Ospite commento: Corona minacciato di donne per la salute e la pianificazione familiare in Africa

0
38

La crescita della popolazione in Africa lo sviluppo del lavoro di fronte a enormi sfide. In pandemia, sono ora trascurati, di tutte le cose, i diritti riproduttivi, e avverte Evelyn Samba per la giornata mondiale della popolazione

Pubblicità per la pianificazione familiare, l’educazione sessuale e la prevenzione dell’HIV in Uganda

Con 320.000 confermato COVID-19-casi nel continente africano non è stata duramente colpita dalla pandemia, come altre regioni del mondo. Molti governi Africani hanno già adottato misure per sostenere le loro economie e per proteggere i cittadini contro la perdita di guadagno.

Tuttavia, le discussioni sull’impatto di COVID sono stati-19 per le altre aree della vita in gran parte trascurato. Per esempio, la pianificazione familiare e la salute delle donne e delle bambine a rischio di violenza di genere. Già passioni ora cattivo impatto sotto Forma di aumento indesiderato in stato di gravidanza, e, in generale, per le madri, i neonati, i bambini e i giovani in Africa.

L’HIV e gravidanze indesiderate

Se i Medici, in particolare le donne medici, possono essere trovati in Africa solo in misura limitata, vi è un aumento del rischio per le donne in gravidanza e le loro famiglie: Più pericoloso nascite, meno l’accesso alla contraccezione e quindi sono a maggior rischio di infezione da malattie sessualmente trasmesse. Tutto ciò ha anche effetti a lungo termine sulle donne, le loro famiglie e la società.

Evelyn Samba, Fondazione Tedesca Per La Popolazione Mondiale

In Zimbabwe, il numero di svolte, l’Imperatore cadde tagli già al 42 per cento, e nel mese di aprile ha avuto luogo in confronto all’anno precedente, solo il 15 per cento delle nascite con un medico qualificato. L’accesso alla contraccezione è declinato in molte aree del 90 per cento. In alcune Parti del Kenya, solo un quarto delle donne in gravidanza potrebbe andare a madri consigli.

La stragrande maggioranza degli Africani sono dipendente nell’area della salute riproduttiva in strutture sanitarie pubbliche. Tuttavia, United Nations population Fund (UNFPA) ha osservato in un rapporto che in tempi di crisi, le esigenze nel settore della salute riproduttiva, con il primo ad essere trascurato.

Il diritto alla pianificazione familiare della pandemia

Tuttavia, anche durante il COVID-19-pandemia, i governi Africani devono offrire esattamente questi servizi continuano. Questo significa che il settore della sanità pubblica deve essere in grado di trattare la gravidanza e il parto complicazioni, infezioni sessualmente trasmissibili, compreso l’HIV, e altri problemi nella sessualità e il desiderio di avere figli e di garantire l’accesso ai contraccettivi sicuri. Le ostetriche devono essere in grado di assistere le donne, le campagne di informazione deve essere continuato – anche se ognuno indossa una maschera per il viso e il preservativo deve essere utilizzato anche in località remote per essere distribuito. E anche durante la pandemia, le donne Africane (e i loro partner) hanno diritto ad una soddisfacente e il sesso sicuro e deve essere in grado di decidere se e quando vogliono avere dei figli.

Se questo non viene eseguito il backup, è nei paesi dell’Africa, con un aumento delle infezioni sessualmente trasmissibili, compreso l’HIV, aumentando le gravidanze non desiderate e quindi aborti non sicuri, così come previsto con un aumento dei decessi tra le madri e i neonati.

Non ci sono soldi per la sanità

Anche prima della pandemia, molti governi Africani hanno dovuto fare i conti con problemi di salute sessuale e riproduttiva. In molti luoghi, non è in grado di Finanziare il settore sanitario in modo adeguato, compresa la salute sessuale e riproduttiva cura. Nonostante alcuni progressi nel corso degli anni, molti paesi Africani le donne e le ragazze non arrivano fino ad oggi, ancora nel godimento dei loro diritti riproduttivi. Sono troppe le donne che non hanno accesso a moderni contraccettivi, per molti adolescenti e giovani sono involontariamente incinta o infettati con HIV. La mortalità materna è ancora troppo alto. I paesi Africani a Sud del Sahara 66 per cento del globale stimato di mortalità materna rappresentato per l’anno 2017.

La vita quotidiana in Africa – esame di stato di Gravidanza le donne della Repubblica Democratica del Congo

Nel corso dei decenni, miglioramenti ottenuti non sono ora sul gioco, se prestiamo attenzione nel mezzo della pandemia in cura per la salute riproduttiva.

Con un pieno impegno dei governi dell’Africa

La speranza è che ci sono gli impegni delle massime autorità politiche per il miglioramento della salute riproduttiva di sé. Nel corso del vertice di Nairobi, 25. Anniversario della conferenza Internazionale su popolazione e sviluppo (ICPD+25) nell’anno 2019, hanno obbligato i governi Africani in maniera completa: si desidera prevedere urgentemente bisogno di informazioni e di servizi per la pianificazione familiare, la mortalità materna è inferiore, così come sessuale e di genere vietare la violenza contro le donne e le pratiche dannose.

Ora, se i governi Africani per riorganizzare il sistema sanitario pubblico per essere contro COVID-19 preparati, devono tenere in considerazione i decisori, allo stesso tempo, è anche essenziale, infine, di risorse sufficienti per soddisfare le necessità di cura per la salute riproduttiva per le donne Africane e dei loro partner.

Evelyn Samba è il Direttore della Fondazione tedesca per la popolazione mondiale (DSW) in Kenya. L’ONG che lavorano in diversi paesi dell’Africa e in Europa, per tematiche della sostenibilità e dei diritti di base di sviluppo della popolazione. Una particolare attenzione è su di consigliare e sostenere l’accesso delle donne e dei giovani all’istruzione e mezzo di pianificazione familiare.