Blocco in stile Unione Europea lanciato per l'America Latina, i Caraibi

0
56

Il presidente del Messico Andres Manuel Lopez Obrador (al centro) con leader e primi ministri durante il vertice della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC), al Palazzo Nazionale a Città del Messico. (Reuters)

Le nazioni dell'America Latina e dei Caraibi dovrebbero aspirare a un blocco come l'Unione Europea, hanno detto il presidente del Messico e altri leader in un vertice di sabato, nel tentativo di strappare l'influenza all'Organizzazione con sede a Washington degli Stati americani (OAS).

Per anni, alcuni degli alfieri di sinistra della regione che hanno partecipato al raduno della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) hanno considerato l'OSA troppo vicina agli Stati Uniti, risentindosi in particolare della sua esclusione di Cuba dai suoi stati membri.

L’ospite del vertice di sabato, il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador, ha detto a più di una dozzina di presidenti e primi ministri durante la cerimonia di apertura che un corpo diplomatico così rinnovato potrebbe rafforzare meglio le economie colpite dalla disuguaglianza della regione come così come affrontare la salute e altre crisi.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“In questi tempi, la CELAC può diventare lo strumento principale per consolidare le relazioni tra le nostre nazioni latinoamericane e caraibiche,” ha detto in una cavernosa sala da ballo nell'ornato palazzo nazionale del Messico, dove i leader si alternavano a parlare e alcune scintille sono volate tra gli avversari ideologici.

“Dovremmo costruire nel continente americano qualcosa di simile a quella che fu la comunità economica che segnò l'inizio dell'attuale Unione Europea,” ha detto la sinistra Lopez Obrador. Ha sottolineato la necessità di rispettare la sovranità nazionale e di aderire a politiche non interventiste e a favore dello sviluppo.

I leader si sono riuniti su invito di Lopez Obrador con l'obiettivo dichiarato di indebolire l'OSA. Il calcio d'inizio del vertice ha focalizzato l'attenzione sui leader di centro-sinistra della regione, tra cui il nuovo presidente del Perù, Pedro Castillo, Miguel Diaz-Canel di Cuba e Nicolas Maduro del Venezuela .

Il presidente di destra del Brasile Jair Bolsonaro si è ritirato dalla CELAC l'anno scorso, criticandolo per l'elevazione dei paesi non democratici. L’argentino Alberto Fernandez ha cancellato all’ultimo minuto a causa di un improvviso cambio di governo nel suo paese.

Scintille volano

Alcune spaccature sono emerse tra i leader . Il presidente di centrodestra dell'Uruguay, Luis Lacalle, ha affermato che la sua partecipazione non deve essere interpretata come un abbraccio ad alcuni dei regimi più autoritari della regione o un rifiuto dell'OSA.

Il presidente del Messico Andres Manuel Lopez Obrador (sinistra) ascolta altri leader e primi ministri durante il vertice della Comunità dell'America Latina e Caraibi (CELAC), al Palazzo Nazionale di Città del Messico. (Reuters)

“Siamo preoccupati e guardiamo seriamente a quanto sta accadendo a Cuba, Nicaragua e Venezuela,” ha detto, spuntando quelle che ha descritto come azioni repressive, inclusa l'incarcerazione degli oppositori politici.

Diaz-Canel di Cuba ha risposto attaccando le politiche neoliberiste che, secondo lui, hanno ritardato il progresso sociale. Ha anche criticato la leadership di Lacalle, rilevando l'ampia risposta a una recente petizione da parte della sua opposizione politica interna.

L'uruguaiano ha risposto criticando il governo comunista cubano, osservando che non tollera l'opposizione né consente al suo popolo di eleggere i propri leader.

Il presidente boliviano Luis Arce ha chiesto un accordo globale per cancellare i debiti dei poveri paesi mentre il presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez ha chiesto un organismo regionale per combattere il cambiamento climatico.

È stato anche annunciato un nuovo fondo CELAC per rispondere ai disastri naturali.

Il defunto presidente venezuelano Hugo Chavez ha contribuito alla creazione della CELAC nel 2011 e il suo tormentato successore Maduro è arrivato venerdì nella capitale messicana come aggiunta a sorpresa.

Nel commento di venerdì sera, Maduro ha suggerito un nuovo Stabilita la sede della CELAC nella capitale messicana. Sabato il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard ha educatamente evitato la proposta quando gli è stato chiesto dai giornalisti, descrivendo l'idea come prematura.

📣 The Indian Express è ora su Telegram . Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.