Le truppe statunitensi continuano a schierarsi in Iraq, anche quando la guerra in Afghanistan finisce

0
69

Soldati con la prima squadra di combattimento Stryker Brigade, quarta divisione di fanteria, a bordo di un volo per iniziare il loro schieramento di nove mesi in Iraq, a Fort Carson a Colorado Springs, Colo., Sett. 12, 2021. (Michael Ciaglo/The New York Times)

Scritto da Dave Philipps

Nel pomeriggio, una fila tesa di soldati ha attraversato la vasta piazza d'armi della postazione dell'esercito, issando bandiere drappeggiate con un arcobaleno di stelle filanti da schieramenti passati: Afghanistan, Iraq, Vietnam, Corea, Germania, Francia, battaglie della guerra civile e persino scaramucce con le tribù delle pianure in a cavallo.

“Presenti colori!” gridò un sergente. I soldati si voltarono e abbassarono le bandiere verso il loro colonnello in comando, che si fece avanti e le avvolse con cura in maniche mimetiche.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Proprio in quel momento – 13:29 ora della montagna del 30 agosto – l'ultimo aereo militare americano è decollato dall'aeroporto di Kabul in Afghanistan.

I soldati della prima squadra di combattimento della brigata Stryker, quarta divisione di fanteria, salgono su un aereo che li porterà al loro dispiegamento di nove mesi in Iraq, a Fort Carson a Colorado Springs, Colorado, 12 settembre 2021. (Michael Ciaglo/Il New York Times)

Le bandiere americane in tutto il paese erano state abbassate a mezz'asta per onorare i 13 soldati statunitensi uccisi lì da un attentatore suicida. E al cancello principale di Fort Carson, le donne hanno esposto 13 paia di stivali e 13 fredde Bud Light come memoriale.

Ma la cerimonia sulla piazza d'armi non ha segnato la fine della guerra americana in Afghanistan. La 1a Brigata Stryker della 4a divisione di fanteria stava avvolgendo le sue bandiere per celebrare l'inizio del suo ultimo schieramento. Stava tornando in Iraq.

Anche se la missione potrebbe essere sfuggita all'attenzione pubblica, gli Stati Uniti hanno ancora gli stivali sul terreno nell'altra nazione che hanno invaso dopo l'11 settembre. Circa 2.500 soldati statunitensi sono ora in Iraq, i tizzoni di quella che una volta era una guerra rovente e che divideva, ora accuratamente dispersi per proteggere alcune basi strategiche. Per i prossimi nove mesi, circa 2.000 soldati della 1 Brigata assumeranno gran parte di quel compito.

Il dispiegamento è l'ultimo di una lunga serie per l'unità, i cui ranghi sono ora composti in gran parte da soldati che erano bambini quando gli Stati Uniti hanno invaso. A loro avviso, la guerra in terre straniere non è un evento finito e epocale, ma piuttosto una realtà continua, un compito che probabilmente sarà sempre lì, bisognoso di volontari.

sergente Jason Bogle abbraccia sua moglie Beula e sua figlia Trinity, 1, mentre inizia un dispiegamento in Iraq, a Fort Carson a Colorado Springs, Colorado, 12 settembre 2021. (Michael Ciaglo/The New York Times)

La brigata il primo dispiegamento in Iraq nel 2003 è culminato nella cattura del dittatore fuggitivo del paese, Saddam Hussein, che i soldati hanno tirato fuori da una tana di ragno in un piccolo villaggio. Le truppe tornarono a casa quella volta con un caloroso benvenuto, con 70.000 persone presenti e tributi di Lynyrd Skynyrd e Jessica Simpson.

Ma la vittoria iniziale in Iraq non ha portato alla pace. La brigata è tornata in Iraq nel 2006 e di nuovo nel 2008. Decine di soldati della brigata sono stati uccisi mentre il paese crollava. Il fervore dell'invasione iniziale è svanito anche se la brigata ha continuato a schierarsi, inclusi tour in Afghanistan e Kuwait.

Quando i plotoni della 1a brigata sono saliti di nuovo a bordo dei jet militari nel 2021, non c'erano striscioni lungo la strada, né bande. giocando. Solo poche dozzine di membri della famiglia e un'orbita eccitata di bambini e cani si sono presentati per un commiato sommesso.

