Corona e abbiamo: giorni all’ombra del Virus

0
40

I medici, i gruppi a rischio, COVID-Ill: la Corona-la crisi ha cambiato la tua vita. Nel diario si può guardare dall’inizio della pandemia da persone in Germania, la loro vita in quarantena, la lotta contro il Virus.

La pandemia da mesi la nostra vita di tutti i giorni. Per molte persone, la minaccia di un onere, per alcuni, un pericolo. Ci accompagnerà M., un giovane uomo in quarantena, il rischio per i pazienti di Pietro Kowaleski, le suore Cattoliche, i Medici di Susanne Biemann e Karla Keller e il COVID-19-paziente Michael foresta da questo momento.

Domenica, 15. Marzo

Nella notte arriva , il 23-year-old M. un messaggio Whatsapp. “Volevo farvi sapere. Sono un positivo Corona è stato testato. Con il mittente, aveva trascorso dieci giorni in precedenza, la notte. Per dormire non posso pensare di ora. Invece, egli cerca in Internet per tutti i numeri di telefono importanti del medico di famiglia, il ministero della salute, il sito della Prova successiva. Quindi, ha inviato a tutti gli amici che ha visto negli ultimi dieci giorni, un messaggio. Si tratta di un sacco di.

Lunedì, 16. Marzo

Sorprendentemente rapidamente raggiunto m. la mattina, il Dipartimento di salute. 21. Marzo è di rimanere in quarantena. No, in assenza di sintomi, può essere verificata. Il Dipartimento di salute prende i suoi dati. Il dottore vuole che gli mandi un Malato nota nel Post. A quel punto, la chiamata al suo posto di lavoro. Lo Studente M. lavora come cassiera in un supermercato. Ora M. non può funzionare come un caso di sospetto, per il periodo di quarantena. Il test all’inizio di aprile all’Università in data sconosciuta spostato. Per il prossimo Semestre è ancora a mettere online qualcosa. M., che è altrimenti molto alla mano e socievole, comincia ad auto-osservare. Più facile un buon segno, raffreddore,? Ogni notte egli è con sua madre, dove vive, una febbre. Dieci volte che hanno giocato oggi, il Backgammon. Per la prima Volta, si sa qualcosa di Reale, con il suo tempo.

Martedì, 17. Marzo

Susanne Biemann ha, come dice lei, “eccezionalmente tranquillo week-end” di spalle”. La medicina palliativa di cura per malati terminali, pazienti a casa e ha avuto la sua reperibilità. Ma il telefono è rimasto in silenzio. “Come tutte le altre persone, i nostri pazienti sono impegnato attualmente con la nuova Situazione, con te.” Biemann è in realtà un anestesista e ha lavorato per molti anni nel reparto di terapia intensiva. Il tuo vecchio datore di lavoro ha già chiesto se potevano aiutare se il numero della Corona aumenta i pazienti in ospedale. Biemann ha accettato e vuole, se la situazione di emergenza, come attualmente si verifica, previsto per il loro cure palliative pratica, prendendo un congedo di assenza.

Susanne Biemann al capezzale di un paziente

Mercoledì, 18. Marzo

Il Gästehaus Kloster Arenberg è chiuso. Tutti devono lasciare. Sulla terrazza del Klostercafés l’ultimo degli ospiti per gustare il caffè al sole. Nessuno sa da quanto tempo la casa si apre di nuovo. “Questo è intenso,”, dice suor M. Ursula (44). Fa parte della pastorale della Squadra del monastero. Molti hanno percepito la casa come un’isola sicura, anche all’inizio della Corona-crisi. Per Arenberg Domenicani, di per sé, una media di età di 81 anni, è stato “un grande shock”, come si era permesso di festeggiare per una volta, non è giusto: “Anche in guerra, è stata celebrata l’Eucaristia.” Le loro vecchie sorelle, molti un cuore malato, il religioso di grande preoccupazione.

Pietro Kowalewski a Berlino avrebbe contro il Virus difficilmente ha la Possibilità. Quasi 80 anni, più del cancro aveva le operazioni negli ultimi anni sopportare. L’ultima Operazione riduce la dimensione del volume polmonare estremamente. Ora ha bisogno di regolare la fisioterapia. Tuttavia, gli sport di Studio, in cui il fisioterapista lavora ha chiuso. “Ho paura che, senza gli Esercizi, i miei polmoni sarà ancora peggio,” preoccupazioni Pietro Kowalwski. Tre ore più tardi, il Rettore chiede in una trasmesso indirizzo, tutti i tedeschi, di astenersi da contatti in larga misura.

