la potenza; Energia nuova e rinnovabile R K Singh aveva affermato che mentre le nazioni discutono di transizione energetica, accesso all'energia e finanziamenti, “vorrei ribadire l'importanza di essere pienamente sensibili al mix energetico e alle circostanze nazionali dei diversi paesi. Non può esserci una soluzione valida per tutti.”

Tirumurti ha anche sottolineato che esiste ancora un ampio divario per raggiungere l'impegno dei paesi sviluppati a fornire 100 miliardi di dollari per l'azione per il clima.< /p> Leggi anche |Cambiamento climatico destinato a peggiorare il degrado delle risorse, conflitto: rapporto IEP

“Questo importo è inferiore a quello guadagnato dalla NFL per i diritti sui media! Eppure stiamo lottando per raccogliere 100 miliardi di dollari, anche se affermiamo che è un problema esistenziale! Pertanto, è ora di prendere sul serio l'azione per il clima, in particolare i paesi sviluppati,” ha affermato.

Le iniziative dell'India come l'International Solar Alliance e la Coalition for Disaster Resilient Infrastructure sono esempi del contributo dell'India alla partnership globale per il clima, ha aggiunto Tirumurti.

< p>Ha osservato che sul cambiamento climatico, l'India è l'unico paese del G20, che è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi di Parigi. “Ci stiamo muovendo verso l'obiettivo di 450 GW di energia rinnovabile. Stiamo lavorando per rendere l'India il Green Hydrogen Hub. La quota di energie rinnovabili nel mix energetico è notevolmente aumentata al 38%,” ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.