Ma mentre le giovani truppe si affollavano sugli aerei, partendo da una nazione stanca della guerra, molti dei loro volti tremolavano per l'eccitazione. Attraversarono la linea di volo sentendosi orgogliosi che fosse il loro momento di stare di guardia. Il destino di una nazione, che il ritiro dall'Afghanistan ha mostrato può dipendere da poche migliaia di soldati, ora dipenderebbe in parte da loro.

Ecco uno sguardo più da vicino a sei soldati schierati.

p>

Col. Andrew Steadman

Comandante di brigata, 43Atlanta

Steadman era un tenente appena uscito dal college quando il World Trade Center fu attaccato nel 2001, e presto si ritrovò a guidare un plotone di paracadutisti in Afghanistan. Da allora ha visto poco riposo.

Ha comandato una compagnia in Iraq durante l'ondata di truppe del 2007 per sedare i crescenti disordini. Poi ha condotto un battaglione a casa. Ha fatto un periodo in uniforme alla Casa Bianca, tenendosi sempre a pochi passi dal presidente Barack Obama, portando una valigetta piena di codici di lancio conosciuta come il calcio nucleare. Ora comanda una brigata di combattimento.

Due decenni di guerra hanno definito la sua vita. Quindi è rimasto sorpreso alcune settimane fa quando sua figlia di 10 anni gli ha chiesto: “Cos'è l'Afghanistan? Perché stanno combattendo lì?”

“Mi ha fatto smettere”, ha detto. “Mi sono reso conto che ci sono così tanti giovani che stanno ancora imparando a conoscere il mondo.

“Anche molti dei miei soldati sono così. Sono abbastanza giovani da non sapere perché siamo lì, perché siamo andati. Parte del mio lavoro è insegnare loro.”

Lt. Col. Joseph Mason

Cappellano, 42Salem, Oregon

Il cappellano della brigata non ha iniziato come cappellano. Ha iniziato come soldato semplice che si è arruolato nel 2002, quando lui e sua moglie avevano un bambino in arrivo e il Congresso stava votando per approvare l'uso della forza in Iraq. Si è trasferito in Iraq mentre il suo primo figlio era ancora in ospedale. Ora ne ha quattro.

L'intensità del suo primo dispiegamento nel 2003, ha detto, lo ha costretto a cercare direzione e comunità nella sua fede cristiana. Dopo aver visto come la fede avesse aiutato lui e altri soldati in guerra, sapeva che voleva diventare un cappellano.

Ha visto l'esercito cambiare nel corso degli anni, da una forza concentrata sulla rapida vittoria a una cinta per lunghe, feroci lotte. Durante quel periodo, un giardino di servizi sociali è sorto attorno ai combattenti di guerra per dare loro una migliore possibilità di una vita familiare felice, finanze stabili e stili di vita sani che possano sostenerli.

“Una cosa è certa: dopo tutto questo tempo, l'esercito ha imparato come andare in guerra”, ha detto Mason. “Ha imparato come supportare i soldati, come costruire forza non solo fisicamente, ma attraverso pratiche spirituali e relazioni di supporto. Sappiamo che i soldati non possono schierarsi se non hanno il supporto dei propri cari a casa.”

Primo tenente Olivia Albright all'inizio del suo dispiegamento in Iraq, a Fort Carson a Colorado Springs, Colorado, 12 settembre 2021. (Michael Ciaglo/The New York Times)

Primo tenente Olivia Albright

Capo plotone dell'intelligence, 24 anni

Okoboji, Iowa

Tranquillo, sicuro di sé, con una coda di cavallo bionda che spuntava dal suo berretto da pattuglia, Albright sollevò suo zaino e ha detto ai 20 soldati del suo plotone di intelligence di schierarsi per schierarsi.

Si è laureata con lode alla Iowa State University nel 2018 con una laurea in scienze animali, ma invece di diventare veterinaria, ha deciso che aveva bisogno, come suo padre e suo fratello, di arruolarsi nell'esercito e cercare di restituire alla sua nazione .

Nel suo zaino c'era un libro di meditazioni su come i cristiani possono trovare gioia nei loro doveri e gioia nello scopo. “È così che sono stata cresciuta, e ti senti in obbligo verso gli altri”, ha detto. “Mi sento chiamato a servire.”

Il plotone che guida è composto principalmente da uomini. Solo il 15% circa dell'esercito è costituito da donne, una proporzione che si è a malapena spostata dal 2001, anche se tutti i lavori di combattimento sono ora aperti alle donne. Ma la storia è diversa tra i giovani ufficiali: circa un terzo di tutti i tenenti ora sono donne, il che suggerisce che la leadership dell'esercito in futuro potrebbe assomigliare molto di più alla Albright.

