La bomba atomica su Hiroshima nel Graphic novel

0
74

6. Agosto 1945 fatto esplodere la bomba atomica su Hiroshima. Due Romanzi Grafici si dedicano in modo impressionante in questa catastrofe umana.

“Io sono il Creatore di Nulla.”
“Io sono colui che è nell’Impero del sol levante il sole andare giù!”

Le bolle di discorso in bianco e nero di Sfondo. Disegni di una città in rovina. Persone dello stesso Zombie. I loro volti: i personaggi dell’orrore.

In oltre 470 pagine della Graphic Novel racconta “La bomba”, la storia del più grande arma di distruzione di massa dell’umanità, “l’arma finale” della Seconda guerra mondiale. La Mattina del 6. Agosto 1945 alle 8:15 ora locale, facendo esplodere la bomba sulla città di Hiroshima. Una forza esplosiva equivalente di 15.000 tonnellate di TNT.200.000 persone muoiono a Hiroshima durante i primi cinque anni dopo il disastro. Oltre il 90 per cento delle case bruciano, tutto è in macerie e cenere.

La distruzione: estratto dal libro “La bomba”

Ma una Graphic Novel è il Mezzo giusto per affrontare una tale sostanza? Di Didier Alcante, autore del libro, è convinto che “La bomba”. Per lui, una Graphic Novel è il Mezzo perfetto per raccontare una storia come quella della bomba atomica sganciata su Hiroshima. “Da un lato, è possibile utilizzare il Testo per la comunicazione di complesso di contenuto scientifico. Si può leggere nel suo ritmo e capire la complessità. E d’altra parte, i disegni sono a trasmettervi le sensazioni.” Così, circa 20 pagine di un libro senza Testo e, quando si tratta, per illustrare la forza dell’Esplosione. Mentre la spiegazione scientifica della bomba atomica, molti fumetti sono necessari.

Meticolosa Ricerca

Il libro è anche, di conseguenza, il capolavoro, perché è basato su una Ricerca approfondita: Le scene, le operazioni militari, il popolo storico – scientifici sui dirigenti politici – sono basate sui fatti. Gli eventi sono ricostruiti nei minimi dettagli e ossessionato. La complessa tecnologia di una bomba nucleare è minimalista, ma spiegato in modo comprensibile. Quattro anni, gli autori Didier Alcante e Laurent-Frédéric Bollée con il fumettista Denis Rodier hanno lavorato insieme. Ma in realtà, la ricerca è iniziata ancora prima.

“Nel corso dell’anno è venuto nel 1978 – avevo otto anni – un Ragazzo Giapponese nella mia classe. Abbiamo vissuto in Belgio e lui era francese, non una parola. L’ho aiutato a scuola, siamo diventati molto amici a questo giorno”, ricorda Alcante. Più tardi, questo amico sarà uno dei protagonisti del libro che la sua faccia. Nel 1981, ha visitato Didier Alcante suo amico Giapponese di Hiroshima. C’è una cosa in sua memoria è impressa, che non si lascia andare di nuovo da lui: “Abbiamo visitato il Museo di Hiroshima. Un sacco di foto di cadaveri, la distruzione e il Caos sono emessi. Quello che mi ha colpito di più, è stata un’ombra di una Persona che è stato fissato per una scala, letteralmente.” Questo ‘ombra’ i Resti di un uomo, che viveva a circa 250 metri dall’epicentro e l’Esplosione fu ucciso. Ciò che era rimasto di lui, non sono altro che segni sul muro. Questo muratura è stato portato al Museo, dove si può visitare fino oggi. “Per me è stato molto formativo per vedere un’ombra, e sapere che c’è qualcuno, e ora era il momento … nessuno, un’ombra, un Fantasma. Io non riuscivo a cogliere come un adolescente, come un paese così bello può essere distrutto. In seguito, ho iniziato la ricerca, la lettura, e ho imparato molto circa il Sistema militare in Giappone”, dice Didier Alcante.

