Perché la valle del Panjshir è stata forte per decenni e come è caduta ora?

0
52

La valle è forse meglio conosciuta per il suo figlio più famoso, Ahmad Shah Massoud, il leone del Panjshir. (Reuters)

La valle del Panjshir, un aspro solco scavato nelle montagne dell'Hindu Kush, ha la leggendaria reputazione di resistere alle invasioni. Ci sono due principali punti di ingresso nella valle, entrambi i quali richiedono il passaggio attraverso un terreno spietato e una topografia complicata. Le sue città sono sparse nel fondovalle, circondate dalle gelide acque blu del fiume Panjshir e dalle scoraggianti montagne a coste nude che torreggiano sopra. Mescolandosi allo splendido scenario, le strade del Panjshir sono disseminate di carri armati e macchinari in decomposizione, resti dell'era sovietica che rappresentano un duro ricordo del passato violento della regione.

La valle è forse più conosciuta per il suo figlio più famoso, Ahmad Shah Massoud, il leone del Panjshir. Massoud, un combattente mujaheddin al comando, mobilitò con successo il popolo della regione per resistere sia all'occupazione sovietica che in seguito ai talebani. Massoud era così altamente considerato come un avversario che le forze fedeli ad Al Qaeda lo assassinarono giorni prima degli attacchi dell'11 settembre come mezzo per consolidare il sostegno con i talebani. Tuttavia, la sua eredità incombe ancora sulla valle e suo figlio, Ahmad Massoud, ha seguito le orme del padre per formare il Fronte della Resistenza del Nord (NRF), l'ultima iterazione della famosa Alleanza del Nord che ha combattuto contro i talebani alla fine degli anni '90.

Tuttavia, a differenza di suo padre, Massoud non è stato in grado di difendere il Panjshir e il 6 settembre i talebani hanno preso il controllo della valle, completando l'occupazione di tutti i 34 distretti dell'Afghanistan. Fonti della regione indicano che la resistenza è ancora viva e continuerà a portare armi contro i talebani sotto la guida del giovane Massoud e dell'ex vicepresidente afghano Amrullah Saleh. Il successo dei loro sforzi per riprendere il controllo del Panjshir dipenderà da una serie di fattori, ma dato ciò che sappiamo finora, la prognosi è fosca.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Storia della resistenza nel Panjshir

Il Panjshir ospita la più grande popolazione di etnia tagika che vive in Afghanistan, il che modella l'identità politica e culturale della regione. Sebbene non abbiano forti legami con il Tagikistan, il loro sistema di valori è nettamente diverso dalla popolazione pashtun dominante del paese. I talebani, un'organizzazione prevalentemente pashtun, hanno storicamente lottato per ottenere sostegno nel Panjshir nonostante i recenti tentativi di includere i tagiki nei loro ranghi. Il Panjshir, per via del suo ingente approvvigionamento di minerali, è anche mediamente più ricco del resto dell'Afghanistan e si considera una regione quasi autonoma, distaccata dal resto della politica interna afgana. Come risultato della sua peculiare composizione culturale, il popolo del Panjshir ha costantemente resistito agli invasori stranieri, che per loro includono sia i sovietici che i talebani.

Durante le guerre sovietico-afghane degli anni '80, i sovietici lanciarono molteplici assalti al Panjshir nel tentativo di controllare la valle strategica che collega Kabul al nord dell'Afghanistan. In particolare, nel 1984, i sovietici tentarono di prendere la valle e assassinare Massoud, che era riuscito a unire un certo numero di afgani di diversa estrazione sotto la bandiera dei Mujaheddin, un'impresa non comune nel famoso paese tribale. Quando 220 soldati sovietici entrarono nella valle, furono colpiti da un pesante fuoco dall'alto. Arroccati in cima alla valle, gli uomini di Massoud fecero fuori uno ad uno i soldati sovietici, in una battaglia che somigliava meglio a un massacro. Dopo aver subito molte perdite, i sovietici riuscirono finalmente a prendere la valle ma non furono in grado di mantenerla a causa del conflitto in corso con il popolo del Panjshiri.

Tra il 1996 e il 2001, Massoud ha formato l'Alleanza del Nord dal Panjshir e ha difeso ancora una volta la valle, questa volta dai talebani. Nonostante i molteplici tentativi di cacciare l'Alleanza dal Panjshir, Massoud e i suoi uomini hanno tenuto duro e la regione era l'unica in Afghanistan a non essere controllata dai talebani. Sotto Massoud, la valle godeva di uno standard di vita significativamente migliore rispetto al resto dell'Afghanistan, comprese migliori disposizioni per le donne e una maggiore tolleranza per le minoranze. Un tempo parte della provincia di Pawan, la valle del Panjshir è diventata il cuore della nuova provincia del Panjshir dopo la morte di Massoud. Strategicamente e simbolicamente, la recente caduta della valle è un duro colpo per la resistenza.

