Un giorno a Moers

0
43

Un festival di musica in tempi di Corona? Questo è tutto il circa? Moers è presentato pandemia a causa di digitale e ancora essere lasciato fuori. E il pubblico, il tifo insieme a casa tramite Livestream.

Tecnico di trascinare un tamburo per il viso maschera è obbligatoria

Si entra modesto sala polivalente nella zona della Ruhr città di Moers, la prima cosa che si vede è la Corona relative precauzioni che si conosce già: Sul pavimento della ENNI sala eventi con ingressi e uscite e le distanze minime indicate. Mano la disinfezione delle stazioni sono disponibili, maschera è obbligatoria. Il cibo in uscita rispetto alla tribuna stampa è inteso solo per i dipendenti. Non troppo molti rappresentanti della stampa sono allo stesso tempo in sala, il numero di biglietti per l’strettamente limitato, al momento di Lasciare la sala che si deve dare indietro. E per il pubblico? Seduto a casa e seguite il Live Stream. Soltanto i dipendenti e alcuni giornalisti sono ammessi.

La sala è una camera oscura, le sedie distanti fra di loro e non può essere pazzo, una tecnologia Arsenale di telecamere, microfoni, monitor, mixer e cavi. Due fasi sono impostati su lati opposti della sala. Da un lato, un buio fa da sfondo un enorme fulvo, una nave spaziale, una tenda.

Finalmente il permesso di giocare

Per tutti i musicisti con i quali ho il secondo giorno del festival di Moers parlare, è il primo post-Corona si verifica. Tutti sono felici. “Ora ho la sensazione che la vita ricomincia”, dice Silke Eberhard. Il sassofonista tedesco, ha chiesto il Festival, da sei membri, femminile, Formazione a mettere insieme: due percussionisti, Tastiera, pianoforte, sassofono e voce. E ‘ stato il primo incontro del progetto “51%”; il Nome si riferisce al femminile proporzione di popolazione mondiale. Che non si era ancora liberata dagli stereotipi e un po ‘ di Dolci previsto, è stato disingannato. Sei acceso, un suono della valanga è stata seguita da altri. Il gioco è probabile che anche il Computer, il Livestream spettatori nella vita domestica in camera per il Tremore portato.

I musicisti hanno bisogno di queste modifiche di aspetto, così Silke Eberhard: “Normalmente, ti piace giocare vicino all’altro e di sentire l’energia dell’altro. Se si desidera mantenere due metri o più di distanza, è diverso. Ora è: alza i toni. Ma anche di qualità. Ma, naturalmente, ci sono on-monitor da palco. L’aiuta.”

Miss Unimoers per rendere storica la genuflessione di Willy Brandt nel 1970 per i morti del ghetto di Varsavia

Nella hall dell’elettronica è onnipresente. Sugli schermi Perdere Unimoers fornisce una distrazione per l’occhio; è rappresentato da un uomo con una parrucca bionda e una tuta spaziale e mostra come un viaggiatore del tempo di 49 anni di storia tedesca – il periodo di tempo che esiste, Moers. L’incapacità di agire davanti al Blu, infiltrarsi e prendere gente come Direttore artistico in Moers, Tim Isfort.

Nessun tabù, anche classica

Il Festival non ha paura di nessun genere. Ma La Musica Classica? Molti presumibilmente del libero pensiero, gli amanti della musica, la tolleranza si ferma lì. Ma non a Moers. Il primo giorno di Musi, il Auner Quartetto da Vienna abbellito la diretta streaming. Sul oscurati palco, quattro musicisti di sedersi in uno Smoking o abito da sera e giocare davanti a sedie vuote, una fine del Quartetto per archi di Ludwig van Beethoven. Va a Segno e le gambe dell’avversario: incredibilmente triste, commovente, esaltante. Nella cornice del fulvo chiude gli occhi, mentre Miss Unimoers, per essere inserito, altrimenti tutti i tipi di anarchico azioni, guardando con riverenza.

