Trump potrebbe candidarsi nel 2024. Anche loro potrebbero. Sta diventando imbarazzante.

0
65

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. (File foto via AP)

Scritto da Jeremy W. Peters

Con tutta la sottigliezza di un megafono, l'ex presidente Donald Trump ha lasciato intendere che ha intenzione di candidarsi di nuovo in carica nel 2024.

E i repubblicani lo stanno trattando con la deferenza che hanno mostrato mentre era alla Casa Bianca in attesa di vedere se farà la sua mossa.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Sabato pomeriggio, Trump si dirige in Iowa per un raduno alla fiera statale, tappa perenne del circuito della campagna presidenziale. Insieme a lui ci saranno molti dei migliori repubblicani dello stato, tra cui il governatore Kim Reynolds, il senatore Charles E. Grassley e il presidente del Partito Repubblicano dell'Iowa, Jeff Kaufmann, una testimonianza del dominio duraturo dell'ex presidente.

La riluttanza di Trump a cedere i riflettori ha messo in dubbio il futuro politico di un intero gruppo di politici repubblicani che hanno suggerito che un giorno potrebbero voler candidarsi alla presidenza. E mentre loro, come il resto del paese, non possono essere sicuri di cosa potrebbe fare il notoriamente volubile ex presidente, alcuni di loro stanno cercando di rivendicare le loro pretese come leader del partito.

Ciò richiede una buona dose di delicatezza da parte loro. E questa settimana è stato un po' imbarazzante per due di loro.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

Prima c'era l'ex vicepresidente Mike Pence, il cui rifiuto di interferire con il conteggio dei voti elettorali il 6 gennaio ha fatto arrabbiare profondamente Trump e ha contribuito a far precipitare l'assalto mortale al Campidoglio quel giorno. Pence ha rilasciato un'intervista questa settimana a Sean Hannity di Fox News e a volte sembrava molto simile a qualcuno che vuole essere presidente.

Ha attaccato il presidente Joe Biden per aver ritirato le forze statunitensi dall'Afghanistan. Ha anche criticato l'approccio del presidente agli affari interni – per “aver tenuto lezioni al popolo americano sui mandati dei vaccini” e aver promosso quello che Pence ha definito una “leggendaria, grande governo e socialista” davanti al Congresso che amplierebbe la rete di sicurezza sociale e affronterebbe problemi come il clima cambiamento.

Ma quando Hannity ha affrontato l'argomento della relazione logora di Pence con Trump, l'ex vicepresidente ha cercato di deviare accusando i media di aver gonfiato a dismisura gli eventi del 6 gennaio, riferendosi ad esso obliquamente a un certo punto come “un giorno di gennaio”.

L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence (foto d'archivio via AP)

“Vogliono usare quel giorno per cercare di umiliare il carattere e le intenzioni di 74 milioni di americani che credono che noi potrebbe essere di nuovo forte e prospero e ha sostenuto la nostra amministrazione”, ha affermato Pence.

Non ha affrontato il fatto che numerosi rivoltosi al Campidoglio hanno chiesto la sua esecuzione durante l'attacco, chiedendo che fosse impiccato per non aver eseguito i desideri di Trump. E Hannity non ne ha parlato.

Poi c'è stato un discorso di Nikki Haley, un altro ex funzionario dell'amministrazione Trump il cui rapporto con Trump è stato danneggiato perché si era dichiarata “disgustata” con lui dopo il 6 gennaio. e ha predetto che avrebbe “perso qualsiasi tipo di vitalità politica”.

Ma Haley, che è stato governatore della Carolina del Sud e ambasciatore alle Nazioni Unite, ha elogiato Trump in un'apparizione alla Ronald Reagan Presidential Library a Simi Valley, in California. Ha criticato gli avversari politici di Trump per averlo accusato di essere compromesso dai russi e ha affermato che la posizione di Biden nei confronti della Russia era più debole in confronto.

America’s ex inviato alle Nazioni Unite Nikki Haley. (File)

Separatamente, in un'intervista con il Wall Street Journal questa settimana, ha elogiato la capacità di Trump di “far eleggere persone forti” e ha insistito: “Non voglio che torniamo ai giorni prima di Trump”.

Al momento, questa non sembra un'opzione per Haley o chiunque altro voglia avere un brillante futuro nel Partito Repubblicano. Trump continua ad attaccare i repubblicani che hanno rotto con lui dopo il 6 gennaio e hanno sostenuto il suo impeachment, come la rappresentante Liz Cheney del Wyoming.

Il suo primo raduno dal giorno della rivolta al Campidoglio è stato a giugno fuori Cleveland. Ha appoggiato un repubblicano locale che stava sfidando il rappresentante Anthony Gonzalez nelle elezioni primarie del prossimo anno. Gonzalez, uno dei 10 repubblicani della Camera che hanno votato per mettere sotto accusa Trump per il suo ruolo nell'incitare alla rivolta, ha annunciato il mese scorso che avrebbe lasciato il Congresso piuttosto che restare ad affrontare il suo sfidante approvato da Trump.

< /p>

I sondaggi condotti nel corso dell'anno hanno mostrato che Trump rimane il favorito schiacciante per gli elettori repubblicani, suggerendo che sarebbe difficile da battere alle primarie se si fosse davvero candidato. Sebbene la sua popolarità abbia sofferto un po' subito dopo il 6 gennaio, la maggior parte dei repubblicani sembra essere andata avanti. Un sondaggio del Pew Research Center pubblicato mercoledì ha rilevato che i due terzi dei repubblicani affermano che Trump dovrebbe continuare a essere una figura nazionale importante, con un aumento di 10 punti percentuali rispetto a gennaio. Il 44% dei repubblicani o degli elettori di tendenza repubblicana vuole che si candidi di nuovo.

Anche il sondaggio Pew ha riscontrato poca tolleranza per il dissenso. Alla domanda se il loro partito debba accettare politici che criticano apertamente Trump, il 63% ha risposto di no.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.