Loveparade 2010: le domande di senso di colpa e di responsabilità

0
44

Perché? 21 persone muoiono sul 24.07.2010 la Loveparade di Duisburg, 652 feriti. Il processo – set. Regista di documentari genitori, testimoni, avvocati e imputati di ottenere una parola in.

Memoriale per la love parade morti di Duisburg, in Germania. In prossimità di queste scale, è venuto a una Stretta mortale

Cristiano (25) dalla Germania, Clara (22) dalla Spagna e Giulia (21) dall’Italia sono tre le oltre 200.000 persone, il 24. Luglio 2010, presso la Techno Party Loveparade di Duisburg vuole celebrare. Cristiana, Clara, Giulia – per un totale di 13 donne e otto uomini, Australia, Cina, Germania, Italia, paesi Bassi e Spagna, morire dal mortale traffico dei visitatori sulla strada per il festival, il primo recintato in una love parade. I sopravvissuti sono Scarpa stampe su T-Shirt e in faccia. 652 persone sono feriti, molti sono traumatizzati.

Di chi è la colpa, chi si assume la responsabilità di questa catastrofe in Germania, dove tutta la fiducia che si sono sicuri? A questa domanda i tormenti, i Superstiti e sopravvissuti dall’inizio. L’allora Ministro Presidente dello stato Federale del Nord Reno-Westfalia (NRW), Hannelore Kraft, ha detto che nel 2010, durante il funerale, la volontà, tutto chiarito del tutto.

Guarda il Video 01:48 Condividere

Commosso addio del servizio funebre per le 21 vittime della love parade

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/OZMM

Commosso addio del servizio funebre per le 21 vittime della love parade

L’istruzione nel processo?

Ma non c’è nessuna Commissione d’inchiesta. Il processo per la love parade, inizia solo nel dicembre 2017, contro i dieci imputati, la città di Duisburg e l’organizzatore Lopavent. Nel maggio del 2020, è terminato senza un verdetto definitivo. La corte si riferisce a molte delle cause dell’incidente e una piuttosto bassa colpevolezza dell’imputato. Si è chiarito tutto, come la potenza promesso? “Io non sono di destra”, ha detto la SPD-politico, quasi dieci anni dopo la love parade in NRW Parlamento. Nel processo, ma che hanno contribuito all’illuminismo.

Il giudice Plein impostare il processo a maggio senza giudizio, alla fine di luglio, il termine di prescrizione si sarebbe verificato

Il regista Dominik Wessely scrittore Antje Boehmert perseguire questo processo, uno dei più grandi in tedesco procedimento penale con più di 60 oltre agli attori – per motivi di spazio in una sala espositiva trasferì a Düsseldorf, dal primo all’ultimo giorno del processo.

Per il loro documentario, “la love parade. Le procedure per” unire i genitori dei morti e dei Sopravvissuti. Si chiedono i giudici, i procuratori e gli esperti, che l’imputato, difensori e un funzionario di polizia. Così, circa 184 giorni di Negoziazione vista da molti punti di vista sulla catastrofe e l’indagine giudiziaria nello stato tedesco di legge.

Straziante anni per i genitori e il convenuto

“Panico di massa alla Loveparade di Duisburg”, “ufficio del Procuratore determinato, perché di omicidio colposo, visto che” i Tunnel del tedesco-spagnolo co-inizia la produzione. Breve Video di una folla di persone, paramedici, la scena dell’incidente – mostra una foto della devastazione. Cristiana, Clara, Giulia, e gli altri sono stati schiacciati e inceppata persone soffocato nel sacco tra le pareti della Galleria, una scala.

In pericolo di vita folla vicino alle scale, ci sono stati molti Tentativi di portare la gente alla sicurezza

“Non si tratta di vendetta”, dice Gabriele Müller, Cristiano madre, il primo Giorno del processo che si vuole di illuminazione, vuole trovare la pace. Francisco Zapater e Nuria Caminal, i genitori di Clara, di mettere la foto di tua figlia. Essi provengono da città spagnola di Tarragona al processo.

Il padre di Clara ha riferito ai giornalisti a Düsseldorf come ottenere il 2010, la notizia della tua morte, la tua figlia sarà necessario per identificare l’utente nella bara torna a casa: “Che è stato molto difficile”. Pochi mesi dopo, Zapater, anch’egli avvocato, dice, di un lungo processo, era stato “un vero calvario, non solo per le vittime, ma anche per gli imputati”.

Müller (Mi.) lost in love parade figlio Cristiano (25), Zapater e Caminal sua figlia Clara (22)

Clara genitori avrebbe visto come molti altri, come Adolf Sauerland, 2010, il sindaco di Duisburg, Lopavent-capo Rainer Schaller sul dock. Entrambi volevano la love parade, e prati, dopo l’incidente di responsabilità. Come testimoni non sottolineare che erano con la pianificazione vera e propria coinvolti.

Nel Film, Edith Jakubassa descrive una visita alla regione del Sauerland, non molto tempo dopo la morte della loro figlia, Marina (21). Egli Non era, come “miseria” tra le braccia: “a me, a lui cosa è successo.”

Le immagini del disastro: accusato grida

“Buongiorno, si prega di prendere un posto a sedere”, con il saluto del presidente Mario Plein tutte le registrazioni nel processo di sala deve finire, così come è regolata in Germania. I registi lasciate che i passaggi chiave sulla base di un legale Protocollo di ripetere, in aggiunta, l’osservatore riporta. Così un intenso cronaca del processo di esplorare le cause della love parade di emergenza, al fine di chiarire la colpevolezza dell’imputato si pone.