Sabato, 21.Marzo

M‘s quarantena è finita. Ma in realtà, non cambia molto. La sua squadra di calcio gioca, Club e Uni sono chiusi, i suoi amici rimangono come a casa propria. Ora è quasi contento di avere un sistema rilevanti per il lavoro part-time come cassiera in un supermercato. La maggior parte dei nostri clienti ora sono anche più amichevole del solito, dice.

In germania, vicino up – guest house della congregazione delle Arens Berger Dominicana all’interno è chiuso

Domenica, 22. Marzo.

“Cari ospiti, senza di te … tutto è stupido” – inizia così la sorella di Ursula Video con le impressioni chiuso Gästehaus Kloster Arenberg: sala da pranzo, monastero di caffè, e tutto è vuoto e “stupido” e “primavera immagini” dal monastero Parco. “Sono presi cura di voi rimarrà”, il Video si conclude. Su Facebook, il commento di ospiti: “Che belle immagini in questo ‘sciocco’ di tempo!” Per tutte le attività sul Blog o sui Social Media, c’è una molto toccante reazioni, riferito al suor Orsola.

Il cielo blu sopra la Germania: nelle prime settimane di Corona pandemia, il sole splende, e soprattutto

Karla Keller è seduto in giardino. Schiuma di latte con il caffè, melanzane alla Griglia e un cielo azzurro senza Scie di condensazione. Un po ‘ assomiglia a una vacanza. Ma c’è un’ombra sul Idillio in giardino. Keller è un Medico in un piccolo ospedale in Renania. In poche ore, il turno di notte inizia, e si impara la tua prima Corona-pazienti. Lei ha dormito male per giorni, il Virus determina non solo tutti i messaggi, ma anche la cantina dei sogni. “E’ la calma prima della tempesta”, dice.

Lunedì 23 Febbraio. Marzo

In full gear: Medico Karla Keller deve tenere in contatto con una Corona-paziente indumenti protettivi

“La notte è stato spaventoso”, dice il Medico, Karla Keller. Lei suona stanco, proveniente direttamente dal turno di notte. La tua prima Corona-Paziente non è molto antica ed era in forma. “Eppure, ho dovuto spostare lui in unità di terapia intensiva. È spaventoso. Si ha la sensazione, che si avvia a zero.” Perché con COVID-19, con la del Coronavirus polmonare indotta da malattia può essere mortale, tu e i tuoi colleghi non hanno esperienza. “E tutto ciò che facciamo è collegato con un enorme sforzo logistico per evitare il contagio. Non è possibile x-ray veloce”. Un sacco di tempo per una conversazione, non Keller. I vostri bambini saranno felici che lei è a casa. Hai già preso i Pastelli fuori. Una distrazione della Corona nella vita quotidiana per tua madre.

Emozioni a Kloster Arenberg: Un dipendente è stato testato positivo per la Corona. Aveva tre sorelle di contatto. La quarantena è una sfida, dice suor Orsola, perché uno dei tre è appropriato: “Come si può spiegare a lei che la vostra camera non è permesso lasciare, mantenere la distanza di? La Situazione è anche per il nostro personale nella Cura schiacciante”. Anche voi non volete la sorella.

Mercoledì, 25. Marzo

Cure Palliative medico Susanne Biemann continua a gestire i malati terminali a casa. Anche nella vostra comunità di pratica, maschere e altri indumenti protettivi sono mancanti. I Medici hanno già pensato se uno deve la cura per alcuni pazienti, solo per telefono, per ridurre al minimo il rischio di contagio. Ma i malati hanno bisogno del contatto fisico. Molti sono insicuri. “In vista della minaccia COVID-19 con la paura che venga preso anche di più, con la Mano, come a lungo si può essere ancora in vita cresce in pazienti.” Il Medico prende durante le loro visite a domicilio, spesso più tempo. “Ora che abbiamo tutti, appena appuntamenti privati.” Il 44-Year-old ha cercato di rassicurare i pazienti e dare loro Fiducia. Hai bisogno, ma anche se stessi. “Devi stare in piedi contro il preoccupante e ovunque evidente subliminale Vibrare”, e descrive i sentimenti.