Autore Didier Alcante e il suo amico Giapponese Kazuo Hiroshima (2018)

Dimenticati un volto

La Graphic Novel ritrae uno scienziato che ha lavorato al progetto Manhattan era la produzione della bomba a bersaglio. Uno di loro Leó Szilárd, è stato coinvolto nella costruzione della bomba, ma dopo il loro uso è sconsigliato deciso: “più che ho letto su di lui, il più ammirazione che avevo per lui. Egli sarebbe stato in grado di vincere in qualche prestigiosa Università di insegnare, o il premio Nobel, ma si sentiva a disagio per i militari degli stati UNITI, perché era contro l’uso della bomba. Mi dispiace di avere la vita più dettagliatamente descritto nel libro. Potrei scrivere 2000 pagine, ma gli artisti non sarebbero stati d’accordo”, ride Alcante.

Sfida più grande: il Giappone si riferiscono, e costituiscono

Nel libro Alcante provato anche la peculiarità della cultura Giapponese per tenere su. “C’è un posto dove il padre Giapponese, abbracciando il suo figlio, che viene dall’operazione militare contro la Cina per la casa. Ma quando il mio amico Giapponese vide il disegno, fece un gesto con la mano e ha detto qualcosa di Giapponese. Padre e figlio si salutano rispettosamente, ma non abbracciare in una Situazione come quella.” In modo che il lettore impara non solo i fatti, ma impara molto anche sul Kimono e rituali.

Altri paesi, altre usanze: La scena con e senza un abbraccio: Il disegno a destra ha fatto il libro.

Testimone oculare di report: a piedi Nudi da Hiroshima

La prima Graphic Novel sulla bomba atomica è stato creato nel 1970, anni – un capolavoro autobiografico di Keiji Nakazawa, che descrive la vita dei Giapponesi prima e dopo la bomba atomica. Keiji Nakazawa, che è cresciuto a Hiroshima: le Sue storie iniziano con i primi anni di guerra la caduta della bomba sulla sua città. Egli descrive scene di miseria e di Fame, come fratelli in lotta per una patata o locuste raccogliere, perché non c’è niente altro da mangiare. Di più: Keiji Nakazawa raffigura l’esclusione e la beffa è esposto per la famiglia a causa di suo padre contro la guerra. “Il mio corpo si può infliggere ferite, ma la mia anima mai”, dice il padre nel libro quando arriva a casa con i lividi da un interrogatorio di polizia a casa.

Keiji Nakazawas ricordi del tempo sono ritratti in questo libro autobiografico è molto impressionante. È solo 1.4 chilometri dall’epicentro, quando la bomba sul 6. Agosto 1945 esplodere. Nei suoi disegni, il libro con un sole nascente e la scritta inizia: “Hiroshima ha iniziato la sua giornata come tutte le altre, nonostante che presto l’inferno sulla città che sarebbe accaduto.”

Come per miracolo è sopravvissuto a lungo con il suo grande madre incinta che partorisce un paio d’ore dopo l’Esplosione, il bambino, la madre è ritratto nel libro. Dopo la nascita, ha conseguito il suo Neonato in mano, e dice: “Se sei grande, non si può mai permettere che accada di nuovo!”

Keiji Nakazawa stesso è morto nel 2012 di leucemia. Le conseguenze del disastro nucleare, ha perso i suoi genitori, sua sorella e suo fratello minore. “Ho dato il mio personaggio principale, il nome di ‘Gene’, nella speranza che possa essere una radice e la fonte di alimentazione per una nuova Generazione di uomini – una Generazione che saranno introdotti nella terra bruciata di Hiroshima a piedi nudi, la terra può essere sentito sotto i piedi nudi e ha il potere di dire “no” alle armi nucleari. Cerco di vivere con il gene di resistenza – questo è il mio Ideale, e ho intenzione di portare il mio lavoro continua,” ha scritto Keiji Nakazawa, 1987.

Entrambi i libri sono pubblicati in Carlsen Verlag, e sono stati tradotti in diverse lingue:

Keiji Nakazawa: a piedi Nudi da Hiroshima. Figli della guerra (volumi da 1 a 4), 12,40 – 14,40 Euro

Alcante, Laurent-Frédérich Bollée, Denis Rodier: La bomba, 42 Euro, è apparso 30.06.2020