Come hanno fatto i talebani a conquistare il Panjshir

< img src="https://indianexpress.com/wp-content/plugins/lazy-load/images/1x1.trans.gif" />Miliziani fedeli ad Ahmad Massoud, figlio del defunto Ahmad Shah Massoud, stanno in formazione durante un'esercitazione, nel Panjshir (AP Photo/Jalaluddin Sekandar)

Intorno al 17 agosto, i resti dell'esercito nazionale afghano iniziarono a mobilitarsi nella valle del Panjshir sotto la direzione di Massoud. All'epoca Saleh, che si era autoproclamato presidente de facto dell'Afghanistan, tentò di negoziare una fine pacifica del conflitto, ma i tentativi della NRF di impadronirsi di rotte di rifornimento cruciali furono visti come un tradimento dai talebani che presto lanciarono controffensive di propri.

Il 23 agosto, i rapporti suggerivano che i colloqui tra i rappresentanti del Panjshir e i talebani fossero falliti e che quest'ultimo si stesse preparando a inviare centinaia delle sue forze nella regione. Tagliato fuori dalle rotte di rifornimento verso il Tagikistan, Massoud ha rivolto un appello disperato alla comunità internazionale, scrivendo un editoriale sul Washington Post, chiedendo sostegno contro i talebani. Tuttavia, nessun aiuto è arrivato e Massoud ha nuovamente avviato colloqui con il gruppo con entrambe le parti che hanno dichiarato un cessate il fuoco il 26 agosto. Il 29 agosto i talebani hanno interrotto tutti i servizi Internet e di telecomunicazione in tutto il Panjshir, il che ha notevolmente ostacolato la capacità della NRF di comunicare con sostenitori in patria e all'estero.

Tagliata fuori dal mondo esterno, il 31 agosto la valle è stata oggetto di una violenta offensiva dalle forze talebane che sarebbero state aiutate da agenti di Al Qaeda. Il 6 settembre, dopo aspri combattimenti che hanno provocato numerose vittime da entrambe le parti, i talebani hanno conquistato l'ufficio del governatore a Bazarak e rivendicato l'intera valle del Panjshir.

Panjshir dopo la conquista talebana

Dalla valle del Panjshir emergono resoconti contrastanti e data la mancanza di giornalisti e social media nella regione, è difficile stabilire quale sia la situazione sul campo. Secondo i rapporti dei talebani, sia Massoud che Saleh sono fuggiti dall'Afghanistan in Tagikistan, con un portavoce dei talebani che ha pubblicato una sua foto nella casa di Saleh come prova della sua scomparsa. La Resistenza ha negato queste affermazioni e insiste sul fatto che sia Saleh che Massoud sono ancora in Afghanistan e si nascondono per ragioni di sicurezza. L'8 settembre, il giornalista francese Bernard-Henri Lévy ha condiviso una sua foto mentre parlava con Massoud nel Panjshir, rafforzando ulteriormente le affermazioni della NRF.

C'è anche una disputa su quanta parte della valle sia controllata dai talebani, con un leader della NRF, Ali Nazary, che sostiene che mentre i talebani avevano catturato la strada principale che attraversa la valle, dal 60 al 65 per cento della regione era ancora fuori la loro presa. Nazary ha anche accusato i talebani di prendere di mira i civili, un'affermazione supportata da un'indagine della BBC del 13 settembre che ha scoperto che il gruppo aveva giustiziato almeno 20 civili da quando era entrato nella valle.

Tuttavia, l'11 settembre, ai giornalisti della Tasnim News Agency è stato permesso di entrare nel Panjshir per intervistare civili e membri dei talebani. Riferiscono che il gruppo ha catturato tutto il Panjshir e che la situazione è relativamente calma nonostante le voci di violenza. Anche il portavoce dei talebani Zabiullah Majahid ha negato che il gruppo abbia commesso violazioni dei diritti umani.

Una fonte che lavora per un'agenzia di stampa indipendente con sede nella regione ha detto a indianexpress.com che la resistenza è entrata in una “nuova fase di guerriglia” e sostiene che la valle del Panjshir è ancora molto contesa, con le “montagne e sottovalli tutto controllato dalla NRF”. La fonte afferma inoltre che i talebani “hanno interrotto Internet e l'elettricità e bloccato tutto il cibo e le forniture mediche in arrivo nel Panjshir”. Inoltre, i talebani hanno condotto “dozzine di esecuzioni e torture su base giornaliera, costringendo l'80% della popolazione rimanente a fuggire in montagna”.

Secondo il Panjshir Observer, c'era una finestra di tre giorni in cui i talebani dicevano che i civili potevano andarsene, ma quando hanno raggiunto il checkpoint, solo donne e bambini potevano passare, con gli uomini “radunati e giustiziati con l'accusa di sostenere la NRF .”

