Gli uiguri afghani temono la deportazione mentre i talebani si avvicinano alla Cina

0
43

Un parco divertimenti nel bacino idrico di Qargha fuori Kabul, Afghanistan, il 3 settembre 2021. (Victor J. Blue/The New York Times)

Scritto da Sui-Lee Wee e Muyi Xiao

I genitori di Ibrahim sono fuggiti dai disordini politici in Cina per l'Afghanistan più di 50 anni fa. A quel tempo, Mao Zedong aveva scatenato la Rivoluzione Culturale e la vita era stata sconvolta per molti uiguri, il gruppo etnico per lo più musulmano nello Xinjiang che includeva i genitori di Ibrahim.

Ibrahim è nato in Afghanistan. Ma ora anche lui sta cercando di sfuggire alle grinfie dell'autoritarismo cinese.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Lui e la sua famiglia hanno avuto paura di lasciare la loro casa in Afghanistan da quando i talebani, i nuovi governanti del paese, hanno preso il controllo il mese scorso, avventurandosi all'esterno solo per acquistare le cose essenziali.

“Siamo estremamente preoccupati e nervosi”, disse Ibrahim, il cui nome completo è stato trattenuto per la sua sicurezza. “I nostri figli sono preoccupati per la nostra sicurezza, quindi ci hanno chiesto di restare a casa.”

Per anni, i funzionari cinesi hanno lanciato appelli ai leader in Afghanistan per reprimere e deportare i militanti uiguri che sostenevano si trovassero in Afghanistan. I funzionari hanno affermato che i combattenti appartenevano al Movimento islamico del Turkestan orientale, un'organizzazione separatista che Pechino ha ritenuto responsabile di una serie di attacchi terroristici in Cina dalla fine degli anni '90.

Top News Right Now

Clicca qui per ulteriori informazioni

Gli Stati Uniti hanno rimosso il Movimento islamico del Turkestan orientale dalla lista dei gruppi terroristici durante l'amministrazione Trump, facendo arrabbiare Pechino. Ma i talebani, nel loro nuovo ruolo di diplomatici, sono stati ansiosi di stabilire relazioni amichevoli con la Cina, incontrandosi di recente giovedì con i funzionari cinesi. Molti uiguri in Afghanistan temono di essere bollati come terroristi e inviati in Cina come pedine nello sforzo dei talebani di ottenere il favore e gli aiuti economici del paese.

Non è chiaro se gli uiguri in Afghanistan debbano affrontare una minaccia immediata per la loro sicurezza, ma alcuni dicono che temono il futuro che li attenderebbe se fossero inviati nello Xinjiang. Dal 2017, il governo cinese ha rinchiuso quasi 1 milione di uiguri nei campi e sottoposto a sorveglianza costante quelli all'esterno. La Cina afferma che i campi sono necessari per eliminare l'estremismo e per “rieducare” gli uiguri.

Prima che i talebani prendessero il controllo dell'Afghanistan, il governo cinese ha affermato di aver ricevuto assicurazioni dagli insorti che il paese non sarebbe diventato un palcoscenico per attacchi terroristici. Gli uiguri ansiosi nel paese hanno guardato filmati televisivi di Wang Yi, ministro degli esteri cinese, fianco a fianco con i leader dei talebani a luglio. All'inizio di questo mese, Wang ha promesso 30 milioni di dollari in cibo e altri aiuti al nuovo governo, oltre a 3 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus; Giovedì ha affermato che i beni esteri dell'Afghanistan “non dovrebbero essere irragionevolmente congelati o utilizzati come merce di scambio per esercitare pressioni”, riferendosi obliquamente al controllo degli Stati Uniti di miliardi di dollari appartenenti alla banca centrale afgana.

Dalla fine degli anni '90, Pechino è riuscita a fare pressioni su diversi paesi affinché deportassero gli uiguri. L'Uyghur Human Rights Project, un gruppo di difesa con sede a Washington, ha contato 395 casi di uiguri inviati in Cina dal 1997. Il gruppo ha affermato in un rapporto di agosto che giornalisti e organizzazioni per i diritti umani hanno documentato 40 casi di detenzioni o consegne dall'Afghanistan a Cina, anche se ne ha verificato solo uno.

Khorsid Hasan, una pensionata uigura che vive in Virginia, ha affermato che dopo aver contattato l'Uyghur Human Rights Project ad agosto, il gruppo ha scritto una lettera al Dipartimento di Stato esortando i funzionari americani ad affrontare la vulnerabilità degli uiguri in Afghanistan. Gli uiguri nel paese “temono più per la loro vita che mai”, ha detto Khorsid in un'intervista. “Sperano di essere evacuati il ​​prima possibile”.

