Materiale sequestrato a Bokaro non uranio e non radioattivo: MEA

0
58

Il portavoce della polizia del Jharkhand, Amol Homkar, ha dichiarato: “Si attendono ulteriori dettagli”.

Giorni dopo che la polizia di Bokaro nel Jharkhand ha arrestato sette persone per “possesso e intenzione di vendere uranio minerale”, il ministero degli Affari esteri ha affermato che “il materiale sequestrato non era uranio e non era radioattivo”. La dichiarazione del MEA è stata una risposta alle osservazioni del ministero degli Esteri pakistano per un'indagine sul “sequestro di materiale nucleare” dopo che Bokaro ha riferito di “materiale di uranio”.

L'indiano Express segnalato la scorsa settimanache la polizia di Bokaro aveva sequestrato 6,4 kg di “minerale di uranio” a due degli accusati e arrestato in totale sette persone. Gli imputati sono stati incriminati ai sensi degli artt. 414 IPC (chiunque assiste volontariamente nell'occultare, disporre o sottrarre beni che conosce o ha motivo di ritenere rubati), 120B (associazione a delinquere), 34 (comune intenzione) e sotto vari sezioni dell'Atomic Energy Act.

Tuttavia, sul sequestro di “presunto minerale di uranio”, il portavoce della MEA ha dichiarato: “Il Dipartimento dell'energia atomica, governo dell'India, dopo la dovuta valutazione e analisi di laboratorio di il campione di materiale ha dichiarato che il materiale sequestrato la scorsa settimana non è uranio e non è radioattivo.”

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Quando è stato chiesto come la polizia ha arrestato sette persone e ha anche rilasciato un comunicato stampa in cui affermava il sequestro di uranio minerale, il portavoce della polizia di Jharkhand, Amol Homkar, ha dichiarato: “Si attendono ulteriori dettagli”.

Le chiamate fatte al sovrintendente di polizia di Bokaro Chandan Jha non hanno suscitato alcuna risposta.

Tuttavia, dopo gli arresti iniziali, Jha aveva dichiarato: “Sette persone sono state arrestate sulla base della loro dichiarazioni di possesso di uranio minerale”. Jha si era rifiutato di commentare se fosse coinvolta qualche altra agenzia investigativa e inoltre non ha commentato se avessero chiesto l'interrogatorio in custodia dell'imputato arrestato.

L'Indian Express aveva ottenuto gli atti del tribunale, dove la polizia di Bokaro aveva sostenuto che dopo aver ricevuto una “mancia” il 2 giugno cinque persone: Deepak Mahato, Pankaj Kumar, Mahabir Mahato, M Sharma, Krishna Kant si erano “radunati” e stavano 'vendere illegalmente uranio minerale proibito nel mercato nero'.

La polizia è stata informata che “se catturano le cinque persone, il minerale verrà recuperato e l'operazione potrebbe essere rivelata”, affermano i registri. La polizia aveva quindi arrestato altri due imputati e 6,4 kg di 'uranio minerale' dal possesso di uno degli imputati. Il capo della stazione di polizia di Harla, Govind Prasad Gupta, aveva detto a The Indian Express: “Tutti e sette sono stati arrestati la mattina del 3 giugno. Dobbiamo ancora arrestare Munna da cui Anil e Baapi si sono procurati l'uranio.”

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd