Protesta in Libano: Esplosione a Beirut e le sue conseguenze

0
58

Proteste, dimissioni, nuove elezioni: L’enorme Esplosione a Beirut ha ucciso non solo le persone, i feriti e i senzatetto. Lei si tuffa in Libano più in profondità la crisi politica. Una Panoramica.

Guarda il Video
01:27

Migliaia di manifestanti a proteste di massa in Beirut

Esplosioni: Cosa è successo?

Nella capitale Libanese di Beirut ha ucciso martedì (04.08.2020) una grande Esplosione, più di 150 persone e più di 6000 feriti. Molti edifici sono stati distrutti, circa un decimo della popolazione di 2,3 milioni di abitanti, la città è diventata un senzatetto. Il governo Libanese è stato, secondo le prime stime dei danni, nell’ordine di tre-cinque miliardi di dollari. Altre stime vanno da dieci a 15 miliardi di dollari.

L’esatta causa dell’esplosione non è ancora chiaro. Anche quando il Presidente ritiene che un attacco sia possibile, un incidente è più probabile. Si è considerato certi che circa 2750 tonnellate di altamente esplosivi al nitrato di ammonio sono fatte esplodere, che è stato memorizzato in porto.

Il tessuto è utilizzato sia per la produzione di fertilizzante così come esplosivi. Il nitrato di ammonio deve essere conservato per circa sei anni senza particolari misure di sicurezza nel porto. Libano: il Ministro degli esteri Scharbil Wihbi, ha detto giovedi: “studi Preliminari indicano che una gestione non corretta di esplosivi prodotti dietro di esso. Molto grave negligenza che è andata avanti per sei anni”. Il governo dovrebbe conoscere il pericolo e, pertanto, almeno indirettamente, per le esplosioni di essere responsabile. Come conseguenza, formata in Libano, le violente proteste.

Proteste: Tranquillo?

Da venerdì, migliaia di persone a Beirut per manifestare contro il governo. “Vendetta, vendetta, per il rovesciamento del regime”, hanno gridato. Alcuni manifestanti hanno sventolato con passanti, nel centro della capitale è stato costruito in legno del patibolo. Chiamate in Social media sono contrassegnati con l’Hashtag #HangThem (#HängtSie).

Durante le proteste di sabato, arrabbiato manifestanti lanciato pietre e cercato di barriere a sfondare. La polizia ha usato gas lacrimogeni contro di loro. Temporaneamente, i manifestanti hanno portato l’energia e il Ministero del commercio sotto il loro controllo, nonché con il Ministero degli Affari esteri voluto fare il “quartier generale della Rivoluzione”. Essi, inoltre, hanno preso d’assalto la sede del Libanese Associazione bancaria e ha iniziato a sparare.

Più tardi, l’esercito è stato in grado di evacuare l’edificio. Negli scontri tra i manifestanti e la polizia, secondo la croce Rossa Libanese, più di 230 persone sono state ferite. Un ufficiale di polizia viene ucciso.

Posizione generale: Più di esplosioni?

Le violente esplosioni sono solo le ultime di trigger per le proteste contro il governo. Il libano è già da anni una grave crisi economica. Un terzo della popolazione è disoccupata. In aggiunta, l’offerta di 1,5 milioni di rifugiati Siriani pesa sull’economia di Sei milioni di abitanti del paese.

La popolazione ha costruito nel corso di molti anni di frustrazione e di rabbia contro il governo. Già nel mese di ottobre 2019 proteste diffuse rapidamente in tutto il paese – anche se erano su base decentrata e da persone di diversi strati, di religioni e denominazioni organizzato. Il comune domanda: Il governo deve andare.

Guarda il Video 01:55 Condividere

La rabbia in Libano è in crescita

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/3gfh6

Dopo l’Esplosione a Beirut, La rabbia cresce

I manifestanti accusano i membri del governo, a prescindere dal credo politico o religioso spettro, per arricchire se stesso e nulla da fare per il paese e la popolazione. Il governo è considerato come corrotti e incompetenti. La popolazione del paese sul mar Mediterraneo, con confini con la Siria e Israele vogliono migliorare le condizioni di vita e richiede un po di tempo per nuove elezioni.

