Poesia sui corpi nel Gange: Gujarat Sahitya Akademi vede “anarchia”, “Naxals letterari”

0
48

Una barca rema tra le tombe di sabbia poco profonde sulle rive del Gange, alla periferia di Prayagraj. (Reuters/File)

Un editoriale nell'edizione di giugno della pubblicazione ufficiale del Gujarat Sahitya Akademi, Shabdashrushti, ha colpito una poesia del poeta gujarati Parul Khakhar sui corpi di sospette vittime di Covid trovate galleggianti nel Ganga in Uttar Pradesh e Bihar per la diffusione” anarchia”. Ha anche chiamato coloro che ne hanno discusso o fatto circolare “Naxals letterari”.

Il presidente dell'Akademi, Vishnu Pandya, ha confermato di aver scritto l'editoriale. Anche se non menziona nello specifico Shav Vahini Ganga, ha anche confermato che intendeva il poema, che ha ricevuto molte lodi ed è stato tradotto in diverse lingue.

Descrivendo la poesia come “un'inutile angoscia espressa in uno stato di agitazione”, l'editoriale afferma che le parole sono state “abusate da forze che sono anti-centro e ideologie nazionaliste anti-centro”. “La suddetta poesia è stata usata come una spalla da cui prendere fuoco da tali elementi che hanno iniziato una cospirazione, il cui impegno non è per l'India ma per qualcos'altro, che sono di sinistra, i cosiddetti liberali, a cui nessuno presta attenzione. ; Queste persone vogliono diffondere rapidamente il caos in India e creare l'anarchia… Sono attivi su tutti i fronti e allo stesso modo si sono lanciati nella letteratura con intenzioni sporche. Lo scopo di questi Naxal letterari è influenzare una parte di persone che metterebbero in relazione il proprio dolore e la propria felicità con questo (il poema).” Mentre in gujarati, l'editoriale usa il termine “naxali letterari”.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png Leggi anche |Dietro i corpi trovati sulle rive dei fiumi, un'ombra del Covid

L'editoriale prosegue notando che i primi lavori di Khakhar erano stati pubblicati dall'Akademi, e lei “sarebbe benvenuta dai lettori gujarati se avesse scritto dei buoni pezzi in futuro”.

< /p>

Pandya ha detto a The Indian Express: “Non c'è essenza di poesia in esso (Shav Vahini Ganga) e nemmeno è il modo corretto di scrivere la poesia. Questo potrebbe essere semplicemente sfogare la propria rabbia o frustrazione, ed è usato in modo improprio da elementi liberali, anti-Modi, anti-BJP e anti-Sangh (RSS).”

Ha aggiunto di non avere “rantimento personale” nei confronti di Khakhar. “Ma questa non è una poesia e diversi elementi la stanno usando come arma per la frammentazione sociale…”

Khakhar aveva pubblicato la poesia di 14 righe sulla sua pagina Facebook l'11 maggio. Nonostante i ripetuti tentativi mercoledì , non è stato possibile contattarla.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd