John Lewis: Un Eroe nella lotta contro il razzismo

0
27

La fine degli stati UNITI il membro del Congresso John Lewis ha combattuto per tutta la sua vita per un paese senza razzismo. Egli è una delle figure chiave del movimento AMERICANO per i diritti civili. Con la sua non-violenta battaglia era la sua arma più forte.

Guarda il Video
00:50

Addio a John Lewis

John Lewis è presentato con tutti gli onori il lunedì e il martedì in Campidoglio a Washington D. C.. in Precedenza, la gente, tra le altre cose, nella sua città natale di Troy negli stati UNITI sono stati in grado di prendere lo stato dell’Alabama, ancora una volta, dire addio.

Era un nero attivista per i diritti civili, un Democratico, un membro del Parlamento che ha rappresentato per 33 anni negli stati UNITI camera dei rappresentanti per la sua circoscrizione, nello stato AMERICANO dell’. Già da tempo era noto che Lewis era affetto da cancro. 17. Luglio, morì all’età di 80 anni, le conseguenze della malattia.

Al momento, Emmett Till, oggi, George Floyd?

La corrente anti-razzismo movimento negli USA, conduce una battaglia, quella di Lewis, nel 1960, con personaggi come Martin Luther King stesso ha portato. “John ha sempre impostato la sua vita in prima linea, nella speranza di cambiare il nostro paese”, afferma Charles “Chuck” Neblett, che è stato anche attivo nella lotta contro il razzismo – e lo è ancora oggi. I due si incontrarono nel movimento per i diritti civili sapere.

Vittima di omicidio di Emmett Till, con sua madre Mamie Bradley (1950): “gli uomini bianchi linciato”

“Ciò che mi ha motivato e molti altri, al momento, la lotta contro la discriminazione razziale, John Lewis e Martin Luther King a partecipare, è stato l’assassinio di 14 anni, Afro-Americano Emmett Till. Egli è stato linciato da uomini bianchi, battuto per un solo la morte,” ha ricordato Neblett. I responsabili sono stati rilasciati nel 1955, dopo solo cinque giorni di trattative. La Giuria era formata di dieci uomini bianchi. Tra il 1880 e il 1968, 3446 i neri Americani sono stati linciati. Le indagini, nonché sanzioni contro i responsabili.

Allora, che cosa è stata la morte di Emmett Till scatenato, è stata un’intensificazione della lotta contro la segregazione razziale negli Stati Uniti. È scatenato il movimento per i diritti civili. Chuck Neblett vede oggi in George Floyd, una figura simile: “non è cambiato così tanto nel mio paese. Nero la gente continua ad essere ucciso per nessun motivo. Floyd morte è, oggi, le persone sono indignati e sconcertati per come al momento della morte di Till – che è il motivo per cui, oggi, si va di nuovo in strada.”dice, e aggiunge: “Ma è importante mantenere John Lewis’ parole in testa: Egli ci ha insegnato la Protesta non-violenta azione di indirizzo. Questa è la sua eredità più importante.”

“Non essere costruttivi, distruttivi,”

Neblett, nel 1961, è entrato studenti Federale Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC) nella sua Università, Sud Illionis Università. Al momento della rigida segregazione razziale, regnò al Sud, anche in luoghi pubblici, nei trasporti pubblici e nei Ristoranti.

Pittura murale a Houston, in Texas: George Floyd come Simbolo

“E’ stata una terribile, semplicemente disumano”, dice Neblett. “Se sei tornato in un Ristorante, si può aspettare di tutto. Potrebbe essere che la gente entra e basta battere l’inferno fuori di voi in prigione – abbiamo dovuto prendere, ma la violenza su di noi. Una delle prime persone che, nonostante i violenti Attacchi sul proprio corpo, convinto della non-violenza ha mostrato, è stato John Lewis.”

Lewis scenario è cambiato nel corso dei decenni, nulla. Alla fine di maggio Lewis scrisse nel mezzo delle proteste in occasione dell’omicidio di George Floyd uno dei suoi ultimi Tweet: “io conosco il tuo dolore, la tua rabbia, la tua disperazione.” Sommosse, saccheggi e incendi, non è il modo. “Ha dimostrato. Si alza in piedi. Va a scegliere. Ma essere costruttivo, non distruttivo.”

