In Family Man 2, tre aspetti che ci ricordano i ribelli Tamil

0
20

Tamil Tigers (Express Archive Photo)

La seconda stagione di Family Man di Amazon Prime, pubblicata all'inizio di questo mese, ha toccato un nervo scoperto in Tamil Nadu con il governo statale che chiedeva il web serie da abbattere. Sostengono che lo spettacolo ritrae i separatisti tamil come terroristi, una caratterizzazione che mina la sensibilità culturale di un gruppo già diffamato e perseguitato. I critici hanno sottolineato le somiglianze tra la rappresentazione dello show dei separatisti Tamil e le azioni nella vita reale delle Tigri di Liberazione del Tamil Eelam (LTTE).

Pur non menzionando mai apertamente le LTTE o altri leader separatisti tamil, lo spettacolo fa diversi riferimenti a persone e istituzioni che facevano parte del movimento Tamil Eelam. Due dei personaggi dello show sono apparentemente basati su persone reali: il capo separatista Bhaskaran, modellato su Velupillai Prabhakaran, il fondatore dell'LTTE e il primo ministro immaginario dello Sri Lanka che assomiglia e veste come Mahinda Rajapaksa, il presidente dello Sri Lanka dal 2005 al 2015. I paralleli tra finzione e realtà esistono in modo prominente durante lo spettacolo con tre fattori della vita reale in mostra che potrebbero essere sconosciuti e di particolare interesse per gli spettatori. Questi sono la presenza di un governo tamil in esilio, l'esistenza di un'ala aerea del gruppo separatista e l'uso delle donne per compiere attacchi suicidi.

Governo Tamil in esilio

Il governo transnazionale del Tamil Elam (TGTE) è un governo tamil in esilio formato tra le diaspore tamil dello Sri Lanka. È stato creato dopo la sconfitta delle LTTE nel 2009 e mira a stabilire uno stato Tamil Elam separato nelle province nord e est dello Sri Lanka. Il TGTE è stato definito dal governo dello Sri Lanka uno “stratagemma per perpetuare il terrorismo”, ma il gruppo stesso insiste sul fatto che le sue motivazioni e le sue azioni si basano sui principi di “pace, non violenza, tolleranza, trasparenza e responsabilità”. In quanto governo transnazionale, il TGTE non ha uno stato ospitante e i suoi 135 membri sono eletti democraticamente tra la diaspora dello Sri Lanka in America, Nuova Zelanda, Canada, Norvegia, Germania, Italia, Francia e Svizzera. Il suo primo ministro è Viswanathan Rudrakumaran, un ex consulente legale internazionale dell'LTTE con sede a New York. Parlando degli obiettivi del gruppo in una dichiarazione mediatica pubblicata da Presswire all'inizio di quest'anno, Rudrakumaran ha affermato che “una strategia per riunire l'Eelam Tamil Homeland, i Tamil della Diaspora, il popolo del Tamilnadu (sic) e il mondo Tamil dovrebbe essere evoluta e un dovrebbero essere creati un programma comune e un (sic) fronte unito per attuarlo.”

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Lungo queste linee, il TGTE si è impegnato in una serie di attività per ritenere il governo dello Sri Lanka responsabile di presunti crimini di guerra durante il conflitto Tamil Eelam e ha spinto per la creazione di uno Stato Tamil indipendente ricavato dalle regioni a maggioranza tamil dello Sri Lanka. Il TGTE ha incoraggiato le persone a utilizzare i forum giudiziari disponibili nei paesi in cui vivono per citare in giudizio lo stato dello Sri Lanka per danni e ha chiesto un rinvio dello Sri Lanka alla Corte penale internazionale. Ha anche chiesto senza successo ai tribunali britannici di rimuovere l'LTTE dalla sua lista nazionale di organizzazioni terroristiche e, ancora senza successo, ha chiesto ai politici canadesi di dichiarare che le azioni dello Sri Lanka contro i Tamil nel 2009 costituivano un atto di genocidio.

Il TGTE era considerato una minaccia per lo stato dello Sri Lanka, proprio come la sua controparte, il governo tibetano in esilio, lo è per la Cina. Tuttavia, quest'ultimo beneficia di numerosi vantaggi strutturali che lo rendono notevolmente più efficace del primo. Il governo tibetano in esilio ha un leader universalmente popolare nel Dalai Lama, una base operativa stabile a Dharamsala e riceve sostegno da paesi come gli Stati Uniti e l'India. Il TGTE, invece, è più fratturato e non è stato riconosciuto da nessuna singola nazione come organismo di rappresentanza dei Tamil dello Sri Lanka. Inoltre, mentre la diaspora Tamil è stata una fonte vitale di raccolta fondi per il LTTE tra il 1976 e il 2009, le azioni del gruppo verso la fine della guerra Tamil Eelam hanno alienato molti sostenitori e da allora, non esiste un meccanismo di raccolta fondi altrettanto efficace all'interno della comunità per il TGTE .

Ad aggravare il problema, un rapporto pubblicato dall'International Crisis Group nel 2010 afferma che “la maggior parte dei tamil all'estero rimane profondamente impegnata nel Tamil Eelam” mentre “la maggior parte nel paese è esausta da decenni di guerra”. Ciò ha di conseguenza “allargato il divario tra la diaspora e i tamil in Sri Lanka” con gli ex politici tamil che hanno licenziato sull'isola per essere “traditori” o troppo “spaventati per difendere i diritti del loro popolo”. Anche all'interno del TGTE ci sono molte fazioni in competizione, con diverse ideologie e approcci all'indipendenza Tamil. Ad esempio, i rappresentanti canadesi al TGTE hanno indicato la volontà di accettare un accordo federale in cui il Tamil Eelam rimarrà parte dello Sri Lanka ma opererà come una regione autonoma.

