I criminali di guerra non sono eroi

0
48

25 anni dopo il genocidio di Srebrenica, l’ex capo dell’ONU Procuratore Serge Brammertz lamentato del fatto che il culto dei criminali di guerra nei Balcani, la mancanza di riconciliazione e parla della Situazione dei parenti.

L’ex capo delle nazioni UNITE Procuratore Serge Brammertz vede alcun segno di riconciliazione

La disgregazione della ex Jugoslavia nel 1990 ha avuto luogo di fronte a un quarto di secolo, il suo brutale punto più basso: Durante l’attacco il Bosniaco-serbo truppe in Bosnia enclave Musulmana di Srebrenica e la successiva uccisione di alcuni di 8.000 uomini e ragazzi – nonostante la presenza di blu olandesi casco soldati. Questo è il più grave dei crimini di guerra in Europa dopo la Seconda guerra mondiale è stato lavorato fino a prima che il Tribunale penale Internazionale per l’ex Jugoslavia, con l’ICTY, legalmente. Una parte fondamentale di Serge Brammertz ha avuto. Il Belga, avvocato, è stato per dieci anni il Procuratore capo del TRIBUNALE Dell’Aja.

Deutsche Welle: Dal massacro di Srebrenica, 25 anni sono passati: si possono Vedere i segni di riconciliazione?

Serge Brammertz:la riconciliazione è un argomento complesso e sensibile. A mio parere, ci sono oggi più di una riconciliazione di un paio di anni fa. Questo è principalmente a causa della crescente venerazione dei criminali di guerra e la negazione dei crimini. Oggi gioca un forte ruolo, ed è molto più tollerato rispetto a cinque anni fa.

E se guardiamo i libri di storia, nei vari paesi della ex Jugoslavia, anche i libri di storia all’interno della Bosnia-Erzegovina: Il raccontare storie diverse sul conflitto. Come si può sperare per la riconciliazione? Una condizione per la riconciliazione è la stessa comprensione della storia – e la stessa comprensione di responsabilità.

Lutto per le vittime del genocidio (file di foto)

Ancora, il Tribunale penale Internazionale per l’ex Jugoslavia, che ha fornito quasi 5000 testimoni e più di 10.000 udito una Ricchezza di prova giorni indossati insieme. Era la più grande prova, dal momento che il processo di Norimberga….

A volte mi sono confrontata con l’accusa, per avere il 161 rinvii a giudizio, e più di 90 convinzioni non solo per la riconciliazione contribuito, ma per avere la riconciliazione reso più difficile, perché in ogni sentenza dell’Aja, il gruppo è soddisfatto e l’altro insoddisfatto. La mia risposta: la giustizia da sola non può mai portare alla riconciliazione. La riconciliazione deve venire dall’Interno della società, dalle vittime gruppi, colpevole gruppi. Per rendere questo possibile, è necessario politici responsabili.

Ma oggi, molti politici a fare l’opposto, è promuovere l’odio e la negazione. Alla fine di giugno, solo qualcuno a Srebrenica manifesti (il condannato per crimini di guerra e dei Serbi di Bosnia Generale, Red.) Ratko Mladic lui sospeso per la “liberazione di Srebrenica” e lo ha ringraziato. Abbiamo dimostrato in aula Video, in cui Serbo-Bosniaco soldati giustiziati i prigionieri. Tuttavia, la maggior parte del condannato i criminali di guerra della loro comunità è visto come un eroe.

Guarda il Video 05:48 di Share

Bosnia: La ferita aperta

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/14sV0

Bosnia: La ferita aperta

“Queste persone non hanno niente eroe-come”

Cerco sempre di spiegare: Per le persone che sono stati perseguitati a L’Aia per il procedimento penale, non è nulla come eroi. Non sono stati perseguitati perché si alzò in piedi per il proprio popolo. Si sono perseguitati per aver violato la Convenzione di Ginevra, perché hanno eseguito i prigionieri che, perché hanno privato di case distrutte perché hanno tollerato massiccia violenza sessuale, o addirittura promosso.

Chiunque sia stato condannato a L’Aia, è l’esatto contrario di un eroe. Ma, purtroppo, in diverse comunità non è compreso. Gli sviluppi sono andando completamente in una direzione sbagliata.

Se la riconciliazione non è uno dei risultati dell’ICTY: che Cosa è il più grande risultato di quasi 25 anni di legali di elaborazione, dove sono stati per dieci anni il Procuratore generale è, a tuo parere?

In mio possesso dal 2008, i più grandi successi sono sicuramente gli arresti e le condanne di Radovan Karadzic e Ratko Mladic. Quando ho preso nel 2008, l’ufficio aveva previsto di chiudere il Tribunale nel 2010. Molti sono stati in questione, il Tribunale potrebbe concludere, senza questi due principali criminali di guerra davanti al tribunale. Che sarebbe stato un disastro. A causa dei miei Incontri con i Sopravvissuti e con le madri di Srebrenica, sapevo che l’accusa di Karadzic e Mladic è la vostra preoccupazione principale.

A L’Aia all’ergastolo per i Serbi, il Generale Ratko Mladic e leader Serbo Radovan Karadzic condannato:

Ampia documentazione dei crimini

Un secondo risultato è Con queste Migliaia di testimonianze, queste Relazioni, perizie, balistici Rapporti, Relazioni medico-legali, abbiamo una completa documentazione degli eventi nella ex Jugoslavia. Senza queste informazioni, non avrebbe avuto un po ‘ in Mano, per la glorificazione della guerra per affrontare i criminali.

