Microsoft Bordo non Attendere l’Autorizzazione per Importare i Tuoi Dati

0
72
Microsoft

La maggior parte dei browser offerta per importare i dati da altri browser quando si installa prima di loro. Questo è molto utile quando si sta facendo il passare da Firefox a Chrome, per esempio. Ma sembra che Microsoft Bordo browser è un po ‘ troppo proattivo—importa dati da Chrome e Firefox prima di chiedere il tuo permesso.

Come notato da Windows Centrale, il primo problema è venuto alla luce attraverso un dato che-eliminato Reddit post. Se il testo del post originale è andato, molti commenti confermato il comportamento di Bordo.
Quando si apre Bordo per la prima volta, immediatamente consente di importare i dati da Firefox e Chrome.

E allora, si chiede il permesso per l’importazione di dati. Se dite di sì, tutto è pronto. Se tu dici di no, è necessario eliminare i dati che esso ha portato.

Che tutto si svolge durante la “prima esecuzione”, che porta a un problema. È facile chiudere la prima esecuzione” e la tentazione di fare perché il Bordo è così vicino a Chrome si può sentire inutili per ottenere l’introduzione.

Ma se si ignora che l’introduzione, ignora la scelta di importare i dati, il che significa che il Bordo non può ottenere la possibilità di cancellare i tuoi dati se non si desidera importare.

In una dichiarazione alla Centrale di Windows, Microsoft ha ammesso tanto:

Durante la prima esecuzione, il cliente è presentata l’opportunità di mantenere o eliminare i dati importati. Questo dato viene eliminato se si sceglie di non procedere con l’importazione. Se il cliente disdice il nuovo Microsoft Bordo browser in modo anomalo durante la prima esecuzione (ad es. utilizzo di Task Manager), residuo di dati non possono essere completamente eliminati. Si consiglia ai clienti di non arrestare il processo di installazione prematuramente per garantire un risultato previsto.

Ci si potrebbe chiedere se Micrsoft piani per cambiare il corso e attendere fino a quando si chiede di spostare i vostri dati prima di eseguire la copia. Che non sembra essere il caso, come ha spiegato a Windows Central:

Crediamo che i dati del browser appartiene al cliente e hanno il diritto di decidere cosa fare con esso. Come altri browser, Microsoft Edge offre alle persone la possibilità di importare i dati durante l’installazione.

Preferenze del Browser, i dati possono sembrare innocui, ma è ancora una scelta bizzarra per chiedere perdono, invece di autorizzazione, soprattutto quando si tratta di toccare i dati utente.

via Centrale di Windows