Gabriele Müller, il cui figlio Cristiano morto in sbandata, dice il DW prima del processo, in tribunale, cassetta di sicurezza Video sono stati dimostrato di emergenza, per gli imputati “forse sarebbe bene che se lo vedi sul grande schermo”. Nel gennaio del 2018, le grida acute della love parade-i visitatori in pericolo di vita a causa del grande padiglione fieristico: “aiuto, non posso!” Facce di gente disperata contrazioni sul grande schermo. Dopo di che, è completamente silenzioso, solo l’aria condizionata a canticchiare.

Ingo Bott (re.), I difensori di Jürgen Dressler, ha sostenuto che il suo cliente non era sul dock

“Sei nelle vicinanze di morti giovani,” il processo si era resa conto di un improvviso, afferma Jürgen Dressler, i documentaristi. Nel 2010 dirige il Baudezernat della città di Duisburg, che ha concesso l’autorizzazione per la love parade sul sito del vecchio merci della stazione. Egli e di cinque suoi dipendenti a sedere fino all’inizio del 2019 al molo. Nel processo che aveva percepito l’incidente davvero, dice Dressler: “Come mi sono seduto e ho pianto.” Era stata la foto “che non dovevano essere”.

“Come infinitamente mi dispiace” – come un essere umano, come un ufficiale di polizia

Il giorno della love parade, la polizia flussi un ruolo importante nel controllo della visita. Quando è pieno, forme catene di tre forze di Polizia. Poliziotto Torsten Meyer ha testimoniato come testimone. Egli descrive come la radio, di collegamenti telefonici e non riescono, ancora e ancora, come si coordina con l’organizzatore dell’evento, quanto sia difficile è quello di rilevare i flussi di Persone sul sito e indietro e di controllo. Egli vede il Vicino al piano di sopra, sembra “pericoloso, ma non irreversibile”, dice nel Film.

La polizia e l’organizzatore Lopavent non era possibile, la pericolosa congestione delle persone in maniera tempestiva per risolvere

Come un collega di report “qui Morti giacciono”, che voleva dire: “Si deve essere sbagliato.” Più tardi, la sensazione che aveva visto morire le persone, ma lo seguono: “non riuscivo a capire.” La sua dichiarazione nel processo è importante per lui, perché voleva dire alle Vittime e ai sopravvissuti “come infinitamente mi dispiace”, come un essere umano – “io, padre di famiglia” e come un ufficiale di polizia, vuole, “questo è tutto, sono sicuro”.

Il Film si addice al suo racconto con le dichiarazioni dell’esperto di Jürgen Gerlach: le simulazioni mostrano che sarebbe stato senza polizia catene di pericolo di vita nel traffico. Il cordone fuori area con la guida attenta non era adatto per la love parade, dice Gerlach, ma la sfortuna potrebbe avere il giorno dell’evento ancora essere evitato.

Il Procuratore Capo: “Irresponsabilità Organizzata”

L’impostazione della Loveparade-il processo, la corte ha spiegato che in 44 pagine decisione. Giudice Mario Plein dice, il “grande cattivo” non è stato trovato. Senior Procuratore Uwe Mühlhoff spiega che è sempre una questione di singole responsabilità penali.

Per verificare senior Procuratore Uwe Mühlhoff: solo la penale individuale legale del debito

Un esempio: Wolfgang Rabe, il capo della cancelleria e coordinatore della love parade, non è stato incriminato. Come testimone, egli ammette che ha messo pressione. Mühlhoff ha commentato: “Dal mio punto di vista, Signor Corvo, che certamente ha una responsabilità morale per l’incidente, ma penalmente non la vedo fino ad oggi”. Il personale dell’edificio autorità aveva documentato la preoccupazione, ma l’approvazione dell’organizzatore è concesso.

Nel complesso, Mühlhoff parlerà alla love parade di Duisburg, in Germania, di “irresponsabilità organizzata”, molti sono stati coinvolti: “alla fine è rimasto ancora chiaro chi è responsabile di che cosa. Questo ha portato al disastro.”

Il regista Dominik Wessely: risposte facili – la documentazione, inoltre, mostra come lo stato di diritto funziona

Il Film è il processo in cui si mostra come sia complessa la questione della responsabilità è e come il tedesco funziona la legge. “Non ci sono risposte facili,” dice il Regista Dominik Wessely della DW, per molti, la fine della procedura, deve rimanere “emotivamente gratificante”.

NRW Parlamento di stato: Nuove regole, chiedendo perdono

Poco prima delle 10. L’anniversario della Loveparade argomento in NRW Parlamento. Cross-membri del partito a decidere: Il rilievo del Fondo per le vittime saranno aumentati a cinque milioni di euro. Una Commissione di rivedere le regole per i grandi eventi e per analizzare il modo in cui tali eventi complessi di meglio in futuro possono essere trattati. Co-attore-rappresentante Giulio cavalieri della DW dice: “Noi vediamo in queste decisioni è anche una necessaria reazione alla deludente conclusione del procedimento penale.”

Come possono i grandi eventi e di più sicuro? Nel Nord Reno-Westfalia, ora le regole dovrebbero essere rivisti

“La mancanza di senso di colpa in senso legale, non significa che non c’è responsabilità”, – ha sottolineato l’Ex Ministro-Presidente Hannelore Kraft. Lei chiama i nomi di tutte le 21 vittime e citato Nadia Zanacchi, la madre di Giulia, l’esperienza, dopo la sfortuna di tutti a vicenda la responsabilità di mettere. Invia l’alimentazione dal legislatore statale un Segnale per i superstiti e Sopravvissuti: “chiediamo il tuo perdono.”