Bayo Akomolafe: non Abbiamo il clima di crisi ‘sotto controllo’

0
34

DW ha parlato con i filosofi Bayo Akomolafe dalla Nigeria – il clima, Corona, su come l’Occidente pensa circa la natura e perché la ricerca di soluzioni al Problema potrebbe essere.

Come Bayo Akomolafe nel 1980 a Lagos, è cresciuto, ha battuto l’insegnante, gli studenti, se parlavano nella loro lingua Yoruba a vicenda. Egli stesso parlava solo inglese. Africano lingue e culture erano disprezzati. A lungo dopo che il paese è stato liberato dal dominio coloniale, c’era ancora una cultura coloniale.

Ma Akomolafe è tornato alla sua Yoruba patrimonio. Il filosofo e docente di psicologia presso l’Alleanza Università in Nigeria è quello di contribuire alla comprensione del mondo moderno e dei suoi mali. La sua coinvolgente presentazioni per un sempre più vasto pubblico di tutto il mondo.

Egli dice che abbiamo bisogno di pensare al nostro rapporto con la natura, in un ambiente completamente nuovo.

“Ciò che noi chiamiamo oggi lordo come ‘naturale’, nella cultura Yoruba non hanno nemmeno un nome, perché non c’è nessuna differenza tra noi e l’azione è stata fatta intorno a noi”, dice Akomolafe. Nel Ifa Religione Yoruba, ci sono “vivacità” non-umana del mondo, dice il filosofo. “La montagna può essere chiesto il parere, alberi possono avere privilegi.”

Leggi di più: Dovrebbe essere protetto dalla legge naturale?

Il discorso Occidentale è una chiara distinzione tra l’uomo e la natura. Ma il mondo, che è dominato da una cultura e le idee dei sistemi economici e i modelli di sviluppo dell’Occidente, si immerge più in profondità la crisi ecologica. Come altri post-coloniale pensatori Akomolafe indica che questa visione del mondo è sempre più dimostrando inefficace.

Bayo Akomolafe ha trasformato la sua Yoruba patrimonio, di pensare il rapporto tra l’uomo e la natura

Lo Status quo è ribaltato

Egli sostiene che dobbiamo ribaltare lo Status quo, delle persone e, in particolare, il Bianco al centro dell’universo.

“‘Il concetto di ‘natura’ è stata nel tempo dell’illuminismo, questa idea creata che c’è un mondo esterno che è indipendente e al di fuori di noi”, dice Akomolafe. “Il mondo come una fonte di materie prime che siamo in grado di utilizzare e sfruttare e abusare, perché siamo al di fuori di esso.”

Leggi di più: i 250 anni della Humboldt – Perché il ricercatore oggi è più importante che mai

L’illuminismo idea di un osservatore obiettivo, rendendo possibile per la scienza smontare e capire il mondo.

Ma questo atteggiamento distaccato può anche essere visto come di per sé escluso considerato. Akomolafe dice che ciò ha portato a persone con nero o marrone, il colore della pelle come “sub-umani” sono stati trattati e la natura è ancora classificato inferiore a “Persone di Colore” e come “luogo di passività” respinto.

Questo punto di vista non ci ha consentito solo a saccheggiare la natura e distruggere, dice il filosofo. Inoltre ha distorto il nostro modo di Pensare, come possiamo proteggere la natura. Egli si riferisce all’emission trading, che rende possibile acquistare il diritto di danneggiare il clima e sulle “soluzioni” che quantificare il valore della natura in dollari e centesimi.

Guarda il Video 01:59 Condividere

Come si fa a emissioni di CO2 di trading?

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/15HyJ

Info film: Come è con la CO2?

Della natura per dare un prezzo, non ha alcun valore

Secondo un rapporto del World Wide Fund For Nature (WWF) distribuire gli oceani della terra, dei beni e servizi per un valore di 24 miliardi di dollari USA.

“L’oceano è maestoso, perché lui è più grande di noi, perché egli ci rende muti perché veniamo da lui, perché il nostro corpo dall’oceano”, dice Akomolafe. “Quando guardo l’oceano come un qualcosa che può acquistare un Jeff Bezos o un Putin, egli è per me la meno preziosa.”

Invece, egli ci invita a “incontra la natura” e ad aprirsi a un approccio che “appare forse come una ‘soluzione’: Che potrebbe significare l’oceano, come un anziano per essere considerato come un’istanza autonoma, e per imparare ad ascoltare la sua saggezza di messaggi.”

Leggi di più: Amitav non Ghosh: che Cos’è l’Occidente per la crisi climatica-e capire

In un momento di crisi multiple domanda le persone a soluzioni concrete. Ma Akomolafe sostiene che è proprio l’idea che ci sia una cosa come la risposta definitiva, è il vero Problema. Invece, abbiamo bisogno di lasciare che gli opposti del Problema e della soluzione delle crisi e di controllo dietro di noi.

Invece di risorse come i mari, attrezzata con sempre più costoso “price tag” di proporre a Bayo Akomolafe “volto della natura”

L’Illusione del controllo

Come Akomolafe era giovane, ha scelto la psicologia come materia di studio al fine di acquisire una conoscenza di base della mente umana. Nella sua tesi di dottorato, ha affrontato il benessere psico-terapeutico pratiche di tradizionale Yoruba guaritori. Secondo il loro punto di vista la mente umana non è una malattia Occidentale psichiatria per classificare.