“Facciamo un appello a tutta la tormentata popolo Libanese per andare in strada e la persecuzione dei Corrotti rivendicare,” gridò l’ex ufficiale Sami Rammah oltre un Megafono dalla procedura di occupati Ministero degli Affari esteri. La Protesta era rivolta non contro persone specifiche, ma contro “un Sistema che ha distrutto il paese. Nel esplosioni, i manifestanti vedere l’incapacità del governo di confermato che ho fatto nonostante la conoscenza della sostanza pericolosa per anni, niente.

Governo: Nuove Elezioni?

La sera dopo le proteste di sabato, il capo del governo di Hassan Diab, aveva dichiarato in una trasmesso indirizzo, solo da nuove elezioni, la crisi può essere superata. Egli proporrà al suo Gabinetto di lunedì per le elezioni anticipate. Questo annuncio non riusciva a placare il popolo, tuttavia. Essi chiedono che l’intera Élite politica assegna.

Il Ministro dell’informazione Manal Abdel Samad rassegnato le dimissioni da primo membro del governo dopo l’Esplosione

Cinque membri del Parlamento hanno preso i rapporti del governo con il disastro per l’occasione, a dimettersi dai loro posti. Domenica, il Ministro dell’informazione Manal Abdel Samad ha presentato come primo membro del governo, dal momento che le esplosioni la vostra rassegnazione. Un motivo che ha chiamato le esplosioni e le loro conseguenze: “chiedo ai Libanesi che mi perdoni. Non siamo all’altezza delle loro aspettative”, ha detto in una domenica televisiva istruzione.

Domenica sera, il Ministro per l’ambiente, le dimissioni del Gabinetto. “Data l’enorme disastro, ho deciso di rassegnare le dimissioni dal governo a presentare,” ha detto Demianos Kattar in una dichiarazione. Il governo ha fallito su un certo numero di opzioni per la Riforma.

Il giorno prima le esplosioni era già stata presentata al Ministro degli esteri, Nassif Hitti per le sue dimissioni. Come una ragione per cui egli non aveva dato il, a suo parere, la debole performance dei il governo può portare il paese fuori dalla sua grave crisi economica e politica. Successore Wihbi, ex consigliere diplomatico del Libano del Presidente Michel Aoun è Scharbil.

La devastante Esplosione è il risultato di corruzione nel Libano?

Aiuto: quando e da chi?

Domenica pomeriggio, una conferenza internazionale dei donatori, ha discusso di assistenza per il Libano. La video conferenza con i rappresentanti di circa 30 paesi e le organizzazioni che era stato avviato dalle Nazioni Unite e in Francia.

Poco prima della conferenza, la Germania il Ministro degli esteri, Heiko Maas, aveva già annunciato un pacchetto di assistenza di emergenza per un importo di dieci milioni di euro. “La gente di Beirut hanno bisogno del nostro aiuto e hanno bisogno di speranza”, ha detto alla Bild am Sonntag. La croce Rossa tedesca aveva già inviato il sabato un aereo con 43 tonnellate di sollievo, beni per un valore di 1,5 milioni di Euro a Beirut. Aveva, tra le altre cose, di Kit di Primo soccorso, Coperte, utensili, utensili da cucina e l’igiene dei pacchetti.

La francia ha creato un ponte aereo per portare entrambi collaboratori, nonché dei beni di soccorso nel paese. Inoltre, dispone di due navi, tra cui una nave da guerra, in direzione del Libano inviato, il trasporto, tra le altre cose, il cibo. L’UE aveva già previsto poco dopo le esplosioni di 33 milioni di euro in aiuti per il Libano. Domenica, l’UE si è impegnata ulteriori 30 milioni di euro.