Il Auner Quartetto arriva tramite Livestream da Moers nella vita domestica in camera

Cinque voci femminili della Formazione Sjaella e le corde della Auner Quartetto di portare il Repertorio di opere da Purcell a Beethoven. Ben diversa è la Formazione della valvola, l’artista vocale Ute Wassermann. “Non c’è nulla a tutti per la festa di questa sera,” dice. “Build-up, Soundcheck, e poi abbiamo giocato”. È il primo incontro di cinque uomini free-jazz di Formazione. La prima metà del set sembra anarchica, nella seconda metà di strutture musicali a farsi sentire. Si verificheranno, come i musicisti gradualmente a vicenda.

L’enfatico gioco da valvola simbolo, forse, è la Situazione di artisti freelance, che sono dovuti nel mese di Marzo evento esistente e divieto di viaggio davanti all’abisso. “Ho avuto la scossa di tutto wegschwamm”, dice l’Acquario. “E poi c’era Berlino-rapido e non burocratico, gli aiuti di emergenza. Ora, se si potrebbe andare per l’autunno, Inverno, più…” Può essere la paura non è produttivo? “In realtà, l’ho trovato abbastanza bello venire a riposo”, in caso affermativo si. “Quasi nuovo ad un allievo: studiare, leggere, fare di tutto, di quello che in realtà non ha tempo, se sei in una ruota di criceto.”

Al passaggio di una frontiera e di confine

Per i tre ragazzi di PoiL dalla Francia, i promessi Artisti è nel passato. “Continueremo a fare musica, ma non sappiamo come. Siamo in un aspettare e vedere atteggiamento”, dice il Bassista Boris Cassone. Per il Passaggio attraverso il chiuso il confine con la Germania, i tre erano armati con tutti i documenti necessari – ed è successo: niente. In questi strani tempi, questo è un messaggio.

PoiL, attraverso composta pezzi con crazy Canzone elementi. Due membri della band, il batterista Guilhem Meier e Tastiera artista Antoine Arnera, anche come solista: Meier con un suono Arsenale del suo Drum kit, Arnera alias Gwyn salsiccia con un energia che dà, a tarda notte, la Tastiera utilizzare.

Batterista Guilhem Meier ottiene solo un applauso da preservare

Dodici spettacoli del giorno: Come mantenere il flusso di consumatori? La varietà non è solo a causa di vari stili di musica, ma anche nei circa dieci minuti di pausa Tra Interviste con artisti, leggere le notizie, foto e illustrato, l’invio di un pubblico raccolto nella tenda attraverso l’Hashtag #club. Uno non scrive, lei è stata per la prima Volta in 44 anni. Questo dà l’impressione di Fedeltà di Moers pubblico.

Applausi in scatola

Dopo le operazioni, anche in tra, dà Moers-Comunità applausi, tuttavia, in Forma di applausi registrazioni passate annate. Non sempre ispirare gli artisti. “Trovo preoccupante”, dice Antoine Arnera, “come una Sitcom. Mi viene da ridere ogni Volta. Siamo molto abituati, a fronte di una urlando pubblico a giocare per. Qui in Moers, ci si sente proprio come un Festival. Ma è bello che almeno provato. Questo è molto importante”.

Tonificante per l’artista intervista: intervista in camera

Nel caso del sassofonista Niels Klein, tuttavia, il Festival Sensazione viene su abbastanza. “Un po’ più astratto, questa volta”, dice, “un po’ come una TV o una radio di registrazione. Ma almeno un paio di persone sono seduti intorno. Questo dà un’atmosfera rilassata e una connessione verso l’esterno è anche sentire. È bene utilizzare la tecnologia in questo modo.”

Il Festival non è ancora finita

Con quante persone ho imparato a questo giorno, molto vicini tra di loro? Con 30? O 40? Non è una sensazione di nausea, tuttavia, Il rischio di Virus cattura era gestibile. A un Festival con un pubblico che sarebbe impossibile. Per quanto tempo la crisi durerà, nessuno lo può prevedere. Nel frattempo, ha dimostrato Moers in una via praticabile.

Sono contento di aver fatto parte di esso, d’altra parte, è triste che era solo per un giorno. I Flussi che vengono offerti non solo vivere, ma anche on-demand, ci sono più di una consolazione. Rimangono anche dopo l’ultimo giorno del festival, lunedì di pentecoste, 1 ° maggio. Giugno, online e possono essere consultati qui.