“Domenica Di Sangue”

Nel 1965, quando la famosa marcia di circa 600 Afro-Americani, guidati da John Lewis sul Edmund-Pettus bridge a Selma, in Alabama, si è tenuto, era Neblett anche. “Come siamo rimasti in questo giorno, nel mezzo del ponte, e ho tutti questi di sicurezza visto le forze,” ha ricordato Neblett, “perché sapevo che sarebbe stato un sacco di Problemi, ma che abbiamo avuto a Marzo ancora di più. Alcuni sono andati in ginocchio e pregò, ho tenuto gli occhi aperti. Poi tutto è andato molto rapidamente.”

Attivista per i diritti civili, Lewis (nel mese di ottobre 2019 in Washington, D. C.): le vittime di violenza “domenica di sangue”

Registrazioni che tempo mostrare come la polizia e le truppe hanno cominciato a battere i manifestanti pacifici con i loro bastoni. “È stato improvvisamente un pasticcio sanguinoso. Si può solo ascoltare ovunque la gente che urla. E ‘stato un massacro”, dice Neblett, che cavata con lievi ferite.

John Lewis ha sofferto, tuttavia, a Marzo, il peggiore lesioni. Era giorni dopo nel reparto di terapia intensiva. Le immagini di poliziotti colpire lui e altri Disarmati, ha scatenato una politica dinamica in USA, non la fine della politica opzioni per gli Afro-Americani è possibile solo sulla carta. La giornata è stata conosciuta come la “domenica di sangue”, come la “domenica di sangue” nella storia.

La canzone della libertà

Oggi, Chuck Neblett su di esso seguito con preoccupazione le proteste delle ultime settimane, Portland, e la reazione del Presidente degli stati UNITI, Donald Trump ha inviato le forze di sicurezza. “Trump sta inviando sempre più poliziotti Federali negli Stati in cui si è protestato. Credo che questo sta per essere davvero male. Ancora peggio che nel 1965. Da allora, abbiamo combattuto contro i razzisti, che non aveva il supporto diretto della casa Bianca. Oggi è diverso.”

Compagno Neblett (nel caso di una manifestazione a Washington, 2018): “John Lewis è il mio Eroe”

Neblett di cui all’come persone ottimiste, come creatori. Egli ha anche ammirato in John Lewis così. “Egli non solo predicato, ha agito, troppo. Lui è il mio Eroe in lotta”. In questi giorni, c’è una canzone che lui ha sempre pensare al “Canto libero”:

“Quando ero giovane, ho combattuto per la libertà.

Quando ero giovane, ho combattuto contro il Klan. (Il Ku Klux Klan, Anm. d. Red.)

Chi avrebbe mai pensato che sto ancora combattendo,

Quaranta o Cinquanta anni dopo”.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “Essere fiduciosi e crea Problemi”

    La proiezione di una foto di John Lewis, il Confederato statua in Richmond. Il 17. Luglio, all’età di 80 anni, deceduto membri della camera dei rappresentanti, come icona della resistenza non-violenta. Lui era lì, nel 1963, durante la “marcia su Washington” e giocato al termine della USA la segregazione razziale, un ruolo chiave. Il suo Motto: “abbiate fiducia e il potere del positivo Fastidio.”


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “Senza diritto di voto, non c’è speranza”

    Amelia Boynton Robinson è una delle personalità più importanti della US movimento per i diritti civili. Ha combattuto per il diritto di voto degli Afro-Americani. Organizzati cortei di protesta, da Selma a Montgomery, in Alabama, dove John Lewis coinvolti, è stato il 7. Nel Marzo del 1965, e picchiato dalla polizia brutalmente. Le immagini della “domenica di sangue” il giro del mondo.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “L’uomo giusto, nel posto giusto”

    Thurgood Marshall (ecco una foto dal 1957) è stato il primo Afro-Americano giudice della corte Suprema degli Stati Uniti. Il 1908 Baltimore-nato avvocato combattuto con successo contro l’educazione separata in Bianco e Nero. Dopo la sua nomina a giudice supremo nel 1967, l’allora Presidente degli stati UNITI Lyndon B. Johnson ha dichiarato che Marshall era “l’uomo giusto, nel posto giusto”.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “Voglio restare qui”