Venerdì, 27. Marzo

Pietro Kowalewski sta lasciando ora solo raramente la casa. Per cinque giorni nel suo blocco di appartamenti a Berlino non hanno né riscaldamento né acqua calda. Il sistema di riscaldamento è rotto, le parti sono dovuti a Corona è difficile scrivere la gestione in-house. “Questo è ancora un fattore aggravante”, dice l’ex ingegnere idraulico. Ora si fa sentire anche su di lui, che non ottiene la terapia fisica. Articolazioni e dolore al petto. I suoi acquisti qualcuno dal garden club di portare lui, ora. Altri amici a fornire pasti caldi e metterli di fronte alla sua porta. Così lui, la mancanza di contatti, tali Gesti percepisce come un “grande Affetto”.

In caso di Arenberg suore Domenicane del viso sono cucite le maschere. Suor Marietta (92), altrimenti responsabile per i religiosi, abiti, maschere prodotte “in produzione su larga scala”, ha detto suor Orsola. Le sorelle di pregare ogni giorno per tutti i malati e Cura. Assicuratevi di essere i tuoi compagni di sorelle in Bolivia, dove la febbre Dengue è furioso. Già, lo stato di salute di sovraccarico del sistema. Il religioso litiga con Dio? No, lei dice: “non posso litigare con la situazione dei rifugiati. Come possiamo permettere che siamo in una volta completamente non importa, il dado è ancora davanti alla nostra porta?”

Venerdì, 3. Aprile

M. è presso l’Università sorpreso. Quasi tutti i professori con le attività online. A partire dalla prossima settimana l’insegnamento inizia nel i gruppi di chat. Egli ora ha urgente bisogno di un Auricolare. Copia di carta e di inchiostro per andare alla fine. I tempi di consegna per i commercianti online per sempre. Così deve andare nella cerchia di amici in ricerca, domande di chi ha cosa di sinistra.

Sabato, 4. Aprile

Pietro Kowalewski è per molti giorni, per la prima volta nel suo piccolo giardino andato. Dieci minuti a piedi vi porterà un po ‘ di respiro. Un’ora di seduta, il bell’uomo di fronte al suo portico al sole. Di nuovo e di nuovo, giardino di amici, e di parlare con lui oltre la recinzione. È la prima bella, calda giornata di Berlino di quest’anno.

Lunedì, 6. Aprile

Funerale a Arenberg suore Domenicane: sorella Ambrosia era nato nel 1918 come l’influenza spagnola, milioni di persone in tutto il mondo ucciso. All’età di 101 anni muore nella Corona di una pandemia, ma non il Virus, dice suor Orsola. Un saluto ed un funerale essere effettuato con un sacco di distanza tra le sorelle, ma anche che era un lusso: Alcuni di ora non è possibile dire addio alla persona amata.

Il cimitero di Arenberg suore Domenicane a Coblenza

Medico Susanne Biemann, dopo dieci anni come specialista in anestesia dell’ospedale in una comunità di pratica per la medicina palliativa, commosso, ha, il Post dal vecchio clinica per ottenere. Un contratto di lavoro “per tutti i casi” se la Situazione negli ospedali dovrebbe intensificare. Il contratto prevede la possibilità per due o tre ore settimanali di lavoro come Stagista non ha orari fissi. Un “mini-job”, anche finanziariamente. Lei era un illuso, “” dice Biemann, che ha deciso il contratto non si firma. La clinica non trasmettere la sensazione di “essere drammaticamente necessari”. Nel loro malati terminali, molti dei quali sono malata terminale di cancro, ha un aspetto diverso. “Nel mese di novembre e in primavera, molte persone muoiono in particolare,” dice il Medico, dall’esperienza. Normalmente, si cura per circa 24 pazienti. Attualmente, ci sono – perché Biemann a causa di una vacanza, un collega deve essere rappresentato – anche 45.

Martedì, 7. Aprile

Pietro Kowalewski è molto eccitato. Il giorno prima che il tedesco onda di una trasmissione TV report su di lui. Poi il suo vecchio amore d’infanzia segnalato via e-Mail. Per quarant’anni non aveva sentito da Eli dal momento che si è trasferita in California. Ora è condividere la tua vita. “Abbiamo avuto una meravigliosa vacanza sul lago Tegernsee,” dice l’uomo gravemente malato. La monotonia di giorni è stata completata per lui una sorpresa.

Mercoledì, 8. Aprile

Michele foresta , offre se stessa in Johanniter ospedale a Bonn, in Germania. Si lamenta di febbre e “abbastanza un colpo di tosse”. Il 58-Year-old ha mai avuto una influenza o simili malattie, è familiare con i tipici sintomi come il dolore dell’arto e il disagio solo per sentito dire. Ora egli sente di esso: è un male. Dal momento che lavora come portavoce per l’ospedale, è chiaro: “ho bisogno di partire immediatamente per Corona di prova, al fine di proteggere il Resto del personale.”

