‘Stiamo soffocando qui’: un anno dopo, la famiglia della vittima di Hathras vive nella paura, evitata dal villaggio

0
62

La vittima è stata cremata con la forza dalla polizia e dai funzionari dell'UP.

La famiglia ha conservato le ceneri del 19enne in una piccola urna in un angolo di una stanza. La sua macchina da cucire e i suoi vestiti giacciono su uno scaffale. La famiglia Dalit di Hathras ha deciso che non celebrerà il suo ultimo rito fino a quando non avrà ottenuto giustizia dal tribunale.

Un anno fa, il 14 settembre 2020, la diciannovenne sarebbe stata violentata e aggredita da quattro uomini di casta superiore che l'hanno lasciata sanguinante nel campo.

La famiglia l'ha trovata con gravi ferite al collo e alle parti intime. È stata portata in un ospedale ad Aligarh, e poi a Delhi. Undici giorni dopo, è morta nell'ospedale Safdarjung di Delhi.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png Le migliori notizie in questo momento

Clicca qui per saperne di più

Il corpo è stato portato in ambulanza in tarda serata, portato al suo villaggio e cremato con la forza alle 3.30 dalla polizia e dai funzionari dell'UP.

Un anno dopo, la famiglia è stata evitata dal villaggio. Le telecamere a circuito chiuso controllano la loro casa tutto il tempo. Circa 35 membri del personale del CRPF fanno la guardia.

“Yahaan ghutan hoti hai (Stiamo soffocando qui). Nessuno ci parla… ci trattano come criminali. So che (gli abitanti del villaggio) ci attaccheranno una volta che il CRPF se ne sarà andato. Ho tre figlie piccole e sono preoccupato per la loro sicurezza”, ha detto il fratello maggiore dell'adolescente vittima.

Ha perso il lavoro subito dopo l'incidente e ora resta a casa.

Leggi |Che tipo di uno Yogi propaga l'odio: Rahul Gandhi

Il padre della ragazza, anche lui disoccupato, ha interrotto il figlio. La loro casa nel villaggio è stata costruita 70-80 anni fa, ha detto, e non potevano semplicemente andarsene.

“Non è facile lasciare questo posto. Vogliamo che le persone ci accettino. Che male abbiamo fatto? Non possiamo andare al tempio o visitare il mercato. Restiamo sempre a casa e preghiamo che la sentenza del tribunale arrivi presto”, ha detto.

La famiglia afferma che la loro lotta non è solo per la giustizia per la figlia, ma anche contro il sociale l'ingiustizia nel villaggio.

Leggi anche | Nonostante il caso di stupro, Mumbai ‘la città più sicura’ per le donne: Shiv Sena

Dopo la morte della ragazza sono stati registrati due casi. Sono ascoltati dall'Alta Corte di Allahabad e da un tribunale SC/ST di Hathras. All'Alta Corte, la squadra investigativa speciale deve ancora presentare un rapporto sulla cremazione forzata. La corte SC/ST sta esaminando il caso di stupro-omicidio.

Quattro uomini Thakur, Sandeep (20), Ravi (35), Luv Kush (23) e Ramu (26), sono accusati di criminalità.

“Ho visto le famiglie degli accusati andare in macchina, seguite da altri abitanti del villaggio in auto-risciò e jeep, quando vanno in tribunale o per incontrare l'imputato in carcere. Metà del villaggio li segue, ma non c'è nessuno con noi”, ha detto il fratello della ragazza.

< /p>

La famiglia ha ricevuto un risarcimento di 25 lakh di rupie, ma deve ancora ottenere i lavori e una nuova casa promessi dal governo UP.

“Abbiamo venduto tutti i nostri bufali e mucche e abbiamo lasciato il nostro lavoro a causa del caso. Anche alle udienze, gli abitanti del villaggio ci seguono e minacciano noi e il nostro avvocato. Sappiamo che vogliono che il nostro avvocato lasci questo caso. Faranno di tutto per salvare gli uomini Thakur…” ha detto il fratello.

Le famiglie degli accusati, tuttavia, hanno affermato che le loro vite erano state “rovinate” a causa del processo mediatico.

“Mio marito è in prigione e io non Non ho abbastanza soldi per mandare i miei tre figli in buone scuole, ha detto la moglie di Ramu.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.