L'ex ministro Arun Shourie muove SC contro la legge sulla sedizione

0
66

Arun Shourie (foto d'archivio)

Giovedì l'ex ministro dell'Unione Arun Shourie ha chiesto alla Corte Suprema di dichiarare incostituzionale la legge sulla sedizione come è diventata “ pesantemente abusato” e vengono presentate cause contro i cittadini per “esercizio della loro libertà di parola e di espressione”.

Significativamente, la petizione è stata depositata il giorno in cui un banco guidato dal giudice capo NV Ramana espressa preoccupazione per “enorme abuso” della legge e ha chiesto al Centro perché non abrogava la disposizione usata dagli inglesi per “silenzio” persone come il Mahatma Gandhi per reprimere il movimento per la libertà.

Il tribunale ha accettato di esaminare le istanze presentate dalla Editors Guild of India e da un ex maggiore generale, contestando la costituzionalità della legge, e ha affermato che la sua principale preoccupazione era l'”abuso della legge”.

https: //images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La Sezione 124-A (sedizione) ai sensi dell'IPC è una disposizione non vincolante e fa qualsiasi discorso o espressione che “porta o tenta di portare all'odio o al disprezzo o eccita o tenta di suscitare disaffezione verso il governo stabilito dalla legge in India” un reato punibile con la reclusione fino a tre anni fino all'ergastolo e la multa.

La petizione di Shourie sosteneva che “la definizione di sedizione (Sezione 124-A dell'IPC) era vaga e incapace di un accurato apprezzamento da parte del cittadino comune e delle forze dell'ordine/polizia”.

La petizione, presentata dall'avvocato Prashant Bhushan per conto di Shourie e dell'ONG Common Cause, affermava che la sedizione era una legge coloniale che veniva utilizzata espressamente per sopprimere il dissenso dei britannici in India.

“La sedizione ha venire pesantemente abusato di cause intentate contro cittadini per aver esercitato la loro libertà di parola ed espressione sulla base della definizione letterale che è disponibile per le autorità di contrasto sui libri di legge,” ha detto.

La petizione affermava che l'interpretazione data alla Sezione 124-A del codice penale indiano, dalla Corte Suprema in ‘Kedar Nath Singh vs State of Bihar’ la questione nel 1962 “non è stata compresa o apprezzata dalla polizia che continua a registrare casi contro i cittadini che esercitano il loro diritto alla libertà di parola e di espressione”.

Spiegato |La sentenza sulla sedizione di Kedar Nath

“Quando i tribunali intervengono per applicare l'interpretazione di Kedar Nath ai fatti dei casi, i cittadini sono già stati privati ​​della loro libertà,” si legge nella petizione.

Aggiunge che dopo che l'India è diventata una democrazia, questa legge è stata contestata come violazione del diritto fondamentale alla libertà di parola e di espressione garantito dall'articolo 19(1)(a) della Costituzione del India nella questione Kedar Nath Singh contro lo Stato del Bihar nel 1962.

Anche se la disposizione è stata confermata dalla Corte suprema nel 1962, la posizione della legge è quindi cambiata e la questione richiede un riesame, ha affermato.

“In tali circostanze, si sostiene che questa corte deve rivisitare la sentenza Kedar Nath Singh v State of Bihar e cancellare la sezione 124 A del codice penale indiano, in quanto viola gli articoli 14 (uguaglianza davanti alla legge), 19 (1) (a) (libertà di parola e espressione) e 21 (protezione della vita e della libertà personale) della Costituzione indiana,” diceva la petizione.

Ha cercato una direzione “dichiarare incostituzionale la sezione 124-A del codice penale indiano”.

“In alternativa, ordinare che vengano intraprese azioni rigorose come per legge contro i dipendenti pubblici interessati e denunciante/informatore nei casi in cui l'imputato viene assolto in un caso di sedizione e stabilisce le linee guida per lo stesso,” ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.