Ebadi: morte, giudizio, non è una questione interna

0
49

La sentenza di morte contro il giornalista Ruhollah Zam in Iran è stato criticato in tutto il mondo. L’Iran non si assume alcuna ingerenza negli “Affari interni”. Premio Nobel per la pace Shirin Ebadi parla di resistere.

Irnaischer Giornalista Zam è stato condannato a morte

Deutsche Welle: Ruhollah Zam è scomparso durante un viaggio in Iraq. Poco dopo, apparve ammanettato in Iran, fu processato e condannato a morte. Reporter senza frontiere ha accusato l’Iran di Ruhollah Zam davanti agli occhi del mondo rapita. Essi credono che la Repubblica Islamica eseguirà lui, ora, davanti agli occhi del mondo?

Shirin Ebadi: Ruhollah Zam guidato dalla Francia da un canale di news sull’App messenger “Telegramma”. Su Zam pubblicato una serie di correggere, ma anche una serie di false informazioni. La domanda cruciale è se la sanzione per la diffusione di informazioni false dovrebbe essere la pena di morte. Se questo è il caso, avrebbe dovuto essere non è anche il capo della Iraniano, la radio e la televisione appartengono? Sotto la sua guida, molto di più sbagliato, i messaggi verranno diffusi come pubblicato da Zam mai.

La pena di morte in caso di Ruhollah Zam è un giudizio politico e non giuridico. Ha avuto un processo equo. Il verdetto ha coinciso con l’incontro del mondo, Consiglio di sicurezza, dove, su richiesta degli Stati Uniti, l’estensione dell’embargo contro l’Iran era all’ordine del giorno. Credo che le autorità Iraniane il pensiero che i media di tutto il mondo sarebbe impegnata con questa sessione e darebbe la pena di morte contro Zam alcuna attenzione.

Tuttavia, questo non era il caso: Non solo i media, la società civile Iraniana ha risposto a questo giudizio e condannato. Le esperienze del passato dimostrano che, Se la società Iraniana e la comunità del mondo sono di un argomento, di essere vigili, di abbinare i capi in Iran, la loro decisione di evitare spiacevoli conseguenze.

Le proteste contro la condanna a morte di Ruhollah Zam all’interno e all’esterno dell’Iran non sono efficaci, in grado di salvare Zam.

Premio Nobel Per La Pace Shirin Ebadi

Rohullah Zam dovuto lasciare l’Iran nel 2009, e successive asilo politico in Francia ricevere. Il governo francese ha condannato la sua condanna a morte. La francia è anche preoccupato per la Situazione di Fariba Adelkhah, un franco-Iraniano antropologo, che è stato arrestato in Iran e condannato a cinque anni di prigione di stato. Il portavoce del Ministero degli esteri Iraniano ha spiegato, tuttavia, la Francia non deve interferire negli Affari interni dell’Iran. Può aiutare la Francia Ruhollah Zam e Fariba Dadkhah?

Diritti umani applicabili universalmente. Il governo Iraniano la vede come loro diritto di affrontare le violazioni dei diritti umani in Palestina e Arabia Saudita. Ma si sono indignati quando in altri paesi del mondo a criticare le violazioni dei diritti umani in Iran.

La francia può girare per i diritti umani dell’ONU Consiglio. Questo Consiglio delle Nazioni Unite dovrebbe essere usato in casi di Zam o Adelkhah.

Fariba Adelkhah è stato preso in Iran come un ostaggio. L’antropologo presso l’Università di Parigi Sciences Po (Istituto di studi politici di Parigi, nota dell’autore. d. Red.) sono andato per una visita con l’Iran, quando venne arrestata. A causa della presunta “cospirazione contro la sicurezza nazionale” e fu condannato a cinque anni di carcere.

Ma la verità è che l’Iran prende i suoi cittadini con doppia cittadinanza, come ostaggi, al fine di perseguire obiettivi politici nel paese di cittadinanza. Spero molto che la Signora Adelkhah e tutti gli altri imprigionati in Iran ostaggi venire il più presto possibile.

Mi chiedo, ma allo stesso tempo tutti i paesi del mondo, le esigenze politiche del governo Iraniano, in tali casi, non sono conformi con esso. L’Iran deve interrompere l’assunzione di cittadini in ostaggio.

La magistratura in Iran, ha ripetutamente sottolineato la sua indipendenza. Ora c’è un nuovo giudiziaria boss, vuole parlare per la giustizia. Come si fa a valutare i nuovi sviluppi nel Iraniano giustizia?

Il capo del potere giudiziario, che è eletto dai religiosi e leader politico dell’Iran, e che per lui è responsabile. Il sistema di giustizia possono cambiare solo se le strutture di cambiamento di potere in Iran.

Shirin Ebadi è un Iraniano, avvocato e attivista per i diritti umani. Nel 2003, è stato assegnato il premio Nobel per la pace.

L’Intervista è stata condotta da Shabnam Hein.