Venezuela: Maduro Frontale presa di posizione contro l’UE

0
45

Il governo Venezuelano, Ambasciatore dell’UE. Gli osservatori vedono questo come un atto di disperazione, ma anche una cartina di tornasole per verificare la forza del regime.

Nel gennaio del 2019, l’Unione Europea, Nicolas Maduro, Presidente del Venezuela, ha presentato un Ultimatum per le sue dimissioni. Lunedì solo questo Presidente, l’Ambasciatore dell’Unione Europea in Venezuela, Isabel Brilhante Pedrosa ha fissato un termine di settantadue ore di tempo per lasciare il paese. In breve: La marea si è trasformata. Un anno e mezzo, la fine del regime di Caracas sembrava imminente. In contrasto, il governo Venezuelano è ora abbastanza forte da provocare un diplomatico confronto con Bruxelles.

La decisione Maduros ha rivelato la nuova coscienza di sé, del suo governo, ed espone una contraddizione fondamentale nella politica della comunità internazionale per il Venezuela ha condannato un governo illegittimo, e di rispondere al più alto livello per voi. E ancora: La UE è costretto nel caso attuale, per fare una dichiarazione, il governo Venezuelano e, infatti, la legittimità di essere riconosciuta.

Inefficaci le proteste della UE

“Condanniamo l’espulsione del nostro Ambasciatore a Caracas e si rifiuta. Prendiamo il solito necessario contro-reazioni”, furono le prime parole di Josep Borrell, l’alto rappresentante dell’UE per gli Affari esteri, quando ha appreso la decisione Maduros. Come lui, molti diplomatici e membri del Parlamento hanno respinto, sia in Europa e in America latina, l’espulsione di Ambasciatore dell’UE. Alcuni sostengono che la reazione di Bruxelles sarà limitato, alla fine delle note di protesta che, poiché la diplomazia, soprattutto rispetto a sistemi autoritari, è spesso impotente e la loro applicazione alimentazione viene a mancare.

L’area UE, Ambasciatore in Venezuela: Isabel Brilhante Pedrosa (maggio 2018)

“Qui, tutto dipenderà da cosa decidono i governi. Ma al Momento non credo che questo vada oltre le dichiarazioni di principio”, ha detto Nelson Castellano, un ex Diplomatico Venezuelano della comunità Europea in Belgio, rispetto a DW. “Questa è una disperata decisione Maduros alla luce delle nuove sanzioni Europee. Colpite i funzionari, che voleva controllare la frode per quest’anno è prevista l’elezione. (Il governo vuole tenere entro la fine dell’anno le elezioni parlamentari, ndr. d. Red.) È possibile, tuttavia, che a livello dell’UE, qualcosa di simile a un paio di mesi fa con l’Ambasciatore tedesco che sta per accadere, che è stato segnalato anche, ma poi il paese fu permesso di tornare”.

È più di diplomazia sul gioco

Una rottura completa tra Bruxelles e Caracas potrebbe avere un impatto sulle aree, che vanno al di là dell’aspetto puramente Diplomatica in aggiunta alla. L’avrebbe missioni, al fine di Osservatori Europei in Venezuela media di un paese che ha la maggior parte delle organizzazioni internazionali e istituzioni indipendenti segnalati. Nel lungo termine, la minaccia di stare lontano da attivisti internazionali, i difensori dei diritti umani e indipendente corpi diplomatici, dissidente raggruppamenti nel paese, quindi non ha posto e nessun punto di contatto, gli eccessi di potenza denunciare il commander-in-chief.

Guarda il Video 03:02 Condividere

Il Venezuela è in una doppia crisi

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/3c7QL

Con Corona, senza spirito: la crisi in Venezuela

“Come membro del Parlamento Europeo, condanno il vile risposta del regime di Maduro, Ambasciatore dell’UE a Caracas, per identificare, nei termini più forti possibili”, ha detto Leopoldo López Gil, membro del Parlamento Europeo e del padre del leader dell’opposizione Leopoldo López su Twitter. Ha aggiunto: “Una rottura delle relazioni diplomatiche tra l’unione europea e il Venezuela sarebbe solo portare a un peggioramento della crisi”.

Per l’Ex diplomatici Nelson Castellano Nicolás Maduro è il perdente in questo confronto. “Questa azione conferma la sua personalità autoritaria e porta ad un Isolamento maggiore. A breve termine sembra che tutto rimane lo stesso. Ma nel lungo termine, i paesi cambiano la loro politica verso il Venezuela. Si potrebbe dare più slancio al fine della tirannia, se una soluzione attraverso le elezioni a causa della mancanza di garanzie per perdere peso.”

Alcuni osservatori ritengono che l’Europa ha in tempi di pandemia altre priorità che dare la sua attenzione verso un conflitto senza fine, attraverso l’Atlantico.