Le persone con sindrome di Down: “non Siamo particolarmente malati”

0
46

In Germania ci sono circa 50.000 le persone con sindrome di Down. Studiare, lavorare, fare sport, disegnare, giocare di teatro e di scrivere qualche articolo per una rivista unica. “Orecchio bacio” è il nome di essa.

Gli autori della rivista “orecchie bacio”

“Ho la sindrome di Down, ma confermo tutto. Io non sono un Alieno, perché io sono l’io sono”, scrive Svenja Giesler in un articolo per la rivista “orecchio bacio”. Ha sottolineato che tutti dovrebbero capire questo e la rispetto.

Bonn rivista per 22 anni e ha già ricevuto oltre 400 i prezzi. Viene pubblicato due volte all’anno con una tiratura di quasi 3000 copie. Esso è indipendente ed è finanziato per risolvere esclusivamente dalla vendita. Un abbonamento di un anno costi di 23,60 Euro. La pubblicità non include la rivista, solo i testi e le foto da oggi la figura di circa 200 autori da tutta la Germania e la Svizzera. Essi sono tra i 17 e i 60 anni. Alcuni di loro vivono in un appartamento indipendente, con altre comunità della casa o con i loro genitori. La maggior parte di studio o di lavoro in uffici, stampa, negozi, cucine, centri di Imballaggio e laboratori per persone con disabilità. Scrivere per il “orecchio bacio” è solo un Hobby.

Varie edizioni di “orecchio bacio”

Il Nome di “orecchio bacio” risale a una delle prime riunioni di redazione, svoltasi in una giornata di Sole in una gelateria. Con un grande gelato davanti a tutto il Team ha trascorso un bel momento. Motivo sufficiente per un autore per pura fortuna, l’editor-in-chief di Katja de Bragança bacio sull’orecchio. Tutti risero e si intitola: “Un orecchio bacio!” E così il Nome è nato. Katja de Bragança, dice: “Abbiamo sentito e un sacco di sembra abbastanza. La maggior parte di va da un orecchio e con l’altro orecchio, di nuovo. Ma in parte è anche importante, e rimane in testa – e-bacio sull’Orecchio.”

Si può leggere molto bene e scrivere

Negli anni ‘ 80, Katja de Bragança studiato biologia presso l’Università di Bonn e lavorato poi come ricercatore presso l’Istituto di genetica umana, al fine di indagare le capacità delle persone con sindrome di Down. “Negli anni’ 80 e anche ‘ 90, era stato assunto che le persone con la sindrome di Down non può leggere e scrivere. Questa era una scuola di pensiero”, dice. Scioccata donne in gravidanza, al momento del loro Bambino con la trisomia 21 è stata diagnosticata. Molti avrebbe interrotto la gravidanza.

Katja de Bragança con uno dei tuoi “orecchio bacio”-colleghi

Dopo il suo Dottorato di ricerca, Katja de Bragança ha deciso di dedicarsi al quadro della Volkswagen Fondazione ha finanziato il progetto di ricerca, le persone con sindrome di Down. “Volevo esplorare ciò che parere la Potenza di un insegnamento e di come si può cambiare”, racconta. Si voleva dimostrare che le persone con la sindrome di Down può leggere e scrivere. Insieme con i colleghi, ha fondato la rivista, per il solo persone con sindrome di scrittura. “Un principio di base non è quello di correggere il testo – non è un errore di ortografia, e soprattutto non la grammatica. Ho notato che le persone con sindrome di Down sarà necessario scrivere in un modo interessante. Portare la roba al punto e spesso vedi Dettagli da una prospettiva diversa”, spiega.

Utilizzare per le persone con disabilità

Pia casa, in Svizzera, dice la domanda del perché lei scrive per “orecchio bacio”, molto chiaramente: “io scrivo testi per l ‘orecchio bacio”, perché non c’è niente di Meglio.” Natalie Dedreux di Colonia è uno degli autori. Anche lei vive con la sindrome di Down, ed è attivamente impegnata per i diritti delle persone con disabilità. Lei divenne noto attraverso un Incontro con il Cancelliere tedesco Angela Merkel. Al momento, Natalie su persone con sindrome di Down, ha detto: “Siamo speciali, non è malato.” “Orecchio bacio” è come una famiglia, dice, e aggiunge: “non Si fa un sacco di divertimento per scrivere i testi.”

Video conferenza in tempi di Coronavirus pandemia

Inoltre, Natalie Dedreux insegnato in un Blog privato al Pubblico che le persone con sindrome di Down hanno anche dei diritti, in particolare il diritto alla vita. Esso invita le donne in Gravidanza, il sapere che si dispone di un Bambino con la sindrome di Down, la gravidanza di non abortire, ma per dare al vostro bambino una Possibilità di vita.

La vita con la sindrome di Down: nulla, ma in basso

Anche Tabea Mewes porta un Instagram-Blog – sotto il nome di “#notjustdown”. Il ricercatore ha sottolineato presso l’Università di Bielefeld, Germania, ha un fratello con la sindrome di Down, che vivono con la sindrome è qualcosa di diverso in giù. Nel Blog, che ora ha più di 29.000 Seguaci, pubblicato insieme con suo fratello Mariano testi e foto di famiglia. “Penso che sia importante utilizzare i social media per ottenere più visibilità per le persone con sindrome di Down a produrre. Anche se si conosce mio fratello, conosco molto molti nella mia cerchia di amici molto poco circa la sindrome di”, dice Tabea. I Social media, tuttavia, offrono molte opportunità di fornire una visione di vita differenti mondi. Pertanto, si è costruito, l’Instagram canale.

Tabea e Mariano Mewes come utilizzare i social media

Mariana, la famiglia è stata sempre cercando di integrare nel suo ambiente e lo portano a una vita indipendente. Tabea dice che suo fratello aveva passato due stage in un Asilo nido, e di costruzione e società di installazione. Ha deciso di non, ma ancora, cosa voleva fare in futuro. Suo fratello non era un grande oratore e scrittore, ma il Disegno era forte, Tabea. Anche per musica, film e soprattutto la moda, ha interessato. Ma per essere un Designer, hanno bisogno di una formazione. Recentemente, Tabea è iniziato con tuo fratello, per la stampa di T-Shirt con Mariano disegni e vendere su Internet. “L’vendendo come il pane”, dice Tabea orgogliosi.

Circa il vostro Blog su Instagram e i social network Tabea e Mariana vuole trasmettere che le persone con disabilità sono molto interessato moda, musica e Film, un atteggiamento positivo, ma anche l’interesse e la simpatia che può suscitare. Tabea vogliono per andare con il vostro esempio e la gente con la sindrome di Down, la società non si integrano, in modo che possano vivere in un mondo parallelo, o ai margini della società terra.

Guarda il Video 03:56 Condividere

Egitto: la trisomia non è un ostacolo

Facebook Twitter google+ invia Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/3P4IX

Egitto: la trisomia non è un ostacolo