Mozambico: Gas, gli investitori vogliono sfidare il Terrore Islamista

0
50

Gli attacchi in Mozambico Regione di Cabo Delgado e da. Di recente, la morte di otto persone. Gli investitori stranieri non vogliono essere intimidito – si è in attesa per un lucroso business del Gas.

Gli Islamisti attacco, lasciano morte e distruzione nel mese di agosto, 2019 nel villaggio di Aldeia da Paz

“L’attacco è stato brutale. Gli aggressori macellati i nostri dipendenti letteralmente”, ha annunciato la costruzione della società Fenix di Costruzione di domenica in una dichiarazione. Uno dei veicoli di sudafricani bianchi-led impresa di costruzioni era stata attaccata da insorti Islamisti. Il Tutto è, quindi, già il 27. Giugno, a circa quattro chilometri dal Mocímboa da Praia accade, un luogo che è detto di essere stato attaccato il giorno stesso per i gruppi Islamici armati.

Otto uomini sono stati uccisi nell’attacco. Uno della società di costruzioni contratto la società di sicurezza privata è stato in grado di recuperare i loro corpi. Tre dei 14 occupanti del veicolo era fuggito nella boscaglia e sarebbe sopravvissuto. Tre erano ancora mancanti.

La perdita di vite umane è scioccante, dice Inocência Mapisse, esperto per il Mozambico grandi progetti nel settore dell’energia, delle ONG Mozambicana CIP (“il centro per l’integrità pubblica”). Inoltre, tali eventi hanno causato grandi perdite economiche per l’intero paese: “gli attacchi sui lavoratori delle imprese che lavorano per il gas di progetti di Cabo Delgado, avrà indubbiamente un impatto negativo sul business i risultati di questi progetti”. La caduta di utili destinata, a sua volta, diminuzione delle entrate fiscali altamente indebitati Mozambican stato.

Boom del Gas non trova la popolazione

Con i loro investimenti per la produzione di gas naturale liquefatto (GNL), che è quello di essere in nave per l’Asia, esportare, ha attivato la società del gas anche se un Boom economico a Cabo Delgado. Ma va così lontano in una maggioranza della popolazione locale. In caso di tecnicamente molto impegnativa, di esplorazione e produzione di gas, in particolare, gli specialisti sono cercato in gran parte poveri Regione, a malapena.

Cabo Delgado dire un mega business, ha spiegato Mapisse. Lo sfruttamento di circa 5.000 miliardi di metri cubi di Gas che era stato scoperto nel bacino di Rovuma, sulla costa Settentrionale del Mozambico. Che sarà il più grande riserve di gas in Africa e il nono più grande riserve di gas al mondo.

Nel mese di novembre, la sesta Gas vertice si è svolto in Mozambico, in cui l’industria si è incontrato

Le aziende interessate e il governo è previsto nel medio termine, con un profitto di oltre 60 miliardi di dollari, quattro volte il prodotto interno lordo del Mozambico nell’anno 2019. I principali investitori sono la società petrolifera francese Total, la Nord-Americana Anadarko e l’italiana ENI. Altre piccole aziende in Europa, Cina, Brasile, India, Giappone e Australia seguito l’esempio e ha annunciato ulteriori investimenti. L’Esplorazione deve partire dal 2023. Un totale di 25 miliardi di dollari, è quello di essere investito da gas nel bacino di Rovuma.

Ma questi investimenti hanno subito un ritardo a causa 2017 nella Regione impegnata integralismo Islamico. Nel febbraio del 2019, i jihadisti avevano attaccato un cantiere di Anadarkos di gas naturale liquefatto progetto. L’energia azienda è stata in parte al di fuori del progetto.

Decine di migliaia di espulsi, la violenza in Cabo Delgado qui, in un campo profughi in Metuge

Se il governo Mozambicano non vuole mettere a repentaglio l’investimento in Cabo Delgado, allora si dovrebbe avviare con urgenza l’escalation di misure, in modo che l’afflusso di giovani, con i gruppi radicali, dice Inocência Mapisse. Il governo deve assicurare la credibile che le entrate previste dal business del gas, anche per i poveri della popolazione. La Propaganda degli Islamisti, qualcosa deve essere l’opposto.

In Cabo Delgado, Islamista “guerrieri Santi” hanno un gioco facile: per incontrare la popolazione impoverita, uno stato debole e relativamente indifesi esercito. Non è sufficiente fare affidamento solo su una soluzione militare al problema.

Il governo e gli investitori: impegno per la pacificazione

Le Parti si impegnano a nel frattempo, il Problema è giù a giocare. La sfortunata morte di otto dipendenti di Fenix Costruzioni in Cabo Delgado hanno nulla a che fare con il gas nel bacino di Rovuma, ha detto il francese per l’energia Totale della società lunedì, alla richiesta dei portoghesi Agenzia di stampa Lusa. Infine, l’attacco armato aveva preso il posto “a circa 60 chilometri dal cantiere del progetto” lontano, aggiunto l’Olio imprese.

Tre giorni di anticipo, Arnaud Breuillac, il secondo uomo sulla Scheda del francese per l’energia aveva viaggiato gigante, responsabile dell’Esplorazione e della produzione, sorprendentemente per il Mozambico. Dopo un Incontro con il Mozambican Ministro delle risorse minerarie e dell’energia, Max Tonela, ha fatto capire al Gestore che la sua visita “non avevano alcun rapporto con la situazione della sicurezza nella provincia di Cabo Delgado”. Breuillac sottolineato, su richiesta dei giornalisti, che il governo aveva la sicurezza sotto controllo la situazione e il lavoro”, per creare le migliori condizioni per un uso sicuro di attuazione dei progetti a gas”.

Inocência Mapisse è un esperto per il Mozambico grandi progetti nel settore dell’energia

Esperto Inocência Mapisse dice, sia Totale, e il governo ha voluto portare avanti il progetto. Entrambe le parti hanno quindi avuto un interesse per riprodurre il Problema. Qui, si potrebbe parlare di un vero e proprio scenario di guerra nel Nord-Est del Mozambico. Anche se, in qualsiasi momento, ulteriori attacchi possono avvenire, non tutto e non abbandonare il progetto. “Gli investimenti già effettuati sono invitanti le prospettive di profitto”, dice l’esperto Inocência Mapisse.

Crisi umanitaria in Cabo Delgado

Le Incursioni di gruppi armati hanno ucciso negli ultimi due anni e mezzo, almeno 700 persone, e secondo le Nazioni Unite, un minimo di 115.000 a fuggire dalle loro case. “Una crisi umanitaria di primo ordine”, dice il Vescovo Cattolico di Cabo Delgado Luis Fernando Lisboa nel DW-intervista: “Anche nel capoluogo di provincia, Pemba, regna la paura. Non è solo uno dei tanti rifugiati, un senso di incertezza. Cabo Delgado sta attraversando una gravissima crisi umanitaria.”

Dipendenti: Madalena Sampaio