Una proposta dell'UE renderebbe obbligatorio l'USB-C, cosa significa per iPhone?

0
48
Alexander Yakimov/Shutterstock.com< /figure>

Oggi la Commissione Europea ha proposto una nuova legge che richiede l'USB-C come standard per tutti “smartphone, tablet, fotocamere, cuffie, altoparlanti portatili e console per videogiochi portatili.” Il più famoso dispositivo USB-C è l'iPhone, ma questa proposta non indica ancora la fine del cavo di illuminazione.

Sommario

Cosa sta succedendo?
Cosa significa per iPhone
Altre considerazioni sulla proposta
Cosa non aiuta: USB-C

Cosa sta succedendo?

Commissione UE

Prima di entrare nel merito di ciò che questo significa per Apple, è essenziale capire cosa sta succedendo in primo luogo. Per essere chiari, non stiamo parlando di una nuova legge che entrerà in vigore oggi. Invece, la Commissione Europea, il ramo esecutivo dell'Unione Europea, ha proposto una nuova legge all'esame. Ogni dettaglio della proposta potrebbe cambiare prima che diventi legge e, di fatto, la proposta non potrebbe mai diventare legge. Vale anche la pena tenere a mente che tecnicamente una legge dell'UE non riguarda l'America, ma in pratica questa potrebbe.

Fatto questo, diciamo guarda qual è la proposta … ben propone. La Commissione Europea desidera rendere USB-C lo standard su smartphone, tablet, fotocamere e altro ancora. Ma va oltre con quattro principi di base:

  • Una porta di ricarica armonizzata per i dispositivi elettronici: USB-C sarà la porta comune. Ciò consentirà ai consumatori di caricare i propri dispositivi con lo stesso caricabatterie USB-C, indipendentemente dalla marca del dispositivo.
  • La tecnologia di ricarica rapida armonizzata aiuterà a evitare che produttori diversi limitino ingiustificatamente la ricarica velocità e contribuirà a garantire che la velocità di ricarica sia la stessa quando si utilizza un caricabatterie compatibile per un dispositivo.
  • Separazione della vendita di un caricabatterie dalla vendita del dispositivo elettronico: i consumatori potranno acquistare un nuovo dispositivo elettronico senza un nuovo caricabatterie. Ciò limiterà il numero di caricabatterie indesiderati acquistati o lasciati inutilizzati. Si stima che la riduzione della produzione e dello smaltimento di nuovi caricabatterie ridurrà la quantità di rifiuti elettronici di quasi mille tonnellate’ ogni anno.
  • Informazioni migliorate per i consumatori: i produttori dovranno fornire informazioni pertinenti sulle prestazioni di ricarica, comprese le informazioni sulla potenza richiesta dal dispositivo e se supporta la ricarica rapida. Ciò renderà più facile per i consumatori vedere se i loro caricabatterie esistenti soddisfano i requisiti del loro nuovo dispositivo o li aiuterà a selezionare un caricabatterie compatibile. In combinazione con le altre misure, ciò aiuterebbe i consumatori a limitare il numero di nuovi caricabatterie acquistati e li aiuterebbe a risparmiare 250 milioni di euro all'anno su acquisti di caricabatterie non necessari.

Pertanto, la proposta afferma che tutti i dispositivi devono utilizzare USB-C, supportare una versione compatibile di ricarica rapida su tutti i dispositivi, interrompere l'imballaggio di blocchi di ricarica con il dispositivo e fornire informazioni chiare sui requisiti di ricarica rapida. Il primo bit è quello che colpisce maggiormente Apple.

Che cosa significa per iPhone

Apple

Attualmente, anche l'ultimo iPhone e l'iPad entry-level utilizzano porte Lightning proprietarie. L'ultimo pezzo è interessante perché mentre l'iPad entry-level si è bloccato con i cavi di illuminazione, il nuovo iPad mini ha fatto il salto a USB-C, portandolo in linea con iPad Air e iPad Pro.

La legge, se implementata, sembrerebbe costringere Apple a smettere di usare i connettori Lighting sui suoi due dispositivi di controllo un giorno. E un giorno sarebbero passati “due anni dopo l'entrata in vigore della legge.” Quindi, anche se l'UE facesse oggi la proposta di legge con l'esatta formulazione in vigore, Apple avrebbe due anni per decidere come gestire il cambiamento.

Ma anche con la legge, ciò non significa necessariamente che tutti gli iPhone passeranno a USB-C. Apple potrebbe seguire diverse strade. In passato, quando l'Europa faceva pressioni sui produttori di telefoni più diffusi affinché firmassero un “Memorandum of Understanding” (MoU) che ha reso MicroUSB lo standard di fatto, Apple ha aggirato il problema con una scappatoia. Piuttosto che passare a MicroUSB, Apple ha creato un adattatore da illuminazione a USB e lo ha venduto a un prezzo extra.

Il MoU aveva specificamente quella scappatoia incorporata nella formulazione, rendendo facile per Apple seguire quella strada. La nuova proposta non offre questa opzione, ma nemmeno la vieta. Apple potrebbe tentare di sostenere che un adattatore da illuminazione a USB-C adempie ai suoi obblighi, creando un altro punto di stallo.

