Il populismo pusht tortura in America latina

0
72

Maltrattamenti da parte delle autorità sembrano appartenere ai tempi delle dittature. Ma l’eredità delle Giunte in America latina di oggi. Il populismo è, in molti luoghi, la soglia per tali atti di caduta.

Il giovane era stato sottoposto a gravi tormenti, la tortura. Più difficile wögen il sessualizzato Tortura aveva costretto lui completamente nudo. Con le manette, egli era stato picchiato, legato, e di funzionari di polizia con un manganello di abusi sessuali. L’avvocato Pablo Riviera, descrive un caso dal Cile, non da, per esempio, dai primi dittatura di Pinochet, a metà degli anni 1970, ma dall’anno 2019.

È uno dei 951 Annunci che si sono registrati per l’Istituto Nazionale per i diritti umani nel contesto delle proteste nel mese di ottobre 2019. “L’eccessivo uso della violenza, come nella repressione delle proteste, tanto che si è parzialmente simile a quello che abbiamo descritto come brutale, disumano o degradante o anche per la tortura”, dice l’avvocato Argentino Juan Méndez dal Washington College of Law dell’Università Americana, è stato tra il 2010 e il 2016, il Relatore speciale delle Nazioni Unite per la tortura.

Una spirale di violenza

Arcaiche pratiche come questi esistono in molti paesi dell’America latina, ha continuato. Affidabile Numeri di confrontare le condizioni dei singoli paesi, oggettivamente, non ci sono secondo Amnesty International. E soggettivamente, un’immagine distorta, segue avvocato per i diritti umani, Méndez dice: “I casi in cui i prigionieri politici torturati, come in Venezuela e Nicaragua, sono molto più rilevante rispetto agli altri.” La ragione principale di questo è che la classe media si identificano con loro.

L’avvocato per i diritti umani Juan Méndez è stato Relatore speciale sulla tortura delle nazioni UNITE

Nelle democrazie, dice Méndez, si potrebbe supporre che la politica tortura appartengono al passato, ma non la Tortura dei criminali recidivi. E di solito è più grave quando le vittime sono Indigeni, Neri o persone socialmente ed economicamente più deboli strati. In particolare, la tortura di sospetti criminali in Messico, per essere diffusa, Méndez dice, soprattutto in connessione con la criminalità organizzata.

La Situazione in Messico, spiega Stefan Rinke, latino America storico presso la Libera Università di Berlino, è stato da un lato, un risultato di interessi economici nel lucroso affare della droga: “La criminalità organizzata praticata la tortura, a sua volta, con grande brutalità.” Questo reciproco vendetta necessità che spinge una spirale di violenza sarebbe risultato.

Un patrimonio di età superiore a dittature

Il Problema in Lateinamikerika è così importante, sembra Rinke nella storia della Regione: “l’America latina non aveva bisogno di dittature, di scoprire la tortura.” Ma il Regime militare aveva aperto con il terrorismo di stato in una nuova Dimensione. E continua, anche se con durezza ridotta, fino a oggi, in molti luoghi, perché la polizia e le unità militari e / o riformato dopo la transizione democratica. Anche a causa di violazioni di tortura divieti sarà sanzionato solo raramente.

Anche se la tortura è stato così intenso, come una volta, sarà il danno non è basso, dice Rinke, soprattutto da quando le violazioni sono difficili da rilevare.

Il populismo abbassa la soglia per

Di base una riforma della polizia, o un cambiamento sostanziale sia per gli esperti non si aspettano attualmente. L’atteggiamento di molti politici, al contrario, che sono stati scelti per la loro promessa di una politica della “Mano dura”. Come un esempio estremo, uno storico chiamato Rinke Brasile, dove i politici di difendere la tortura all’aperto. C’è anche previsto passaggi, come in Venezuela, Nicaragua e Messico.
Inoltre, Méndez dice, il rifiuto della tortura era mai stato evidente: “Se i politici non hanno bisogno di sapere che è utile, al fine di combattere il crimine”. Tuttavia, gli attivisti per i diritti umani cautamente ottimista: “penso che sia un continente senza la tortura è possibile, magari non nella mia vita, ma di certo nei miei figli e nipoti”.