In terzo luogo, siamo a favore di questo Materiale, le giurisdizioni nazionali nel perseguimento dei reati commessi. Da solo, in Bosnia, a Sarajevo, sono ancora 3000 indagini in corso. Sosteniamo queste indagini. Ogni anno, inviamo 10.000 pagine di prove, il pubblico ministero nella ex Jugoslavia, al fine di continuare la loro applicazione di legge per continuare.

Il Tribunale è stato istituito nel 1993, due anni prima che le atrocità di Srebrenica. La paura dell’azione penale non è stata in grado di autori, ovviamente, per scoraggiare?

L’istituzione del Tribunale ha avuto alcun effetto deterrente, come desiderato. Questo è ciò che vediamo, ma anche a livello nazionale nella criminalità organizzata, lo vediamo con il terrorismo: La minaccia di un’azione penale non può prevenire questi crimini.

Una parola per la ricerca: Come nel luglio 1995 il genocidio di Srebrenica è accaduto, aveva preso il Tribunale mentre si guarda il suo lavoro. Ma per motivi di sicurezza, non sono state effettuate indagini in loco. Il primo investigatori del Tribunale erano solo in grado di visitare un anno dopo, le scene del crimine, tombe di massa.

American foto aeree agosto 1995, massa disponibili vedi tombe

Poco dopo il massacro, Segretario di stato AMERICANO Madeleine Albright nel Consiglio di sicurezza già, tv vengono mostrate le immagini dei luoghi in cui la messa tombe si trovavano. Le informazioni, che sono stati i miei colleghi, sono stati, pertanto, a Quasi 8000 uomini e ragazzi erano andati. Nessuno sapeva dove fossero. C’erano otto testimoni che avevano sopravvissuto a questo scatto e per tutta la giornata in una fossa comune aveva speso, da molti altri cadaveri coperti nel mezzo della notte per fuggire, come un testimone potrebbe testimoniare.

L’occultamento dell’horror

Di un anno dopo, la prima indagine è iniziata, sono stati consolidato grazie a questa roba, e grazie per le immagini satellitari delle tombe di massa trovato. Ma è solo a poche centinaia di corpi. Il motivo è che nell’anno In cui nessun ricercatore è stato in grado di on-the-spot di ricerca, sono stati distribuiti Migliaia di corpi di una manciata di grandi tombe di massa su decine di altri tombe per nascondere il crimine. Una delle sfide dell’indagine era quello di portare queste tombe collegate l’una all’altra.

Macabro ricerca di indizi: gli esperti della scientifica in una fossa comune nel indagando su un caso di Srebrenica

Avevano usato di macchine pesanti per il trasporto di organi. Quindi, abbiamo analizzato campioni di suolo, conchiglie analizzati, e effettivamente trovato che i corpi primario di grave, sono stati girati con la stessa pistola, come le tombe nella Secondaria. Davvero macabro parte: Abbiamo più di 1000 analisi del DNA, in cui le parti del corpo che abbiamo trovato nella secondaria di tombe, può con parti del corpo primario di tombe nel composto. Questo significa che Molti dei corpi sono state lacerate. Negli anni, le varie parti del corpo trovato nella stessa persona in diversi luoghi.

Voi non potete nemmeno immaginare cosa significhi per una famiglia solo quando si riceve una chiamata che suo figlio o suo marito è stato trovato, ma più volte. E poi parleremo solo di parti del corpo.

Immagino che deve essere molto sconvolgente. Qual è stato il Momento più emozionante in tutti i tuoi anni come Procuratore capo?

Questa è stata la mia prima visita a Srebrenica nell’anno 2010. Sapevo, naturalmente, tutti i nostri file e mi aveva colpito un paio di volte con le madri di Srebrenica. Ma poi ho passato una giornata di lavoro con i Sopravvissuti, hanno visitato i luoghi di sepoltura, ha visitato alcuni dei luoghi in cui le esecuzioni di massa ha avuto luogo.

Sempre Un Dolore Eterno

Ho passato ore e ore con ciascuno dei Sopravvissuti, dove mi hanno mostrato le immagini dei loro cari, per me, le loro storie raccontate. Così erano passati molti anni, ma il dolore era ancora così presente. Questo è stato il Momento più emozionante della mia carriera.

Per i parenti delle 11. Luglio 1995, non è mai andato al fine di

Il genocidio è di 25 anni; per molti, è storia. Ma non solo per le vittime, per i Sopravvissuti al genocidio chiuso. Da allora, ogni giorno, egli è al centro della vostra vita.

Ancora una volta, la critica del Tribunale: lui è sempre accusato di perseguire unilaterale, soprattutto serbo criminali.

Come tutti gli altri tribunali internazionali, questo Tribunale non è perfetto. E, naturalmente, c’è la revisione degli studi in cui si crede si poteva fare di meglio. Se si sta dicendo ottenere un libero, significa che il tuo caso non era abbastanza forte.

La realtà è che La maggior parte delle persone accusate e condannate, appartengono al serbo gruppo, sono principalmente i Serbi di Bosnia-Erzegovina. Ma anche persone che sono state condannate, tuttavia, significativamente meno croati e i Musulmani di Bosnia.

E facciamo sempre molto, molto chiaro che per essere commessi da tutti i lati in diversi punti nel tempo di conflitto crimini sono stati.

L’Intervista è stata condotta da Matthias von Hein.