Giovedì, 9. Aprile

Michael forest ha passato la notte in ospedale. Ma non è meglio – ha davvero un male. Forestali è stato infettato con il Corona Virus, soffre di COVID-19. Il livello di ossigeno nel sangue scende velocemente a solo un terzo della saturazione di ossigeno di un Sano. Selvicoltura dovrebbe essere trasferito al reparto di terapia intensiva. Scivola in bianco OP camicia, poi imposta la sua coscienza. I Medici hanno messo in un coma con un tubo in gola, si è ventilato artificialmente.

Venerdì, 17. Aprile

COVID-19-Paziente Michael foresta è ancora in coma nel Johanniter ospedale di Bonn, ed è su un respiratore. Il Giornalista ha presentato il coma sempre sonno tranquillo. Tuttavia, foresta-ha vissuto un periodo turbolento con intenso Sogni. “Un mix di chase, cose folli e vivere stazioni, che sono volato accanto a me. Trend: più negativo che positivo, esperienze”. Una volta che si è permesso di visitare sua moglie. Ma Michael foresta non nota.

Venerdì, 24. Aprile

Michele foresta è disegnato da settimane in coma

Dopo più di due settimane sulla macchina per la respirazione si muove a Michael foresta per la prima Volta dall’aria nei suoi polmoni. I Medici lo hanno svegliato dal coma. Come lui guarda giù, lui è inorridito “totale”. Ha spessore le dita gonfie e può a malapena a muoversi. L’acqua ha memorizzato nei suoi tessuti. Prude al suo naso. Bosco ha cercato di avvicinare la sua Mano al viso. Nessuna Possibilità. Egli è ancora troppo debole, tutto il suo corpo quasi paralizzato dopo settimane di coma letto. “Ho pensato, dopo un coma, è in qualche modo aggiornata sveglio. Ma che è stato per me, purtroppo.”

Martedì, 28. Aprile

Mentre il numero di nuove infezioni in Germania risale all’inizio di aprile lentamente, verschäft in altre Parti del mondo, la Corona-crisi. In caso di Arenberg suore Domenicane, si perde il Resto del mondo, non dal punto di vista. Superiora Generale suor Scolastica, Capo Supremo della comunità religiosa, scrive nel Blog: “la Cosa che per me e la mia comunità profondamente doloroso colpisce e mi ha fatto piangere, è un messaggio attuale, dalla Bolivia: suor Rosa Maria ha riferito che la scorsa settimana, un 12-anno-vecchia ragazza ha preso, perché, come la figlia di suo fratello minore già giorni affamati di sega voleva la famiglia con la sua morte, alleviare.”

Giovedì, 30. Aprile

Michele foresta è normale stazione spostato. Ora usa ogni Minuto libero, al fine di rafforzare i suoi muscoli indeboliti, e agganciando in la Bugia. Forestali lotte per essere completamente sano di nuovo. “Si ottiene niente per libero. Suppongo che ho bisogno di un anno per ripristinare lo stato che aveva prima della malattia”. I Medici sono stupito che si arriva abbastanza velocemente sulle gambe. Ma ancora la malattia non è finita. “C’è il pericolo che ho gli avanzi di cibo nell’esofago. Perché che potrebbe portare a una nuova infiammazione dei polmoni.” Forestali, di conseguenza, deve essere un sacco di Esercizi di respirazione.

Thumbs up: la diminuzione del numero di infezioni da coronavirus in Germania è felice Karla Keller

Mercoledì, 6. Può

Nell’ospedale di Karla Keller è attualmente esiste un’unica Corona-il caso trattato. La prima ondata sembra sia passato, i politici per allentare le restrizioni per la protezione contro il Virus. Il piano seminterrato, tuttavia, è anche preoccupato per coloro che non sono affetti da Corona. “Se le persone che soffrono di un attacco di cuore e non l’ospedale fiducia, allora questo può essere una fatale conseguenza della Corona pandemia”.

Sabato, 9. Può

Michele foresta è sul bordo del suo letto d’ospedale. Lui si sdraia di nuovo. Si siede di nuovo. Sedersi. Bugia. Sedersi. Bugia. Forse un centinaio di volte. “Io non sono fisicamente disegnato attraverso i ventilatori molto interessati”, dice la foresta. “Non sarà un po’ di mesi in cui devo costruire i muscoli della schiena che ho perso.”