    Hai scritto la storia: 1. Dicembre 1955, si è rifiutato di Rosa Parks, di lasciare il tuo posto in un Autobus pubblico a Montgomery per un uomo Bianco. Il loro arresto a led a 385 giorni di Boicottaggio degli Autobus, che è stato coordinato da Martin Luther King. Con Successo: 13. Nel novembre del 1956 la corte Suprema ha dichiarato la segregazione razziale sugli autobus di Montgomery incostituzionale.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “Ho visto la Terra promessa”

    Martin Luther King, il giorno del suo assassinio il 4. Aprile 1968, sul balcone del Lorraine Motel a Memphis. Un giorno prima, il Re era il discorso “sono stato sulla cima della montagna e hanno tenuto visto la Terra promessa”, che è stata interpretata a posteriori, come una profezia della sua morte. Accanto a lui, (v. l. n. r.), l’attivista per i diritti civili Osea Williams, un predicatore Jesse Jackson e Battista Ralph Albertnathy.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    Ambasciatore Carter e Re

    Andrew Jackson Giovani c’era quando Martin Luther King è stato girato a Memphis. Egli è stato negli stati UNITI movimento per i diritti civili, come Parroco e Direttore della “Southern Christian Leadership Conference”, sarà attiva. Nel 1976, nominato dal Presidente Jimmy Carter lui l’Ambasciatore USA alle Nazioni Unite. Nel 1981 i seguaci del Mahatma Gandhi, è stato eletto il sindaco di Atlanta.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “Scrutinio o proiettile”

    Malcolm X è stato un avversario potente di Martin Luther King e respinto resistenza non-violenta. Il regista Spike Lee ha girato la splendida carriera del leader dei diritti civili, che ha brillantemente interpretato da Denzel Washington (a destra). Dalla parola del leader della Nazione dell’Islam cambiato Malcolm X per i suoi critici più severi. 21. Nel febbraio 1965, venne assassinato a New York in occasione di un intervento.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    “Crediamo nella Costituzione”

    Lei è stata la prima donna Afro-Americana che ha tenuto un discorso sulla “Convenzione Nazionale” dei Democratici: Barbara Giordano. L’insegnante di liceo, un politico e avvocato si è verificato nel 1976, oltre all’astronauta John Glenn, ed è stato considerato come il punto di vista di Vice-candidato presidenziale dei ricchi. Nel 1974, ha dichiarato alla camera dei deputati: “la Mia Fede nella Costituzione è onnicomprensivo”.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    Voce per i diritti civili

    13 Grammy e 40 milioni di dischi venduti: 1917, in una New York sobborgo cantante jazz Ella Fitzgerald non è stato solo un fenomeno musicale. Lei era in giro per il fatto che tutti i musicisti sono trattati allo stesso modo. 15. Nel Marzo del 1955, è apparsa come il primo nero musicista in “Mocambo Night Club” a Los Angeles – Marilyn Monroe portava all’Impegno.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    Abbiamo forte per le donne nere

    Dal 1960, l’autore di Alice Walker è impegnata nel movimento per i diritti civili. Con solo 17 anni di età, ha preso parte nel 1963, la “marcia su Washington”, dove Martin Luther King tenne il suo famoso discorso “I have a dream”. Ruolo centrale nei tuoi romanzi, la forza delle donne di colore. Per il suo libro “Il colore Viola” ricevuto Walker nel 1983 come il primo Afro-Americano a vincere il premio Pulitzer.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    Parola enorme e ribelle

    Qui, presso il memoriale di servizio per George Floyd, egli è stato l’oratore principale: Al Sharpton. Il Battista era stato candidato più volte il partito democratico presidenziali e le elezioni del Senato. Nel novembre 2006, ha guidato una marcia di protesta per il 23-year-old Afro-Americano Sean Bell, è stato ucciso dalla polizia. Eloquente contro il razzismo negli USA, tuttavia, è controversa.


  • #Nero materia viva: Dove sono i sogni?

    Re di Speranza

    Il Presidente uscente Barack e la First Lady Michel Obama nel gennaio 2017, durante una visita a Washington e rifugio per Senzatetto. Con gli ultimi colpi di pennello per la finitura pittura un muro, il Martin Luther King show. Gli Obama sono stati il primo Presidente nero, pochi alla casa Bianca. Ma la morte dell’Africano-Americano George Floyd in mostra negli Stati Uniti nel 2020 è ancora un Problema di razzismo.

    Autore: Astrid Prange De Oliveira