Perché Epic ha presentato ricorso contro il risultato della causa antitrust e Apple non l'ha fatto (ancora)

0
18
Epic Games

< p>Epic ha presentato ricorso contro la sentenza di venerdì nella sua causa antitrust contro Apple. Ciò potrebbe sorprendere, poiché Epic ha convinto con successo il tribunale che Apple deve consentire collegamenti di acquisto esterni all'interno delle app su iOS. Ma il CEO di Epic Tim Sweeney considera la sentenza un fallimento e, ironia della sorte, Apple la definisce un successo. Cosa sta succedendo qui?

Bene, Epic Games non è riuscito a raggiungere nessuno dei suoi obiettivi primari in questo processo. Sebbene Apple debba consentire i collegamenti in uscita nelle app iOS, non è necessario che accetti sistemi di acquisto di terze parti all'interno delle app. Gli sviluppatori non sono ancora autorizzati a ospitare i propri app store su iOS e, naturalmente, Apple ha evitato le accuse di imporre un monopolio sui giochi per dispositivi mobili.

Nel grande schema delle cose, Apple se l'è cavata con leggerezza. I sistemi di acquisto esterni creano un sacco di attriti, reindirizzano l'esperienza dell'app in un browser mobile, dove i clienti potrebbero essere distratti o scoraggiati dall'acquistare contenuti digitali. Gli sviluppatori che implementano sistemi di acquisto esterni possono evitare le tariffe dell'App Store, ma potrebbero vendere meno prodotti rispetto agli sviluppatori che si attengono al sistema di pagamento in-app senza soluzione di continuità di Apple.

Ecco perché Apple ( pubblicamente) attribuisce alla sentenza di venerdì un successo. In una dichiarazione a The Verge, la società ha affermato che “la Corte ha affermato ciò che sappiamo da sempre: l'App Store non viola la legge antitrust.” Apple potrebbe ritardare o addirittura eliminare i suoi obblighi con un ricorso positivo, ma ciò significherebbe tornare in tribunale e rischiare una punizione più severa.

Naturalmente, Apple potrebbe essere costretta a tornare in tribunale se Epic continua a perseguire accuse antitrust. In questo caso, l'azienda potrebbe dire “al diavolo” e scatta per un appello.

Epic ha motivi per continuare a sporgere denuncia? Ebbene, secondo il giudice che ha presieduto Epic v. Apple, “l'evidenza suggerisce che Apple è vicina al precipizio di un sostanziale potere di mercato, o potere di monopolio,” ma le accuse non sono state approvate “perché [Epic] non si è concentrato su questo argomento.”

Fonte: The Verge