MEP Reintke: Abbiamo bisogno di Convenzione che ora più che mai

0
34

Nel DW-Intervista con il DEPUTATO verde Terry Reintke ha anche criticato il polacco recesso dalla Convenzione di Istanbul sulla violenza domestica di messa a fuoco. Un attacco della nazionale polacca-conservatore per i più Vulnerabili?

Le donne manifestano contro il ritiro da parte del governo polacco, dalla Convenzione di Istanbul (24.07.2020)

Deutsche Welle: Il polacco, il Ministro della giustizia Zbigniew Ziobro, ha detto che la Convenzione di Istanbul contro la violenza domestica era ideologicamente carico e vorresti sostenere i diritti di Gay, lesbiche e Transgender e vuole diffondere. Le scuole sarebbero costretti a Transessuali e orientamento sessuale per l’insegnamento. Si può capire questa critica alla Convention?

Terry Reintke: Assolutamente no. Al contrario, questa critica è totalmente ideologizzata. La Convenzione di Istanbul per la lotta contro la violenza di genere, soprattutto la violenza contro le donne e i bambini. Tutto ciò che ora è contro la Convenzione di Istanbul, il solo contro la tutela di persone che hanno bisogno di protezione più urgenti.

Può spiegare perché la Polonia aveva ratifziert contratto, esattamente cinque anni fa, vuole solo ora dalla Convenzione di fuori?

L’elezione presidenziale è finita. Si desidera ora promessa destro in area nazionalista Cristiano fondamentalista cerchi di prevalere. Questa uscita dalla Convenzione di Istanbul è un ulteriore passo da parte del governo polacco, da molto stretta nazionale-immagine conservatrice della società di attuare un attacco ai diritti delle donne e diritti delle persone lesbiche, Gay, bisex e transgender (LGBT) ulteriormente.

MEP Terry Reintke: donne in Polonia hanno bisogno della protezione prevista dalla Convenzione di Istanbul

L’Unione Europea chiede di entrare a far parte di un’Organizzazione, il Consiglio d’Europa, Convenzione per la ratifica. Questo è ora e l’UE può imporre loro di adottare il paese membro, Polonia? Come è la situazione giuridica?

Abbiamo dato al Parlamento Europeo un parere legale per la corte Europea di giustizia, che è previsto per l’autunno. La domanda è: in che Misura partecipare alla Commissione Europea per l’UE, la presente Convenzione? Ci sono parti della Convenzione, la caduta già chiaro nell’UE-competenza. Dal momento che siamo in grado di rendere il. In altre Parti è ancora discutibile. Spero che la sentenza dice che è in gran parte possibile aderire alla Convenzione, perché è proprio la protezione delle persone contro la violenza domestica, sexualised violenza, è garantito. E abbiamo bisogno di portare l’Unione Europea.

La polonia non si comportano come un singolo membro dell’unione europea, critica della Convenzione di Istanbul. Alcuni Stati non hanno ancora ratificato. La polonia ha ratificato e tira indietro ora. Che cosa dire di Ungheria, la Repubblica ceca, la Bulgaria, la Lettonia, la Lituania e la Slovacchia, che non hanno ancora ratificato?

Si può vedere che in Slovacchia, Bulgaria, Ungheria e in Polonia, la schiena tira ora, sempre re-ingrassare le campagne contro la Convenzione. Non è un caso. Sono veramente movimenti organizzati, in parte con soldi dalla Russia, ma anche in parte con fondi dagli Stati Uniti, da radicale Evangelici supportati. Le campagne, il campione sulla Base di completamente grezzo argomenti, in modo che i documenti come la Convenzione di Istanbul per attaccare. Che si desidera trasformare in lunghi passi, le libertà e i diritti delle donne e delle persone LGBT indietro. Che è perché è così pericoloso e, pertanto, deve rispondere all’Unione Europea è molto chiara.

Guarda il Video 05:17 Condividere

Polonia: l’omofobia spread

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/3eJMK

Polonia: l’omofobia spread

Il Parlamento Europeo ha chiamato per un’ampia maggioranza di Stati membri dell’UE a ratificare la Convenzione. Che pressione hai come membro del Parlamento Europeo, gli Stati membri su questo?

È, naturalmente, che tutti gli stati join Stati. Ma vogliamo andare con l’appena citato parere legale per ulteriori passi. Penso che abbiamo bisogno di andare avanti con un livello di UE la Direttiva contro la violenza di genere. È vero che la UE non sarebbe giusto prendere provvedimenti contro la violenza sessuale negli Stati membri. Poi ci sarebbe molto di più vasta portata di mano. Spero, quindi, che le proposte della Commissione europea e veniamo in questa legislatura, c’è ancora in corso.

Il Ministro della giustizia polacco si sostiene anche che non c’era bisogno, la Convenzione di Istanbul, dal momento che la protezione delle donne in Polonia è stato comunque garantito dalla legge. Allora ha sbagliato?

Qualsiasi persona che crede che dovrebbe andare in Polonia e parlare con le persone che lavorano nei canili, che funziona veramente in luoghi in cui le vittime di violenza domestica per arrivare. Il dire che abbiamo bisogno di questa Convenzione, in particolare sotto questo governo, più che mai, perché le risorse vengono eliminati, perché la pressione viene esercitata su di noi. Tuttavia, dobbiamo anche vedere come questo può essere fatto. In Russia, la legislazione è stata limitata di recente, contro la violenza domestica. Solo la seconda o terza Volta, se la vittima in ospedale è maturo per essere battuti, per essere interferito con. È molto pericoloso dibattito che è a led. Proprio per questo motivo, l’UE deve prendere una posizione contro tali movimenti.

Terry Reintke (33) è a partire dal 2014 membro del Parlamento Europeo, con un focus sugli Interni, giustizia e politica delle donne. Il tedesco scienziato politico appartiene al partito “bündnis 90/die Grünen”.

Chiedi Bernd Riegert a Bruxelles.