In alternativa, Apple potrebbe offrire un iPhone USB-C, ma solo nell'Unione Europea. Ovunque, compresi gli Stati Uniti, potrebbero continuare a vedere iPhone con connettori Lightning. Questo percorso sembra meno probabile, poiché la creazione di una versione diversa dell'iPhone comporta dei costi.

Tuttavia, Apple potrebbe evitare del tutto il problema rinunciando a qualsiasi porta su iPhone. Sebbene la proposta codifichi quale porta gli smartphone devono utilizzare se dispongono di una porta, non richiede una porta. Apple potrebbe invece passare a un iPhone senza porta che si basa esclusivamente sulla ricarica wireless per l'alimentazione e su AirDrop per i trasferimenti di file. Voci di un “iPhone portless” sono in circolazione da anni, ma sembra ancora improbabile. Se non altro perché avere una porta è utile per motivi diagnostici quando un iPhone deve essere riparato. Apple dovrebbe progettare un metodo di connessione diagnostica wireless sicuro.

Il risultato più probabile è che Apple alla fine passerà a USB-C sui suoi modelli iPhone e iPad entry-level. Ma questa non è necessariamente una grande vittoria per la legge, dato che ogni altro modello di iPad ha già fatto il salto, insieme ai Macbook. Sembra uno scenario probabile con o senza la legge. Nella migliore delle ipotesi, potrebbe accelerare il processo.

Ma ciò non significa che la potenziale legge non realizzerebbe nulla. Dovresti anche considerare gli altri tre principi della proposta.

Altre considerazioni sulla proposta

Cameron Summerson

Oltre a stabilire USB-C come standard, la proposta suggerisce altre tre modifiche significative. Il primo crea uno “standard di ricarica rapida.” Ciò potrebbe influire sui telefoni Android altrettanto o forse più dell'iPhone. Poiché la ricarica rapida cablata diventa sempre più diffusa, alcuni produttori stanno cercando di distinguersi con la “ricarica più veloce”,” che porta a mattoncini di alimentazione una tantum che caricano rapidamente solo un dispositivo specifico.

La legge dovrebbe, in teoria, impedirlo, e un “caricabatterie super veloce” per questo dispositivo funzionerebbe anche per quel dispositivo (se supporta la ricarica rapida). Ma probabilmente starai a te acquistare il caricabatterie perché la proposta avvantaggia i produttori con uno dei suoi altri principi: niente più blocchi di ricarica nella confezione.

I produttori si stanno già muovendo per lasciare il mattone di ricarica fuori dalla scatola, qualcosa che Apple ha iniziato, ma altri come Samsung e Microsoft hanno rapidamente copiato. La proposta dell'UE offre ai produttori una copertura non solo rendendola un “requisito” (non siamo autorizzati a fornirti il ​​mattone) ma a sostegno del ragionamento: meno mattoni di ricarica significa meno rifiuti elettronici. Il pensiero di base è che la maggior parte delle persone ha già un mattone di ricarica o prevede di acquistare l'opzione di ricarica rapida migliore.

Infine, la proposta richiede ai produttori di fornire “informazioni migliori” sulle prestazioni di ricarica dei dispositivi. Il gadget offre una ricarica rapida? Quanto velocemente? Cosa è necessario per raggiungere quella velocità massima? Con le “informazioni migliorate,” la speranza è che sarà più facile per te determinare se il blocco che già possiedi è abbastanza buono per caricare il tuo nuovo gadget brillante alla sua velocità più alta.

Questo è in qualche modo necessario perché USB-C è un casino.

Che cosa non aiuta: USB-C

Quindi ora, affrontiamo l'elefante nella stanza: USB-C. USB-C doveva essere uno standard universale che significava che tutto “funzionava.” Prendi un cavo, un caricabatterie, collegalo e tutto funziona. Ma la verità è che ciò che ci è stato promesso e ciò che abbiamo è molto diverso.

Una porta USB-C su un dispositivo potrebbe supportare Thunderbolt, video, trasferimenti di dati veloci e ricarica. Ma solo perché può fare tutte queste cose non significa che lo faccia. O che tutte queste opzioni siano supportate allo stesso modo. La porta USB-C su un laptop potrebbe supportare la ricarica da 100 Watt… o meno. Potrebbe supportare il trasferimento veloce dei dati, ma non il video. E Thunderbolt è una bestia tutta sua.

USB-C è lo standard che non è affatto uno standard. E la verità è che questa proposta non risolverà il problema. Potrebbe aiutare le persone a capire di più sulle opzioni di ricarica rapida supportate dalla loro action cam o smartphone, ma non garantisce affatto che supporti la ricarica rapida.

Il nostro sito gemello, How-To Geek, ha articolo dopo articolo dedicato a spiegare la differenza tra Thunderbolt e USB-C, Displayport, le diverse generazioni di USB e altro, solo perché USB è così complicato. E questo non cambierà.

Alla fine, se questa proposta diventerà legge e convincerà i produttori a fare il passaggio anche negli Stati Uniti, non avrà reso tutto più semplice capire. La legge non farà nemmeno funzionare tutti i dispositivi allo stesso modo o supporterà funzionalità simili. Standardizzerà semplicemente la forma delle porte sul tuo dispositivo. E questo è qualcosa, immagino.