100 Anni Del Festival Di Salisburgo – 100 Anni Di “Tutti”

0
30

Senza lo spettacolo di “Tutti” sarebbe il festival di Salisburgo, sarebbe impensabile. Perché affascina al di là di tutte le frontiere, ancora oggi, per molti motivi.

Ognuno vive nel lusso più sfrenato: Tobias Moretti con Caroline Peters

“Tutti” è lo spettacolo della “morte di un uomo ricco,” che si è aperto sin dal 1920, il festival di Salisburgo. Un segreto del suo successo è rivelato direttamente: Ognuno si distingue per l’archetipo di una persona che sta prendendo in considerazione un cambiamento di fronte alla morte, la sua vita dissoluta e rimpianto. Una figura, come ci sono in molte culture del mondo, nel corso dei secoli, sempre in modo diverso detto.

La morte può colpire chiunque; questa conoscenza fu solo dopo la Prima guerra mondiale è ancora molto presente. A questo si aggiunge una pandemia, come oggi. L’influenza spagnola al costo di tempo di molte persone, la loro vita.

Il “Everyman”prestazioni di fronte alla Cattedrale, nel 1920, i padri della Chiesa erano agitate

“È stato riferito che l’Arcivescovo e il Capitolo era venuto la prima performance di “tutti” lacrime”, dice lo storico Robert Kriechbaumer in un’intervista con la Deutsche Welle. “Erano emotivamente molto mossi. Avevano preso l’umore della popolazione. Questo è il segreto.”

When, la morte e la vita si verifica”

Un totale di 715 spettacoli di “Jedermann” di Hugo von Hofmannsthal ha portato in 100 anni di storia del festival di Salisburgo. Alla Premiere su 22. Agosto 1920, è stato convinto dal Regista Max Reinhardt, il popolo della sua produzione. La premiere della commedia nel 1911, Berlino pubblico non era così entusiasta. Sono state esposte le produzioni a Salisburgo, per motivi finanziari, dal 1922 al 1926 e il 1937 e il 1945, perché l’opera dei Nazisti è stato vietato.

Michael Sturminger riguarda la questione della vita e della morte, oggi,

Soprattutto oggi, in tempi di Corona, ha Michael Sturminger, che ha assunto, nel 2017, il Direttore, per lui la questione Centrale di gioco: “Cosa succede alle persone, se la morte si verifica nella vita?” La gente avrebbe scacciare la morte dalla vita, dice Sturminger per il DW: “pensiamo che il destino non può fare nulla per noi, perché la nostra medicina è così avanzata.” Tuttavia, si deve godere di ogni giorno, sapendo che qualcosa di Inaspettato può accadere. “Questa discrepanza, trovo, una buona parte del fascino di questo pezzo.”

Edificazione spirituale da misteri giochi

Il “Jedermann” di Hugo von Hofmannsthal risale al moralismo di inglese mistero “Everyman” dal 15. Secolo. Il contenuto è brevemente detto:

La storia di “Tutti” dopo 100 anni è ancora aggiornato

Perché gli uomini si sono allontanati da Dio, egli vuole fare un’esempio, e i ricchi e i non credenti, Chiunque davanti alla corte divina preventivo. Chiunque sperperato la sua ricchezza, i poveri supplicant, ha deriso. Come la morte ti viene a prendere lui, egli implora Dio di misericordia, e si pentì della sua vita dissoluta. Egli muore, ma per la grazia di Dio, la sua anima va in cielo.

Il regista Max Reinhardt è stato il momento in cui il gioco affascinato dai Misteri medievali, i doni del popolo, oltre al divertimento, ma anche una certa quantità di educazione morale sulla strada. Le cifre in “Tutti” sono allegorie. C’è la morte personificata, le buone opere, la Mammona, il denaro, il diavolo, o la Fede. “Questo simbolismo, indipendentemente dalla cultura, intesa immediatamente, perché i personaggi sono archetipi”, dice Robert Kriechbaumer.