Venerdì, 15. Può

Michele foresta è permesso di lasciare l’ospedale. Da un lato: un buon feeling. D’altra parte, il ritorno a casa di rispetto, lo ispira. “Perché la responsabilità dell’ospedale è trasferito ora per la famiglia. E tutti i dolori devono essere regolate a casa. Grazie a Dio mia moglie è farmacista, e in questo senso è molto ben versato.”

Lunedì, 18. Può

Suor Rosa Maria di Arenberg suore Domenicane segnalato dalla Bolivia: “L’epidemia si sta diffondendo ogni giorno di più. Qui a Santa Cruz ci sono circa 2000 sono incline, e i nostri ospedali non sono tali malattie. Ci sono, di dispositivi per la respirazione, indumenti protettivi, la medicina, e la necessità di portare a tutti qui del Paziente. Questo porta a una situazione di emergenza, perché il cibo è mancante. Il minimo richiesto è mancante”. I più Poveri vivono in uno spazio confinato, in la Corona-crisi a causa della distanza non può reggere. Dall’uscita del blocco hai perso tutte le tue opportunità di guadagno.

Arenberg Domenicani in Corona di attivo in Bolivia

Martedì, 19. Può

Susanne Biemann è esaurito. Undici settimane, ha lavorato bene in modo coerente. Molti dei pazienti che sono morti in questo momento. Per il vostro malattie incurabili, non COVID-19. “Nel mio lavoro di cure palliative medico è cambiato, in realtà, nulla,” note Biemann, per la Corona pandemia. “Ma nella mia vita.” Spesso si sarà rauca quando si arriva a casa la sera. “Mi devi spiegare ai parenti molto di più.” Molti rinunciano a visite, perché hanno paura di loro, malato terminale, i genitori, i nonni o i bambini con il Corona Virus in grado di infettare. Biemann ti è chiaro che il vostro soggiorno è molto peggio. “A distanza di regole, Sì, ma non rinuncia a visite.” C’erano le maschere, e disinfettanti. L’incertezza, potrebbe sentirsi Biemann per i loro pazienti all’inizio della pandemia, in molti casi, è andato. “Molti dicono: voglio indossare una maschera e che cosa non limitare. Sto morendo, comunque.”

Michele foresta , spera che la sua storia di malattia, la gente Pensa che Corona è ancora sotto-stima. “Io non me dare l’Illusione che l’inevitabile, meglio cambiare il tuo punto di vista. Questo accade solo quando abbiamo l’esperienza di una grande onda, se più gente ne parla o se ha catturato la celebrità.” Egli ha informato intensamente su COVID-19. “Non siamo ancora alla fine. Ogni giorno, nuove scoperte sull’impatto della malattia venire. Inoltre, i reni possono essere colpiti, compreso il cervello.” Forse questo porterà ad una maggiore attenzione a coloro che proteggere se stessi e gli altri.

Giovedì, 21. Può

Susanne Biemann è il weekend lungo utilizzato per Regensburg per auto. La prima vacanza dopo la fine di febbraio. Pianificata la formazione in servizio all’inizio di maggio a Merano è giù a causa della pandemia. Ora, si potrà gustare la ricreazione di più. “Ho avuto una grande vista del Valhalla (monumento nazionale, NB. d. Red.) sul Danubio”, dice Biemann, è lieta di annunciare che dopo settimane di uscita restrizioni sulla ritrovata libertà di movimento. “Questa è una prospettiva”. Per l’inizio di giugno, ha pianificato una vacanza di due settimane. “Io vado per un paio di giorni sull’isola di Usedom, e poi andare in montagne di Arenaria dell’Elba Trekking.” Il Medico vuole per ritrovare la forza, anche in vista dell’autunno. Da allora, si aspetta un ulteriore aumento infezione numeri. “Sono scettico”, dice, e il suo tono di voce rimpianto.

Aiuto arriva anche dalla Germania: nei Barrios cotta per migliaia di famiglie

Giovedì, 28. Può

In questo momento di crisi, i più Poveri tra i poveri donazioni. In presenza della casa di Arenberg Domenicani di donazioni per la Bolivia un andare. Ci cook che la sorella Rosa Maria e le sue consorelle per coloro che ancora non hanno soldi per sé e per i loro figli da sfamare. Le suore consegnare a più di 3000 famiglie, nei Quartieri, nelle bidonville alla periferia di Santa Cruz. Mentre la comunità è disposta, in Germania, per la ri-apertura della guest house e il lunedi di pentecoste, è una sorella Rosa Maria di grande preoccupazione: In alcuni Barrios, l’ultimo dei rifornimenti alla fine tutti i soldi che si riserva di residenti e il Resto del cibo nel piccolo negozio è vuoto.