Situazione attuale

Nonostante rapporti credibili che suggeriscano che la NRF sia ancora attiva, la sua capacità di guidare i talebani fuori dalla valle del Panjshir sono probabilmente limitati. Il gruppo soffre di una mancanza di leadership interna e, soprattutto, di supporto esterno.

Ahmad Massoud, figlio dell'eroe ucciso della resistenza antisovietica, Ahmad Shah Massoud, nella sua casa a Bazarak, provincia del Panjshir, in Afghanistan, il 5 settembre 2019. (Reuters/File)

La NRF non possiede leader in grado di mobilitare in modo significativo il sostegno pubblico. Massoud, che ha una sorprendente somiglianza con suo padre, è giovane e ha trascorso gran parte della sua vita fuori dall'Afghanistan. Anche se insiste che è nel suo DNA non tirarsi mai indietro, gran parte del suo fascino deriva dalla sua relazione con Massoud Sr. e la sua capacità di reclutare supporto è relativamente limitata.

Saleh, sebbene certamente influente, non era particolarmente prominente politicamente prima che il presidente Ashraf Ghani lasciasse il paese ed è ugualmente limitato nel suo appello popolare. Inoltre, durante il conflitto sono stati uccisi membri di alto profilo della NRF come Fahim Dashti, portavoce del gruppo e nipote del dottor Abdullah, insieme al generale Abdul Wudod Zara, un altro membro anziano e nipote di Ahmad Massoud Sr.

Altri importanti leader afgani come il dottor Abdullah Abdullah e l'ex presidente Hamid Karzai non si sono uniti alla NRF e anche i leader anti-talebani nel nord dell'Afghanistan come Atta Mohammad Noor e Abdul Rashid Dostum sono fuggiti dal paese .

Anche la leadership della NRF ha obiettivi diversi, con personaggi come Saleh che indicano la volontà di scendere a compromessi, mentre Massoud sostiene che non si può raggiungere un accordo senza prevedere un Panjshir autonomo. Inoltre, a differenza dell'Alleanza del Nord, che possedeva diversi ex combattenti mujaheddin, i membri della NRF non hanno l'esperienza militare dei talebani. Sebbene la topografia naturale della regione avvantaggia il loro approccio alla guerriglia, farebbero comunque fatica a rappresentare una minaccia militare credibile e duratura per i talebani.

Fondamentalmente, la NRF non è stata in grado di ottenere sostegno internazionale, a differenza dell'Alleanza del Nord che ha ricevuto armi e risorse da diversi paesi stranieri, compresi gli Stati Uniti. Nonostante le richieste di aiuto di alto profilo da parte di leader come Massoud, la comunità internazionale in gran parte non è riuscita a rispondere. Nelle ultime settimane, diversi portavoce e diplomatici stranieri, tra cui il capo della CIA, il presidente della comunità di intelligence congiunta della Gran Bretagna e inviati di diversi paesi, si sono incontrati con alti esponenti talebani in Qatar. Inoltre, America, Turchia e Qatar stanno lavorando per riaprire l'aeroporto di Kabul e riprendere i voli commerciali. Ciò a sua volta conferisce legittimità internazionale ai talebani e mina gli sforzi della NRF.

Inoltre, negli anni '90, i combattenti del Panjshir sono stati riforniti dall'India e dall'Iran e hanno beneficiato delle linee di rifornimento del Tagikistan nel nord. Tuttavia, questa volta, i talebani sono avanzati rapidamente attraverso la valle e hanno tagliato quelle linee di vita cruciali. In mancanza di elementi essenziali di base come cibo e medicine, è improbabile che la NRF sia in grado di continuare a resistere ai talebani per un periodo di tempo prolungato.

Forse la cosa più importante, mentre la NRF ha pochi sostenitori internazionali, i talebani ne hanno uno estremamente potente in Pakistan. Rapporti dal Panjshir indicano che le forze anti-talebane sono state prese di mira da attacchi di droni, una capacità tecnologica che il gruppo non possiede. Ciò ha portato gli osservatori a ipotizzare che Islamabad stia aiutando i talebani nel Panjshir, fornendo loro supporto militare e hardware. Funzionari pakistani hanno respinto queste affermazioni come propaganda indiana, ma sebbene la portata di queste affermazioni possa essere discussa, il fatto che le agenzie di intelligence pakistane stiano fornendo un qualche tipo di supporto materiale ai talebani, non può.

Massoud, Saleh e la NRF hanno ripetutamente insistito sul fatto che non si ritireranno dal conflitto ma, data la forza dei talebani, la loro capacità di resistere al gruppo potrebbe essere limitata. Sfortunatamente, sembra che il Panjshir sia l'ultimo pezzo del puzzle e, nonostante i valorosi sforzi del suo popolo e della NRF, la conquista dell'Afghanistan da parte dei talebani sia finalmente completa.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sulla ricerca, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.