Come Impostare DNS Ordine di Ricerca in Ubuntu 18.04 utilizzando NetPlan

0
38

Prima di Ubuntu 18.04, DNS nameserver tradizionalmente configurato utilizzando il le /etc/resolv.conf file di configurazione. Per un lungo periodo di tempo, questo file ammessi facile e veloce configurazione del DNS nameserver, come può essere visto in un esempio resolv.conf file di seguito.

nameserver 1.1.1.1
nameserver 1.0.0.1

A partire da Ubuntu 18.04, impostazioni di rete, tra cui nameserver, sono ora controllati attraverso il NetPlan interfaccia. Anche prima 18.04, si è consentito apportare modifiche all’originale resolv.conf, ma questo file è stato effettivamente controllato da NetworkManager e i suoi file di configurazione che di solito si trova in /etc/network/interfaces directory.

Quindi, cosa ti ha spinto a questo cambiamento al nuovo NetPlan interfaccia? Semplicità e flessibilità. Utilizzando un formato leggibile file YAML rende la configurazione di complesse configurazioni di rete molto più facile da fare. Inoltre, il debug è più veloce e gli errori sono più facili da monitorare.

Cambiare i Nameserver NetPlan

Con questo cambiamento di interfacce, come possiamo aggiornare i nameserver per Ubuntu 18.04 sistema? Invece di usare /etc/resolv.conf, vai in /etc/netplan, e si può trovare una serie *.file yaml c’. Se non c’è nessuno ancora definito, si dovrebbe creare uno il formato di denominazione, ##-nome.yaml, come 01-netconfig.yaml. NetPlan caricare questi file nella directory seguente ordine di precedenza e poi dal precedente ordine di numero.

  • /run/netplan/*.yaml
  • /etc/netplan/*.yaml
  • /lib/netplan/*.yaml

Trovare Esistente Configurazione IP

Prima di cambiare la NetPlan configurazione di rete, è prudente per imparare che cosa esistente interfaccia di configurazione. NetPlan non monitorare lo stato attivo, invece usiamo il comando ip per visualizzare questo.

utente> ip

L’output dovrebbe essere simile alla figura seguente, ma tenete a mente che ogni interfaccia di rete può essere diverso a seconda del sistema.

All’interno di questa configurazione, l’utente troverà le interfacce attive. In questo caso, siamo alla ricerca per la configurazione di eth0 ai fini di questa esercitazione.

L’aggiornamento della Configurazione

O scegliere un file YAML per modificare o creare un nuovo e aggiungere la seguente configurazione, modificato come necessarie per la configurazione.

Questa configurazione si presuppone che si sta utilizzando un IP statico e eth0 è l’interfaccia principale come appreso dall’ip di sopra di un comando.

rete:
versione: 2
ethernet:
eth0:
indirizzi:
– 10.10.10.2/24
gateway4: 10.10.10.1
nameserver:
indirizzi:
– 1.1.1.1
– 1.0.0.1
– 2606:4700:4700::1111
– 2606:4700:4700::1001
ricerca di: []

Il name server che vengono utilizzati qui sono il pubblico Cloudflare nameserver, ma in qualsiasi che funziona meglio per voi. Sono inclusi IPv6 sistemi di risoluzione come bene.

Se si desidera utilizzare il server DHCP, è possibile sostituire la configurazione IP statico con dhcp4: sì sotto la eth0 sezione.

Inoltre, se si utilizza un server DHCP, è necessario impostare un override per nameservers.

dhcp4-sostituzioni:
utilizzare dns: false

Si potrebbe notare che gli indirizzi sono elencati in una lista al di sotto di indirizzi, ma è anche possibile definire questi indirizzi nella configurazione di un array così.

gli indirizzi: [1.1.1.1, 1.0.0.1, “2606:4700:4700::1111”, “2606:4700:4700::1001”]

Renderer

In alcune configurazioni, è possibile vedere un renderer di configurazione elencati. Ci sono due tipi disponibili: NetworkManager e networkd. Per impostazione predefinita, networkd è utilizzato. La differenza è che NetworkManager è la GUI di gestione utilizzato da Ubuntu, mentre networkd è utilizzato da Systemd. È inutile definire questo, come la configurazione di default dovrebbe funzionare nella maggior parte dei casi.

Prova il NameServer Cambiare

Dopo che il file di configurazione è stato creato, lanciare il seguente comando temporaneamente provare le nuove impostazioni e tornare se c’è un errore di configurazione.

sudo netplan provare

Se c’è un errore, la configurazione tornerà automaticamente dopo 120 secondi. È possibile aprire una seconda shell per provare tutte le configurazioni, mentre questa è l’applicazione. Se le impostazioni non funzionano come previsto, è possibile premere invio per mantenere le impostazioni o ripristinare se non. Questo consente di modificare le configurazioni fino a quando funziona.

Applicare la Modifica

Infine, dopo essersi assicurati che le modifiche sono accurate, le modifiche devono essere applicate. Per farlo, esegui il netplan applica il comando piace così.

sudo netplan applicare

Se l’interfaccia è solo accendere il nameserver, un riavvio è generalmente inutile. Se più grandi vengono apportate modifiche alla configurazione, quindi un riavvio del sistema può essere necessario per le modifiche abbiano effetto.

Portando Interfacce su e Giù

In precedenza, ifconfig è stato utilizzato per portare un’interfaccia su e giù. Come notato in precedenza, però, il comando ip prende il posto di ifconfig. Nell’esempio riportato di seguito, eth0 è portato verso il basso e poi di nuovo su.

ip link set eth0 down
ip link set eth0 up

Se eth0 è la tua unica interfaccia, essere attenti a non portare l’interfaccia verso il basso senza avere un modo per connettersi al sistema da remoto.

Debug NetPlan

Cosa succede quando una configurazione che non va? Ci sono un paio di modi per esplorare il NetPlan configurazione e capire dov’è il guasto si è verificato. Un modo per determinare se la configurazione corretta è stata attivamente applicato è quello di verificare che il file di configurazione generato in /run/systemd/rete. Ad esempio, è possibile individuare la directory e trovare una corrispondenza *.file di configurazione di rete, quindi verificare che la configurazione corrisponde a ciò che ci si aspetta.

Un ulteriore comando che funziona bene per verificare che la configurazione generata è corretto è quello di utilizzare le seguenti:

sudo netplan –debug generare

Tenete a mente che la schermata riportata di seguito possono essere diversi a seconda della configurazione.

Conclusione

NetPlan è un grande cambiamento nell’esistente rete su Ubuntu, ma è progettato per semplificare e creare più configurazioni flessibili. Utilizzando una combinazione di comandi esistenti e la nuova NetPlan uno si può rapidamente creare e applicare complesse configurazioni di rete.

Con l’introduzione di un YAML la configurazione e aggiornamento abilità attraverso il comando ip, è più facile che mai per creare configurazioni complesse per gestire anche i più situazioni uniche.