Favorito Perenne “Everyman”

Chiunque (al centro) nel 1936, con la messa in scena da Max Reinhardt. Una fase di immagine, è stato

Max Reinhardt in scena il suo “uomo qualunque” e il 1936, sempre la stessa. Dopo la Seconda guerra mondiale, la sua vedova, Helene, ha assunto Thimig, il Regista nei suoi sensi. Il nazismo non era nascosto, un contemporaneo di analisi del presente, ci sono stati nel Salzburger “Jedermann”di produzione. Fino a metà degli anni 2000, il Regis tenuto il tuo vicino di Reinhardt specifiche.

Michael sturminger, il pezzo nel 2017, si è ripetuto con un contemporaneo allestimento presente. Ha rifiutato la storicizzazione costumi e ha approfittato della fase moderna tecnologia. Egli ha anche permesso di rimuovere il testo e la conversione. Tutti incarna un moderno uomo d’affari, l’attore Tobias Moretti è su misura per il corpo.

Tobias Moretti come Chiunque Michael testardo mingers rinascita del 2017

“Tobias Moretti è convinto che con la potenza della sua mente, quando dice, in una comunità dove sta.” Sturminger sta lavorando sulle sue produzioni, sempre con la Forza dei suoi attori. Dopo tutto, Ognuno deve fare i conti con circa l ‘ 80 per cento del testo. Molto meno, però, la donna al suo fianco, il cosiddetto amante. Tuttavia, il loro ruolo per il pubblico è importante.

È venuto prima, la femminilità del giovane Amante, così sturminger, oggi, si concentra sulla qualità di una donna emancipata. “Facciamo l’amante di un soggetto e non un oggetto.” L’attrice tedesca Caroline Peters come il suo amante in questo anno, il tuo senso dell’Umorismo per il gioco. “Lei è anche divertente sull’icona della femminilità tradizionale, lei gioca con esso, un’autorizzazione di ferro, si può essere grandi”, dice il Direttore di Sturminger.

I campioni 2020: Tobias Moretti con Caroline Peters al Festival. La morte è già in pista

Nessuna Corona in “Tutti”

Corona non vuole affrontare il problema di Michael sturminger di produzione. Ha deciso solo ora il cuore leggero e comico lato di “Tutti”pezzo di evidenziare. Non da ultimo, il pubblico per due ore si può dimenticare la difficile Situazione attuale.

Nonostante tutto il Morale del pezzo sono anche adorabilmente scene divertenti, egli dice, per esempio, quando il diavolo, come Dio, Ciascuno può perdonare la cui vita cambia e indignato sostenuto che ogni anima appartiene al bene di lui.

A causa della Corona-lock down, molti artisti non potrebbe funzionare per settimane. “La cultura è, per me, il compito è quello di mostrare alla gente che sono soli con i loro problemi,” dice Sturminger. È importante mettere in comune esperienze culturali si poteva condividere. “Dobbiamo, insieme, condividere il destino del popolo e l’arte, e può permettersi questo “Everyman” di fronte ad un pubblico.”

Il grande “Everyman”giornata dell’

Per otto anni, Peter Simonischek giocato a Chiunque

Nell’anno dell’anniversario di “Everyman” non è l’unico emendamento che si occupa della caducità della vita umana. La premiere mondiale di “Everywoman” di Milo Rau e Ursina Lardi affronta l’Argomento con una donna nel ruolo principale. Il classico motivo del “Everyman” anche servito come modello.

22. Agosto, l’anniversario della fondazione del festival, sarà celebrata la “Qualcuno” in particolare. Essere previsto in precedenza, gli uomini come Klaus Maria Brandauer e Peter Simonischek. Tobias Moretti ha già annunciato che si esibirà per Tutti quest’anno, per l’ultima Volta a Salisburgo. Pertanto, la messa in scena di Michael sturminger, sarà l’anno prossimo sicuramente diverso.