Leggi di più: Come il clima di paura affare? Il cambiamento climatico colpisce molti in mente

Akomolafe vede la loro visione del mondo come qualcosa che è collegato in un modo complicato con gli altri e la nostra percezione supera. Per lui, questo punto di vista è un antidoto per la divisione Occidentale della realtà in “parole contro le cose, soggetto in oggetto, qui a lì, spirito contro la materia, di cultura contro la natura”, come egli dice nel suo Saggio “che Cosa Clima Crollo Ci Chiede”.

“Il cambiamento climatico è un Segnale che il mondo non può dirti cosa fare,” dice il Nigeriano filosofo. “E quindi dobbiamo imparare ad affrontare il mondo in maniera più profonda e nuova. E questo non significa dominare questo nuovo mondo percepito. Significa capire che siamo in controllo.”

La stabilità è un lusso

Bayo Akomolafe ha detto che il Coronavirus pandemia ci ricorda che la stabilità è un lusso

L’economia ha rallentato durante il Coronavirus pandemia. Improvvisamente c’è tempo per Pensare

Di tutte le crisi, il Coronavirus è pandemia nelle menti delle persone che attualmente presente. Lei ha messo il mondo in uno “stato di profonda incertezza”. La pandemia ha oscurato l’imminente collasso ecologico a un punto nel tempo le misure di protezione del clima sarebbe di fondamentale importanza.

Leggi di più: abbiamo Bisogno di lavorare di meno per salvare il mondo?

Per Akomolafe questo è un Momento per fermarsi e pensare: “Abbiamo profetizzato una società stabile, e poi dimenticare che la stabilità è un lusso, non un diritto dato da Dio.”

“Un corso di azione che abbiamo — come questo grande terreno organismo — è una soluzione binaria: il Virus per uccidere, per poi tornare alla normalità. Ma questo, forse, la comprensione di controllo — o questa comprensione di noi stessi — è la vera crisi. Che cosa succede se il controllo stesso è la crisi?”

Akomolafe scrive che bisogna “essere in tempi di urgenza, rallentare.” Ora, con l’economia mondiale ha rallentato, infatti, egli raccomanda che il nostro attuale incertezza, di accettare e imparare da esso. E di una cosa che sembra convinto: “non Abbiamo intenzione di mettere solo questo dietro di noi e la testa indietro per l’ufficio.”


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    Migliore Qualità Dell’Aria

    Mentre il mondo si ferma, ha ridotto l’improvvisa cessazione della maggior parte delle attività industriali, l’inquinamento dell’aria in modo drammatico. Le immagini satellitari mostrano una significativa diminuzione globale della concentrazione di biossido di azoto (NO2). Il Gas è principalmente emesse dalle auto e fabbriche ed è in parte responsabile per la cattiva qualità dell’aria in molte città.


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    Ridurre le emissioni di CO2

    Anche le emissioni di biossido di carbonio (CO2) sono diminuiti dal COVID-19-crisi. Quando l’economia perdere peso attività, sono anche le emissioni di CO2 sono in declino, più di recente, durante la crisi finanziaria 2008-2009. Solo In Cina, a causa dell’uscita delle emissioni di blocco ridotta secondo il sito web di Carbonio, la lettera a circa il 25%. Tuttavia, il cambiamento è probabile che sia solo temporaneo.


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    Un nuovo mondo per gli animali in città

    Mentre noi la gente ci trascina indietro, di fare uso di alcune specie animali che in nostra assenza. Meno traffico significa anche meno di piccoli animali come ricci, che è quello di Svegliarsi dal sonno invernale, uccisi dalle auto. Nel frattempo, forse anatre, o altri tipi di domande, dove tutte le persone sono. E in assenza delle solite briciole di pane nel Parco, è necessario per la ricerca di cibo.


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    Globale wild commercio di animali domestici nella critica

    Gli ambientalisti sperano che l’epidemia del Coronavirus contribuisce per il mondiale del commercio di specie selvatiche, halt è responsabile di un numero di specie è minacciata di estinzione. COVID-19 ha venduto la sua origine probabilmente in un cosiddetto “mercato bagnato” a Wuhan, il live di prodotti, e come un hub per i legali e scambiati illegalmente animali selvatici.


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    Le vie dell’acqua pulita

    Poco dopo che l’Italia aveva imposto il coprifuoco, immagini di crystal-clear canali di diffusione in Venezia in tutto il mondo, hanno mostrato un chiaro Blu invece della solita acqua fangosa. Dal momento che le navi da crociera sono, al Momento, l’inquinamento acustico sugli oceani. Questo riduce il livello di stress degli animali marini come le balene, che ora possono tirare un molto più tranquilli per la loro strada.


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    I rifiuti di plastica è in aumento

    Ma non è tutto una buona notizia. Un effetto collaterale di pandemia, il rapido aumento di plastica monouso, dispositivi medici, come ad esempio guanti monouso, per imballaggi in plastica. In quel tempo, la gente piuttosto ricorrere a cibi pre-confezionati. Anche caffè A go-il Servizio non ha riutilizzabile coppe da parte dei clienti, al fine di prevenire la diffusione del Virus.


  • Il Coronavirus e l’ambiente: Sette cambi

    La crisi climatica è ignorato – per il momento

    Dal momento che il Coronavirus ha dominato i titoli dei giornali, è stato spinto per la crisi climatica in Background. Questo li rende non meno urgente. Gli esperti avvertono di non ritardare decisioni importanti sul clima, anche se il COP26 è stato spostato al 2021. Anche se le emissioni sono diminuite dall’inizio della pandemia, ma che probabilmente non hanno effetti a lungo termine.

    Autore: Ineke Muli (ar)