Essere una donna in uniforme” non è un grosso problema”, ha detto. “Non ho ricevuto altro che supporto, persone che mi spingono ad avere successo.”

Sgt. Richard Blomer

Fanteria, 28San Diego

Il suo bisnonno era nell'esercito. Così era suo nonno. Così era suo padre, che tornò a casa dall'operazione Desert Storm poco prima della sua nascita. Quindi Blomer non ha mai avuto molte domande su cosa avrebbe fatto per vivere.

Mentre i soldati della 1a brigata si preparavano a volare in Iraq, alcuni riempivano i loro zaini di portafortuna, cuscini e coperte extra o libri per il college corsi che stanno seguendo durante la distribuzione.

Non Blomer. Non cerca conforto, distrazione o un piano di uscita. Ha detto che ha intenzione di fare carriera nell'esercito. Si è arruolato nove anni fa e si è già schierato una volta in Egitto per la missione di mantenimento della pace nel Sinai.

La notte prima del dispiegamento in Iraq, è uscito con i compagni dell'esercito per festeggiare con una grossa bistecca. Ha accolto con favore l'idea di servire dove c'era una possibilità di azione e un piccolo pericolo.

“Questo è il motivo per cui mi sono iscritto”, ha detto. “Amo l'esercito. È divertente.”

Sgt. Richard Blomer all'inizio del suo dispiegamento in Iraq, a Fort Carson a Colorado Springs, Colorado, 12 settembre 2021. (Michael Ciaglo/The New York Times)

1st Lt. Caroline Tran

Logistica medica, 31Dallas

Prima di essere un ufficiale in una squadra di logistica medica, Tran era un ufficiale di polizia militare arruolato, poi un sergente istruttore. Ha visto l'esercito da tutte le parti e ha già prestato servizio in Iraq e in Afghanistan.

È la figlia di rifugiati vietnamiti fuggiti dalla caduta di Saigon nel 1975. Suo padre ha combattuto dalla parte degli americani. Sua madre è fuggita in barca. Non hanno mai veramente parlato di quella guerra a casa, e lei non ha mai veramente chiesto. I suoi genitori non erano molto contenti quando si è arruolata.

Perché la sua brigata viene inviata in Iraq adesso, 10 anni dopo la fine formale delle operazioni di combattimento degli Stati Uniti? È proprio così, ha detto, sottolineando che i soldati statunitensi si stanno ancora schierando in Corea del Sud e in Germania, dove i combattimenti si sono fermati generazioni fa. Indipendentemente dal luogo o dalla missione, il suo lavoro rimane lo stesso.

“Fa solo parte del nostro lavoro”, ha detto. “Andiamo dove la nazione ha bisogno di noi.”

Pfc. Carlos Pabon all'inizio del suo dispiegamento in Iraq, a Fort Carson a Colorado Springs, Colorado, 12 settembre 2021. (Michael Ciaglo/The New York Times)

Pfc. Carlos Pabon

Esploratore di cavalleria, 22Huntsville, Alabama

Pabon è entrato in una stazione di reclutamento l'11 settembre 2020, per firmare i suoi documenti di arruolamento, ignaro del significato del Data. Ha terminato l'addestramento solo poche settimane prima di sapere che si sarebbe schierato in Iraq.

Pabon indossa la toppa della 4a divisione di fanteria sulla manica sinistra. Come la maggior parte della brigata, la sua manica destra è scoperta. Quel posto è riservato a una zona di combattimento per le truppe che si sono schierate in una zona di conflitto. Lo riceverà quando tornerà a Fort Carson.

“Siamo entusiasti”, ha detto mentre aspettava di imbarcarsi su un aereo in un terminal militare vicino a Fort Carson. “Molti dei ragazzi che non hanno avuto la possibilità di schierarsi vorrebbero averlo fatto.”

Alla domanda se fosse preoccupato per il dispiegamento in un paese in cui molti americani ritenevano che le truppe statunitensi non avrebbero mai dovuto essere inviate in primo luogo, ha scosso la testa. Ha indicato una foto in formato poster appesa alla parete del terminal, che mostra un soldato inginocchiato per stringere la mano a un sorridente ragazzo iracheno.

“Vedi in quella foto?” Egli ha detto. “Il ragazzo ha una borsa con i libri. Ecco perché non mi dispiace andarci. Voglio assicurarmi che quei ragazzi continuino ad avere queste opportunità.”

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.