Queste crepe all'interno del TGTE sono rappresentate in Family Man, con il governo ufficiale in esilio che chiede il riconoscimento dalle nazioni europee, mentre una fazione separatista trama per assassinare il fittizio Primo Ministro indiano.

Gli Air Tigers

Per la maggior parte, in Family Man, i separatisti Tamil sono ritratti come una formidabile forza militare. Ciò rispecchia la capacità militare del LTTE che era, e rimane fino ad oggi, l'unica organizzazione terroristica a possedere un'aeronautica funzionante. Chiamato Air Tigers, l'aeronautica LTTE faceva parte dell'ala militare del gruppo che includeva anche una forza di terra e navale tra le altre divisioni. L'esistenza degli Air Tigers era stata oggetto di speculazioni per molti anni, ma è stata ufficialmente rivelata solo dopo aver lanciato un attacco contro una base aerea dello Sri Lanka nel 2007. Durante l'attacco, tre membri del governo sono stati uccisi e 16 feriti, ma più di il danno inflitto, l'attacco ha influito in modo significativo sulla percezione pubblica.

Mentre gli Air Tigers rappresentavano una minaccia ragionevole, dopo la sconfitta del LTTE nel 2009, è stato rivelato che l'unità era per lo più fumogena. La loro flotta era composta da alcuni sgangherati aerei a elica monomotore che erano più efficaci nella guerra psicologica che nel combattimento reale. Gli aerei erano stati spediti in parti in Sri Lanka nel corso di molti mesi, per lo più nascosti all'interno degli aiuti esteri inviati ai territori detenuti dalle LTTE dopo lo tsunami dell'Oceano Indiano del 2005.

Pur non avendo mai causato danni significativi, le Air Tigers sono riuscite nella loro missione di tenere il governo dello Sri Lanka sulle spine. In un attacco di particolare rilievo nel 2009, gli Air Tigers hanno tentato di lanciare una missione suicida contro le basi militari di Colombo utilizzando due velivoli leggeri armati. Entrambi gli aerei sono stati infine abbattuti e solo due persone sono rimaste uccise nell'incidente.

Un soldato controlla l'aereo abbattuto dai militari nei pressi dell'aeroporto internazionale di Colombo. (Reuters)

Ma a seguito dell'attacco, il governo dello Sri Lanka è stato costretto a tagliare l'alimentazione elettrica alla loro capitale Colombo. Il governo dello Sri Lanka, tuttavia, ha sottovalutato l'attacco, dipingendolo come un disperato tentativo da parte delle LTTE di recuperare terreno in una guerra che stavano per perdere.

Combattenti

Un altro aspetto dello spettacolo che tocca il conflitto reale è la sua rappresentazione delle donne nel movimento separatista. Raji, interpretata da Samantha Ruth Prabhu, è una donna che è stata brutalizzata dall'esercito dello Sri Lanka e successivamente si offre come attentatore suicida per la causa separatista.

Le donne in realtà hanno svolto un ruolo significativo all'interno delle LTTE, costituendo a un certo punto un terzo dei membri del gruppo. Il LTTE aveva anche una divisione specifica chiamata “Fronte della donna” che consisteva interamente di donne. Uno degli obiettivi del Women's Front era quello di abolire il sistema della dote ed eliminare ogni discriminazione, un principio del movimento che attraeva le donne tamil e il loro desiderio di una società più equa.

La propaganda delle LTTE che prendeva di mira le donne con slogan come “donne accendi le fiamme della liberazione” è stata anche mostrata in modo prominente nei territori controllati dal Tamil Eelam. Le donne sono state ulteriormente spinte verso le LTTE a causa dei loro abusi da parte dei militari dello Sri Lanka, un tema che è stato rappresentato nello spettacolo attraverso le esperienze di Raji.

LTTE kamikaze in attesa dell'arrivo dell'ex premier Rajiv Gandhi. Main ha accusato Nalini e Shivrasan all'angolo destro. (Foto Archivio espresso)

La prima donna martire del LTTE fu Sahayaseeli Pedhuruppillai, comunemente nota come Malathi. Dopo la sua morte in combattimento, l'LTTE ha commemorato l'evento riferendosi al giorno come “Giorno del risveglio delle donne” e usandola come simbolo per l'emancipazione femminile all'interno dell'LTTE. Un'altra donna di spicco all'interno del movimento è stata Thenmozhi Rajaratnam, che nel 1991 uccise infame Rajiv Gandhi in un attacco suicida. L'uso di donne e bambini negli attacchi suicidi divenne una parte fondamentale della strategia delle LTTE e che il governo dello Sri Lanka non aveva mai previsto. Tra il 1980 e il 2000, i Back Tigers, un'ala delle operazioni speciali delle LTTE, hanno compiuto 168 attentati suicidi, più di qualsiasi altra organizzazione al mondo. Nonostante queste condizioni in evoluzione per le donne durante il conflitto, dopo la fine della guerra, molte sono tornate ai tradizionali ruoli domestici di avere figli e prendersi cura della casa.

📣 The Indian Express ora è su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sulla ricerca, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.