Ciclista professionista Jakobsens condizioni gravi ma stabili

0
61

L’olandese ciclista professionista Fabio Jakobsen è in coma artificiale. Egli era al giro di Polonia nella finale sprint ad alta velocità, senza il pesante incidente e ora è in chirurgia.

Al giro di Polonia, per i ciclisti è difficile estromesso olandese Fabio Jakobsen è una “grave ma stabile” condizione. Il Direttore di gara Czeslaw informato a Lungo dopo una visita all’ospedale. Jakobsen era stato spinto nello sprint finale della prima tappa in Katowice dal suo rivale e connazionale di Dylan Groenewegen, poco prima di attraversare la linea del traguardo della grid farfalla. Sia venuto spettacolare per caso. Mentre Groenewegen era solo leggermente feriti, di cui ha indossato Jakobsen gravi danni, soprattutto nella zona della testa. Senza la consapevolezza di 23 anni, è stato trasportato in ospedale.

“Dopo che abbiamo visto la caduta, abbiamo temuto il peggio”, ha detto Lang, che ha mostrato, ma dopo un colloquio con il Direttore dell’Ospedale un po ‘ più facile. Secondo i dati Jakobsens Team Deceuninck-Quick Step sono stati segnalati nei primi studi non lesioni al cervello o alla colonna vertebrale.

Grande Perdita Di Sangue

Tuttavia, il driver è stato in coma indotto. Secondo un portavoce dell’ospedale Jakobsen di ortopedia e di chirurgia maxillo-facciale chirurgico. Il Rennärztin Barbara Jerschina avevamo precedentemente segnalato in polacco TV su un’elevata perdita di sangue e la difficoltà di intubazione a causa del palato osseo essere rotto. Prima di tutto, è stato detto che lui è in pericolo la vita.

Jakobsen ha avuto con Groenewegen, insieme in testa di vincere la tappa e combattuta, come Groenewegen spostato ancora più a destra e Jakobsen ha avuto più spazio. Entrambi devono avere prima la caduta di circa 80 km/h. Groenewegen è stato successivamente squalificato dai commissari, Jakobsen il vincitore di una tappa nominato.

La critica di Groenewegen e organizzatori

“Questo è stato un atto criminale di Groenewegen. Egli appartiene in carcere, vorrei andare in tribunale”, ha twittato Jakobsens il team manager Patrick Lefevere. Ma c’era anche la critica degli organizzatori della gara: il ciclista tedesco Simon Geschke, che è anche il tour, ha scritto: “Ogni anno la stessa stupida Discesa Sprint al giro di Polonia. Ogni anno mi chiedo perché gli organizzatori di pensare che questo sarebbe una buona idea. Volata in argentina sono abbastanza pericolose, non hai bisogno di una Discesa finale con 80 km/h!” Esattamente un anno prima della visita del Belga Bjorg Lambrecht in Polonia è stato il Polonia-tour contro un pilastro in cemento armato ha colpito la sua testa ed è morto in ospedale.

a/sn (dpa,sid)