Amazon ha convinto Apple a vietare un'app di rilevamento di recensioni false

0
60
Fakespot

Apple ha rimosso Fakespot, un'app popolare che rileva le recensioni di prodotti falsi, dall'App Store di iOS. La rimozione è stata avviata da Amazon, che lamenta che la nuova app iOS di Fakespot rappresenta un rischio per la sicurezza e disinforma i clienti.

Fakespot è stato a lungo un punto fermo del mondo dello shopping basato su browser, ma ha lanciato la sua prima app iOS nel giugno 2021. Questa app si sovrappone al sito Web di Amazon con un codice personalizzato, avvisando gli acquirenti di potenziali recensioni false e, in alcuni casi, suggerendo prodotti molto apprezzati che gli utenti potrebbero essere interessati.

Amazon ha inviato una richiesta di rimozione ad Apple poco dopo che questa app è stata pubblicata. Ed evidentemente, Amazon aveva molto di cui lamentarsi—in ​​una dichiarazione a The Verge, Amazon afferma che l'app Fakespot presenta “informazioni fuorvianti sui nostri venditori e sui loro prodotti” e, cosa ancora più importante, “crea potenziali rischi per la sicurezza,” poiché i clienti devono esporre le proprie informazioni Amazon a Fakespot per utilizzare la sua app.

Questa sembra una preoccupazione valida, soprattutto in un momento in cui le persone sono iperconsapevoli del phishing e della raccolta di dati (personalmente, non accedere ad Amazon tramite una terza parte). Apple chiarisce che Fakespot è stato ritirato per aver violato le linee guida 5.2.2 dell'App Store, che esistono per prevenire violazioni del copyright, frodi, phishing e altri problemi.

5.2.2 Siti/servizi di terze parti: se la tua app utilizza, accede, monetizza l'accesso o visualizza contenuti da un servizio di terze parti, assicurati di essere specificamente autorizzato a farlo ai sensi del servizio’ s termini di utilizzo. L'autorizzazione deve essere fornita su richiesta.

Chiaramente, Fakespot ha violato questa politica. Ma ci sono alcuni punti da fare a favore dell'azienda. Per cominciare, Amazon non ha fatto questo tipo di respingimento contro le app di coupon che si sovrappongono al codice sul suo sito Web, anche se creano gli stessi “rischi per la sicurezza” come Fakespot. (Detto questo, Amazon si è scagliata contro Honey dopo che è stata acquistata da Paypal, apparentemente senza motivo.)

Vorrei anche sottolineare che Amazon ha un incentivo finanziario a delegittimare revisori esterni come Fakespot. Sì, Amazon può utilizzare i dati che raccoglie per trovare più recensioni false di quanto potrebbe mai fare una terza parte come Fakespot. Ma poiché Amazon ha passato anni a negare di avere un problema con i truffatori, è molto difficile per i clienti fidarsi dell'integrità dell'azienda in quest'area, ecco perché l'app iOS Fakespot ha fatto il racking ha raggiunto oltre 150.000 download solo poche settimane dopo la sua uscita.

A merito di Amazon, ha trascorso gli ultimi due anni in una tirata contro i venditori truffaldini. Ha distrutto migliaia di prodotti contraffatti, ha aperto una “unità criminale,” venditori banditi in modo aggressivo che pagano per le recensioni e hanno pubblicato lunghi rapporti che dettagliano i suoi progressi contro le inserzioni false. Ma questi problemi sono in corso, non sono affatto risolti.

Le persone continueranno a utilizzare strumenti come Fakespot perché ci sono recensioni false su Amazon. Se Amazon crede veramente che questi strumenti di rilevamento siano un rischio per la sicurezza, come potrebbero essere, allora l'azienda deve fare uno sforzo maggiore per correggere i difetti nel suo mercato. Si spera che Fakespot possa trovare un modo per offrire i suoi servizi agli utenti mobili senza violare le linee guida di Apple.

Fonte: The Verge