La lettera del gruppo per i diritti al Dipartimento di Stato ha avvertito del grave timore che i talebani “faranno ora accordi segreti con la Cina per estradare gli uiguri nella RPC. ”

Si stima che la popolazione uigura in Afghanistan sia di circa 2.000-3.000. Sono arrivati ​​a ondate, alcuni già nel XVIII secolo. Molti sono immigrati di seconda generazione con pochi legami con la Cina. I loro genitori si sono uniti a un flusso di rifugiati dallo Xinjiang alla fine degli anni '70, finendo nel vicino Afghanistan, dove si sono stabiliti e hanno avuto una famiglia.

Quelle famiglie stanno ancora una volta cercando di sradicare le loro vite. Anche se sono cittadini afgani, le loro carte d'identità mostrano che sono o rifugiati cinesi o membri del gruppo etnico, il che li rende facili da rintracciare se i talebani decidessero di radunarli.

I talebani non hanno risposto alle richieste di commento.

Nella città di Mazar-e-Sharif, Mohammad, un contadino uiguro di 39 anni il cui nome completo è stato trattenuto per evitare rappresaglie, ha affermato di essere così disperato di fuggire dall'Afghanistan con la sua giovane famiglia che ha contattato i trafficanti di esseri umani per aiutarli entrare in Iran. Gli è stato detto che era impossibile avere a che fare con i talebani in carica, ha detto.

Ha anche contattato senza successo gruppi uiguri in esilio in Germania e Turchia e organizzazioni che forniscono assistenza ai rifugiati negli Stati Uniti e in Canada , ha detto.

Ben prima che i talebani prendessero il controllo, la vita era difficile per gli uiguri in Afghanistan, che spesso subivano discriminazioni. Ibrahim, 54 anni, ha detto di aver mantenuto un basso profilo come uomo d'affari.

“Abbiamo fatto del nostro meglio per cancellare la nostra identità di uiguri”, ha detto.

Lui e sua moglie, anche lei uigura, vivono con le loro due figlie, 28 e 20, e un figlio di 25 anni, che ha un bambino di 1 anno. Ha detto che i suoi figli erano depressi e passavano i giorni sopravvivendo con il cibo che avevano immagazzinato prima che il governo crollasse.

Sotto il dominio dei talebani, l'Afghanistan è stato martoriato dalla carenza di cibo e denaro. Le persone non sono state in grado di prelevare denaro dalle banche. I prezzi dei generi alimentari sono aumentati. I talebani hanno anche chiesto aiuto alla Cina per evitare un possibile collasso economico.

Andrew Small, un membro anziano del German Marshall Fund che studia la politica cinese in Afghanistan, ha affermato che i talebani non avevano precedentemente dimostrato un'”evidente volontà” di consegnare gli uiguri ai cinesi, sebbene ritenesse che i loro timori fossero legittimi.

“Le linee sono sfocate da parte della Cina tra chi costituisce un terrorista e chi costituisce qualcuno che è stato semplicemente politicamente attivo”, ha detto Small. “Individui politicamente ed economicamente legati a qualsiasi attività che trovano problematica” rischiano di essere presi di mira, ha affermato.

Il futuro incerto degli uiguri in Afghanistan ha attirato l'attenzione di Abdul Aziz Naseri, un attivista uiguro che è nato in Afghanistan e ora vive in Turchia. Abdul Aziz ha detto di aver compilato un elenco di circa 500 uiguri afgani che vogliono lasciare il Paese.

“Mi dicono: ‘Per favore salva il nostro futuro. Per favore, salva i nostri figli'”, ha detto.

Ha condiviso i nomi e le fotografie di queste persone con il New York Times, ma ha chiesto che le loro informazioni fossero mantenute private. Almeno 73 persone sulla lista sembravano avere meno di 5 anni.

Shabnam, una uigura di 32 anni, sua madre e due sorelle sono riuscite a lasciare l'Afghanistan il mese scorso. Le donne si sono precipitate all'aeroporto di Kabul durante la frenetica evacuazione degli Stati Uniti. Le sue sorelle si imbarcarono su un volo, sua madre su un altro. Shabnam ha detto che è stata l'ultima ad andarsene.

In un'intervista, ha descritto di essere stata separata dal marito mentre superava le caotiche linee di sicurezza all'aeroporto. Aveva in mano il suo passaporto e ha pregato le guardie di sicurezza di consegnarglielo. Nessuno l'ha aiutata, ha detto.

Shabnam ha aspettato suo marito per quattro giorni, mentre le persone intorno a lei all'aeroporto l'hanno incoraggiata ad andarsene.

Alla fine lo ha fatto, salendo a bordo di un aereo militare statunitense con centinaia di altri afgani alla fine del mese scorso. Il suo viaggio l'ha portata in Qatar, in Germania e infine negli Stati Uniti, dove è atterrata il 26 agosto. Ora si trova nel New Jersey e sta ancora cercando di portare suo marito fuori dall'Afghanistan.

“Sono stata felice che Sono uscito da lì, grazie a Dio”, ha detto Shabnam. “Mi piace essere quì. È sicuro e protetto.”

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.